RSS

Archivi categoria: MUSICA

Aretha Franklin, 70 anni ed un nuovo album

Per questo compleanno speciale l’icona del soul avrebbe dovuto sposarsi. Ci ha ripensato e ha comunque festeggiato l’importante traguardo della vita con rinnovata energia tuffandosi in un nuovo progetto lavorativo.
“E’ come avere 40 anni… Hai presente lo strano caso di Benjamin Button?” Risponde un’energica Aretha Franklin a chi le chiede come si sente a soffiare su 70 candeline.

La cantante soul, gospel & blues è nel giusto spirito: scherza tramutando i 70 in 50 a ogni domanda, sorride e festeggia nonostante l’età che avanza e un matrimonio sfumato (con l’amico Willie Wilkerson), perché per il compleanno ha una bella sorpresa, per sé e per tutti i fan: un nuovo disco, un’avventura che percorrerà assieme a quel mecenate della musica Clive Davis che negli Anni Ottanta l’aveva aiutata in una fortunata operazione di rilancio della carriera.

“Ho firmato con Clive, quindi lavorerò con Clive”, dice la cantante spegnendo le candeline di una torta a tre piani, per poi precisare: “Ad aprile ci vedremo per decidere che direzione prendere con questo progetto”.
Lavoro, sì, ma dopo il piacere: la notte del compleanno è fatta per festeggiare. E all’Helmsley Park Lane Hotel di New York la festa è in grande stile: cena placè, spettacolo di danza e mini-live di un giovane talento jazz, il pianista Kris Bowers. 
E tra gli invitati, un ospite speciale, l’amico ed ex fidanzato di pochi mesi che  taglia la torta accanto alla diva mentre gli amici intonano Happy birthday di Stevie Wonder. “Che sarà, sarà… si vedrà”, spiega una Franklin commossa e (in fondo) possibilista in merito a una nuova ipotesi matrimonio, che nell’immediato ha un solo, semplice desiderio: passare il resto del compleanno con i piedi su un tavolino alternando la lettura delle riviste a un po’ di tv, nel totale relax. (www.style.it)
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 marzo 2012 in aretha franklin, compleanno, MUSICA

 

L’ultimo palco di Ivano Fossati

Il cantautore genovese ritorna a casa dopo un viaggio durato quattro decenni e diciotto dischi, capace di segnare non solo il nostro tempo con canzoni divenute bandiere di un’epoca, ma anche la storia politica di questo Paese: “Non preoccupatevi, da domani potrete finalmente suonare quello che vi pare”

Chi si aspettava lacrime e rimpianti, è rimasto deluso, perché l’ultimo concerto di Ivano Fossati ieri sera al Piccolo di Milano, è stato all’opposto in linea con la carriera quarantennale del cantautore genovese: intenso, poetico e decisamente sobrio, con un’unica concessione al termine delle oltre tre ore di musica quando, da due cannoni ai lati del palco, sono stati sparati in aria coriandoli luminosi.
Sul palco, tra gli applausi e i boati del pubblico, se ne stava in piedi lui, arrivato al termine di questo lungo addio durato cinque mesi con una lucidità e una determinazione davvero feroci al punto di non commuoversi nemmeno davanti all’ovazione di cinque minuti che il teatro gli riserva prima dei bis finali. “Grazie, grazie a tutti. Quello che avete fatto è una cosa davvero eccezionale”.
Pochissime parole, una scaletta in linea con il tour e pochi fuori scena tra cui la bella sorpresa della band a metà concerto che, a insaputa di Fossati, attacca The End dei Beatles, dedicandogli una frase manifesto, soprattutto in questo contesto: “E alla fine l’amore che ricevi è uguale a quello che dai”. Per capire però l’impatto culturale, oltre che musicale, che Fossati ha avuto sul nostro Paese in questi quarant’anni, ieri sera era sufficiente, più
che ascoltare il concerto, osservare il pubblico, un gruppo di persone eterogeneo e trasversale, che mescolava tre generazioni e nomi differenti e apparentemente lontani come Sergio Cofferati e Noemi, Marco Mengoni e Dori Ghezzi.
Tutti lì, in fila, in piedi, a tributare l’ultimo applauso a uno dei pochi veri autori della canzone italiana, un uomo che solo alla fine, quando ormai la mezzanotte è passata e il concerto è finito, decide di sciogliersi e, imbracciato il flauto, intona Dolce acqua, un pezzo della sua prima band, i Delirium, datato 1971. In mezzo c’è una vita intera, ci sono le ventotto canzoni portate in scaletta, anticipate dalle citazioni del Milione di Marco Polo e le cui parole, non a caso, sconfinano proprio nella biografia di Fossati: “Davanti ai nostri occhi stava comparendo Venezia. Eravamo tornati a casa dopo tanti anni, e la mia barba si era fatta grigia”.
Non sarà Venezia, ma Fossati ritorna a casa dopo un viaggio durato quattro decenni e diciotto dischi, capace di segnare non solo il nostro tempo con canzoni divenute bandiere di un’epoca (La mia band suona il rock), ma anche la storia politica di questo Paese grazie a inni come Canzone popolare, che nel 1996 divenne l’inno del trionfo dell’allora Ulivo di Prodi. “Non preoccupatevi, da domani potrete finalmente suonare quello che vi pare” ironizza a un certo punto della serata rivolto alla sua band, prima di concludere il concerto, non casualmente, con le parole di un pezzo del 1993, Buontempo: “Oggi non si sta fermi un momento, oggi non si sta in casa, che è buontempo”. Poi si chiude il sipario, mentre qualcuno si asciuga le lacrime, qualcun altro scuote la testa e, dal fondo del teatro, sale solitario un grido: “Ripensaci!”. Ma difficilmente accadrà. (La Repubblica)
 

Pino Daniele, album lussuoso, chitarra ardente

Pino Daniele rappresenta meglio di altri le sofferenze di un artista nella crisi, con la deriva “talentistica” e la caduta di profilo di alcune majors discografiche. Bloccato nei budget, costretto a vendere le canzoni un tanto l’una manco fossero patate, e visibilmente a disagio, ha finalmente scelto l’indipendenza. Il risultato non è il «prodottino» di cui si discute in tv, ma un album inedito che tiene alta la dignità della musica popolare: nella versione fisica di «La grande madre», che esce oggi, c’è un autentico scatto di orgoglio cantautorale.
Il box contiene spartiti musicali, foto, testi, biografia. Una riapertura a chi ama i contenuti, a lungo trascurato come figlio di un dio non abbastanza modaiolo.
Ma è poi la musica a far la differenza rispetto ad un certo appannamento dell’ultimo Daniele. In 12 brani, c’è una dedicata esplorazione di varie sue anime chitarristiche: uno strumentale, «The Lady of My Heart»; la cover in italiano di «Wonderful Tonight» di Eric Clapton con il quale l’artista ha stretto una collaborazione. «Searching for the Water of Life» è un brano in inglese a favore dell’organizzazione «Save the Children», «Coffee Time» una immaginifica fuga jazzy che ritorna in «’O Fra» dove si riscopre la parlesia, quel gramelot napoletano frutto di lontane contaminazioni con la lingua di zingari rumeni dediti all’arte di strada. E poi brani più tradizionali in italiano come «Melodramma» o «Due Scarpe», mentre «La grande madre» è una dedica appassionata ai suoni contaminati dall’Africa.
Pino ha scelto anche collaudatissimi musicisti che già avevano collaborato con lui, da Steve Gadd alla batteria a Mino Cinelu alle percussioni; alcuni, come Omar Hakim già Weather Report e la pianista Rachel Z, lo accompagneranno pure nel tour che parte sabato prossimo da Cesena e andrà all’estero. «Il disco, e il tour, seguono Pino Daniele e non il mercato – dice lui orgogliosamente -. Il rischio me lo prendo io. Pensi che per “Melodramma” alcune radio hanno obiettato che ci sia la parte strumentale». I soliti problemi da analfabetismo marketing, ma Pino è convinto che si riaprano spazi d’ascolto in programmi dedicati: «Son convinto che tornerà la tensione informativa. Porto l’album in giro, lo venderemo noi, faremo il vinile. Chi segue questo tipo di musica lo prenderà, pure gli spartiti ormai si trovano solo su internet. Preferisco aver un atteggiamento sulla musica ancora più solenne, invece che esser costretto a star dentro binari prefigurati». Pensa ai concerti all’Apollo di New York e all’Università di Boston, è ottimista: «Non è vero che la musica non ha più interesse. Stanno cambiando i supporti, le opportunità, ma da lì a dire che la cultura non serva a niente ce ne corre. Noi che abbiamo una storia, un nome, dobbiamo stimolare la gente ancora di più. Ora c’è un’aria intorno che rende possibili questi ragionamenti».
Il tour: Cesena 24, Catania 29, Napoli 31/1 aprile, Roma 6 e 15 aprile, Firenze 19, Padova 21, Reggio Emilia 3 maggio, Bologna 5, Torino 7, Milano 13 e 25, Genova 28. (LaStampa)
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 marzo 2012 in grande madre, MUSICA, pino daniele

 

Addio……..piccolo, grande LUCIO !!!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 1 marzo 2012 in lucio dalla, MUSICA

 

Addio a Whitney Houston

Washington, 12 feb – (Adnkronos) – In una stanza dell’Hotel Beverly Hilton di Los Angeles si è spenta, in circostanze ancora da chiarire, Whitney Houston, leggendaria regina pop americana conosciuta in tutto il mondo come ‘The Voice’.
Figlia d’arte, una bellezza mozzafiato e grande talento. Soli 7 album registrati dal 1985 al 2009 e più di 170 milioni di copie vendute. Eppure – come lei stessa ha pubblicamente ammesso – da anni lottava con alcol e droghe. Un problema che forse spiegherebbe la sua morte prematura dal momento che, secondo la polizia di Beverly Hills, sul luogo del decesso non sono stati individuati “segni evidenti di dolo”.
L’Italia ricorda la sua memorabile performance nel 1986, al Festival di Sanremo, quando dopo aver conquistato il pubblico dell’Ariston con la canzone ‘All at once’ fu salutata con una lunghissima standing ovation. L’ultima sua apparizione televisiva italiana fu nel 2009, ospite della terza edizione di X Factor, dove presentò la sua ‘Million Dollar Baby’. Ma era già un’altra Whitney, provata dalle sofferenze personali – la fine del suo burrascoso matrimonio con il cantante Bobby Brown – e dalle terapie per uscire dalla tossicodipendenza. L’ultimo album (‘I look to you’) tuttavia, era bastato per far sperare in un possibile ritorno della grande stella del pop. E forse ‘The Voice’ stava veramente cercando di risalire la china: Whitney – riferisce Cnn – è morta alla vigilia dell’annuale Grammy Awards, al Staples Center di Los Angeles, e si era esibita giovedì scorso, in una serata di prova del più grande evento musicale americano. Inoltre ad agosto sarebbe uscito in tutti gli Usa un nuovo film, Sparkle, con la cantante nel ruolo di protagonista.
Figlia della cantante gospel Cissy, prediletta della grande Aretha Franklin e cugina dell’altrettanto celebre Dionne Warwick, Whitney Houston sale presto alla ribalta per le sue straordinarie qualità canore tipicamente rithm&blues.
A ricordarla per molto tempo ancora saranno senz’altro alcuni suoi brani di successo, capaci di emozionare il pubblico più delle sue apparizioni cinematografiche: ‘Saving all my love for you’, ‘How will I know’, ‘The greatest love of all’. Il suo album ‘The Bodyguard’ del 1992, colonna sonora del film in cui recitò a fianco di Kevin Costner, entra nelle top ten mondiali degli album più venduti di tutti i tempi.
Dopo Micheal Jackson, il mondo della musica americana è di nuovo in lutto per l’addio di un’altra indimenticabile stella.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 12 febbraio 2012 in morte houston, MUSICA, whitney houston

 

Mina: “mi piacerebbe un CD con i Foo Fighters"

Roma, 2 feb. (Adnkronos) – “Mi piacerebbe assai fare un disco con i Foo fighters”. Lo confessa Mina nella sua rubrica delle lettere su ‘Vanity Fair’, rispondendo ad una domanda rivoltale da un fan su quale artista le piacerebbe avere accanto per un duetto.
“Con gli amici ci chiedevamo con quale artista internazionale ti piacerebbe duettare. E così abbiamo stilato una lista di artisti che potrebbero piacerti: Madonna, Lady Gaga, Liza Minelli, Cher, Barbara Straisand, Michael Buble, Joe Cocker, George Michael, Adele. Chi preferisci?”. E la Tigre di Cremona risponde: “Bella domanda. Nel vostro elenco mancano Sting, Tony Bennett, Anastacia e altri. Con ognuno di loro sarebbe interessante fare un progettone. Ma sai cosa? Mi piacerebbe assai fare un disco (accidenti, non mi sono ancora abituata a chiamarlo CD) con i Foo fighters. Pensa quanto sono pazza io… Il rock è sempre stata una passione che mi strappa i capelli. Mi piace in modo preterintenzionale. Non sembra, me ne rendo conto, ma io sono stata folgorata dall’arrivo di Elvis e compagni. Avevo quindici, sedici anni. E il mio innamoramento non passa. Anzi”, conclude Mina.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 2 febbraio 2012 in foo fighters, mina, MUSICA

 

Ivano Fossati, l’addio da Fabio Fazio.

Lo scorso 2 Ottobre aveva scelto il programma di Fabio Fazio,  “Che tempo che fa” per annunciare il suo ritiro dal mondo della musica e ieri sera Ivano Fossati è stato ancora una volta ospite su Rai3 con lo speciale “La musica che gira intorno ovvero Ivano Fossati” per congedarsi dal suo pubblico. Non è la prima volta che il programma condotto da Fabio Fazio propone delle puntate speciali dedicate a grandi protagonisti della musica, si ricordino per esempio le serate dedicate a Fabrizio De André ed Enzo Jannacci: questa sera il pubblico e i fans avranno modo di omaggiare uno dei più grandi cantautori italiani.
Ivano Fossati è attualmente impegnato nel tour di promozione del suo ultimo album Decadancing” e negli scorsi mesi ha espresso l’intenzione di ritirarsi dalle scene. Ieri sera il cantautore genovese dunque ha salutato il suo pubblico e si è esibito proponendo i suoi brani più famosi da “Una notte in Italia” a “Mio fratello che guardi il mondo“, “Viaggiatori d’Occidente” fino a “La costruzione di un amore“.  Durante la serata Fossati ha ricevuto anche l’omaggio di alcuni amici come Zucchero e Fiorella Mannoia, lo spettacolo ha previsto inoltre un collegamento da Rio De Janeiro con Laura Pausini: la cantante in tour in Sud America  ha eseguito “La mia banda suona il rock“, uno dei suoi cavalli di battaglia durante i live in tutto il mondo. Fiorella Mannoia e Zucchero hanno dato vita ad un inedito duetto sulle note di “La musica che gira intorno“.
Tra i momenti imperdibili della serata ha emozionato poi un’intensa versione unplugged di “Pensiero Stupendo”; brano da sempre affidato all’interpretazione di Patty Pravo e che Fossati ha eseguito solo una volta dal vivo a Venezia. Da ricordare  anche i duetti di Fossati con Zucchero con “L’amore fa” e con Fiorella Mannoia con “I treni a vapore”.
Ci sarà tempo anche per le riflessioni e le considerazioni sulla vita, sulla musica e sulla carriera:  essendo genovese Fossati ha parlato anche della sua città e della recente disastrosa alluvione che l’ha colpita. La serata si è conclusa con la toccante e intensa esecuzione di Ivano Fossati al piano con  “C’è tempo” che segna (forse) la fine della sua lunga e felice carriera.