RSS

Archivi categoria: facebook

Facebook: arriva il tasto "Non mi piace".

Ce ne accorgiamo ogni qual volta un amico pubblica sul suo profilo Facebook una notizia raccapricciante, o semplicemente inopportuna: non esiste un modo per esprimere il nostro disappunto. O perlomeno per esprimerlo in modo conciso, senza fare commenti. Ci vorrebbe un tasto Non mi piace, così giusto per chiarire come la pensiamo senza troppi arzigogoli.

A dire il vero, Mark Zuckerberg starebbe pensando da tempo alla possibilità di arricchire la propria creatura con un tastoDislike. Anzi, per qualcuno è solo questione di giorni: presto, ciascuno di noi potrà puntare il pollice all’ingiù dinnanzi a qualsiasi contenuto indesiderato.

Pensandoci bene nulla che ci cambi la vita e nemmeno la giornata. Ma per Facebook il discorso è diverso. Per il social network più affollato del mondo la possibilità di capire qual è lo stato d’animo dei suoi utenti ha tutto un altro valore.

E se finora l’interesse si è concentrato perlopiù sui sentimenti positivi degli utenti – “Le azioni tendono a concentrarsi sulle interazioni sociali positive”, aveva dichiarato qualche tempo fa Bob Baldwin uno degli ingegneri di punta della società californiana – oggi a Menlo Park c’è chi crede che a dettagliare i profili degli iscritti in tutti i loro aspetti, positivi e negativi che siano, c’è solo da guadagnarci.

In fondo una bella fetta del mondo social dispone già di strumenti analoghi: YouTube, ad esempio, permette di puntare il pollice in entrambi i versi, Reddit prevede il downvote di un articolo e Pandora dà modo ai suoi utenti di rifiutare un suggerimento musicale qualora non sia gradito.

Lo stesso Facebook, a ben guardare, dispone al suo interno di strumenti sviluppati per raccogliere il “sentimento negativo” degli utenti verso questo o quel contenuto, si pensi ad esempio all’azione che permette di nascondere post ritenuti offensivi o alla possibilità di eliminare alla radice certi annunci pubblicitari che appaiono sulla colonna di destra.

Dunque l’innesto di un tasto Non mi piace non farebbe altro che ampliare questa conoscenza, consentendo allo staff di Facebook di capire qualcosa di più sui nostri gusti e sulle nostre preferenze, come chiarisce un alto dirigente della società intervistato dalla ABC: “Stiamo progettando di raffinare questi strumenti affinché gli utenti possano comunicarci con precisione quali sono i motivi per cui nascondono quel particolare contenuto”.

Insomma, a differenza del tasto Mi Piace, il “Dislike button” (o ciò che verrà) sarà qualcosa che servirà a Facebook – e non ai nostri amici – per capire perché non vogliamo che certi post si ripresentino sulla nostra bacheca. E regolare di conseguenza la pubblicità.

Vien da chiedersi se, prima o poi, a qualcuno non venga voglia di carpire pure la nostra indifferenza verso certi contenuti sociali. Io, per esempio, sono fra quelli che vorrebbero fra le opzioni un bel tasto E chi se ne frega.(Panorama.it)

 

Facebook cambia look: "rivoluzione" per foto, video e musica

(AGI) – Menlo Park (California), 8 mar. – Facebook cambia look con una ‘rivoluzione’ principalmente nella sezione notizie (news feed). Le foto, che rappresentano oltre il 50% del materiale condiviso dagli utenti, diventano protagoniste del social network, assieme alla musica che avra’ una sezione dedicata. Si tratta della piu’ radicale trasformazione di Facebook dal 2006, quando fu introdotto il news feed. Mark Zuckerberg ha spiegato che il social network diventera’ un “giornale personalizzato” con diverse sezioni da esplorare, orientate soprattutto su immagini e video. Il restyling  consentirà di organizzare meglio le ‘notizie’ pubblicate e di dividerle per area di interesse. Piu’ curata anche la parte ‘mobile’ per tablet e smartphone: da ora in poi ci sara’ un unico layout.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 marzo 2013 in facebook, nuovo look, TECNOLOGIA

 

Facebook: referendum per cambiare le regole?

Sta per scadere il tempo concesso da Facebook per partecipare all’ultimo referendum indetto per avere l’opinione degli utenti circa le modifiche allaNormativa sull’utilizzo dei datie alla Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità.
Il termine ultimo per votare, visitando l’apposita pagina sul social network, è infatti il prossimo 10 dicembre: dopo quella data, potranno accadere due cose.
 Se avrà votato per lo meno il 30% di tutti gli utenti del social network (quindi circa 300 milioni di persone), allora il referendum sarà ritenuto vincolante e Facebook rispetterà le decisioni degli utenti: se le modifiche non saranno piaciute, verranno cestinate.

Se invece il quorum non sarà raggiunto, allora Facebook considererà semplicemente«orientativi» i risultati, e potrà anche decidere di ignorarli.
Tra le novità che le modifiche comportano c’è l’eliminazione del meccanismo stesso di votazione; in realtà, il quorum non è mai stato raggiunto (e sull’impossibilità di raggiungerlo già da tempo sono nate diverse polemiche), quindi finora la sua utilità è stata minima. Se le modifiche passeranno, il sistema sarà abolito a vantaggio di un non meglio precisato nuovo strumento.
Al di là di questo, ci saranno novità con le aziende affiliate, con le quali Facebook potrà condividere alcuni dati per «promuovere l’uso efficiente ed efficace dei servizi»: tra queste “affiliate” c’è per esempio Instagram, la popolare app di condivisione delle foto.
Per quanto riguarda la proprietà dei contenuti inseriti dagli utenti il social network afferma infine che ogni utente completamente padrone di ciò che scrive o carica, e che le modalità di condivisione sono decise da lui solo. (da Zeus News)

 

Facebook, debutta il pulsante Ascolta per la musica

Su Facebook ha fatto il debutto una nuova funzione. Stiamo parlando del pulsante Ascolta, che si può trovare nelle pagine dei musicisti. Il social network di Zuckerberg così diventa un pò più simile a MySpace.
Premendo Ascolta, pulsante che si trova nella parte superiore della Timeline, si avvia l’applicazione associata (per esempio Spotify) per l’ascolto della musica in streaming. In questa maniera è possibile ascoltare la playlist dell’artista.
Il servizio non è lo stesso che si può trovare su MySpace, in quanto consente di accedere a un numero maggiore di informazioni.
Non a caso la scorsa settimana Spotify ha introdotto la funzione che consente di inserire una playlist all’interno di blog oppure nelle pagine di Facebook.
Questo sistema dovrebbe fornire una maggiore visibilità ai musicisti e a tutti coloro che cercano di far conoscere le proprie opere. (Pianetacellulare.it)
 
 

Un tradimento su cinque nasce dalla rete

Roma, 3 gen. (Adnkronos) – Il tradimento prende le mosse dalla Rete e nasce sempre più spesso sotto forma di bit. Sul banco degli imputati finiscono i social network: “Anche in Italia i sono diventati una delle cause più frequenti di infedeltà coniugale e di separazioni/divorzi”. A fotografare il fenomeno è l’avvocato Gian Ettore Gassani, presidente nazionale dell’Associazione degli avvocati matrimonialisti italiani (Ami) e autore del saggio ‘I Perplessi Sposi’. I numeri la dicono lunga: “Nel nostro Paese almeno il 20% delle crisi coniugali che arrivano in Tribunale – fa i conti il presidente dell’Ami – sono causate da Facebook (80% del totale) e da Twitter (20%). Si tratta di un fenomeno denunciato l’anno scorso dall’associazione dei matrimonialisti degli Usa e confermato dall’Ami. Le infedeltà riguardano coppie di tutte le età, anche quelle sposate da trent’anni e più. Facebook è virtuale solo all’inizio del rapporto, ma è poi occasione di incontri veri e propri (secondo il Centro Studi dell’Ami, il 70% si trasformano in scappatelle, il 30% diventano storie durature e parallele)”.
Spesso in Tribunale sono portate le prove di messaggi compromettenti scambiati sui social network. Ed è fiorente, assicura Gassani, il commercio di software per risalire alla password del coniuge iscritto su Facebook o Twitter. Anche il tradimento virtuale può essere causa di divorzio e di addebito. “Nel Sud si tradisce su Facebook come nel Nord – conclude il presidente dell’Ami – e questa è un’altra novita’ interessante”.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 3 gennaio 2012 in CURIOSITA', facebook, tradimento