RSS

Archivi categoria: CURIOSITA’

Facebook: arriva il tasto "Non mi piace".

Ce ne accorgiamo ogni qual volta un amico pubblica sul suo profilo Facebook una notizia raccapricciante, o semplicemente inopportuna: non esiste un modo per esprimere il nostro disappunto. O perlomeno per esprimerlo in modo conciso, senza fare commenti. Ci vorrebbe un tasto Non mi piace, così giusto per chiarire come la pensiamo senza troppi arzigogoli.

A dire il vero, Mark Zuckerberg starebbe pensando da tempo alla possibilità di arricchire la propria creatura con un tastoDislike. Anzi, per qualcuno è solo questione di giorni: presto, ciascuno di noi potrà puntare il pollice all’ingiù dinnanzi a qualsiasi contenuto indesiderato.

Pensandoci bene nulla che ci cambi la vita e nemmeno la giornata. Ma per Facebook il discorso è diverso. Per il social network più affollato del mondo la possibilità di capire qual è lo stato d’animo dei suoi utenti ha tutto un altro valore.

E se finora l’interesse si è concentrato perlopiù sui sentimenti positivi degli utenti – “Le azioni tendono a concentrarsi sulle interazioni sociali positive”, aveva dichiarato qualche tempo fa Bob Baldwin uno degli ingegneri di punta della società californiana – oggi a Menlo Park c’è chi crede che a dettagliare i profili degli iscritti in tutti i loro aspetti, positivi e negativi che siano, c’è solo da guadagnarci.

In fondo una bella fetta del mondo social dispone già di strumenti analoghi: YouTube, ad esempio, permette di puntare il pollice in entrambi i versi, Reddit prevede il downvote di un articolo e Pandora dà modo ai suoi utenti di rifiutare un suggerimento musicale qualora non sia gradito.

Lo stesso Facebook, a ben guardare, dispone al suo interno di strumenti sviluppati per raccogliere il “sentimento negativo” degli utenti verso questo o quel contenuto, si pensi ad esempio all’azione che permette di nascondere post ritenuti offensivi o alla possibilità di eliminare alla radice certi annunci pubblicitari che appaiono sulla colonna di destra.

Dunque l’innesto di un tasto Non mi piace non farebbe altro che ampliare questa conoscenza, consentendo allo staff di Facebook di capire qualcosa di più sui nostri gusti e sulle nostre preferenze, come chiarisce un alto dirigente della società intervistato dalla ABC: “Stiamo progettando di raffinare questi strumenti affinché gli utenti possano comunicarci con precisione quali sono i motivi per cui nascondono quel particolare contenuto”.

Insomma, a differenza del tasto Mi Piace, il “Dislike button” (o ciò che verrà) sarà qualcosa che servirà a Facebook – e non ai nostri amici – per capire perché non vogliamo che certi post si ripresentino sulla nostra bacheca. E regolare di conseguenza la pubblicità.

Vien da chiedersi se, prima o poi, a qualcuno non venga voglia di carpire pure la nostra indifferenza verso certi contenuti sociali. Io, per esempio, sono fra quelli che vorrebbero fra le opzioni un bel tasto E chi se ne frega.(Panorama.it)

 

Il combustibile eco si fa col microrganismo Ogm

Copiando il meccanismo della fotosintesi si produce energia dall’anidride carbonica
E’ stato sviluppato un microrganismo geneticamente modificato in grado di convertire l’anidride carbonica in un combustibile ecologico. La ricerca è stata condotta presso la University of Georgia e pubblicata suProceedings of National Academies of Sciences.
Il processo – Il team di ricercatori ha sviluppato una metodologia per selezionare la CO2 presente nell’atmosfera e trasformarlo in prodotti industriali, tra cui il carburante. Il metodo segue il percorso della fotosintesi attraverso cui le piante utilizzano la luce solare, per trasformare acqua e anidride carbonica in zuccheri, e se ne servono per produrre energia. I ricercatori hanno creato un microrganismo, manipolando il materiale genetico, per imitare il processo. Per lo studio sono partiti dal Pyrococcus furiosus un microrganismo che si nutre di carboidrati nelle acque surriscaldate dell’oceano vicine a sfiati geotermici:

Biomasse, adieu – Gli scienziati hanno poi modificato il microrganismo in modo che potesse alimentarsi a temperature inferiori. Hanno poi usato gas idrogeno per creare una reazione chimica nel microrganismo e integrato la CO2 con l’acido 3-idrossipropionico, una sostanza chimica industriale usata per fare acrilici e altri prodotti.
Michael Adams, a capo della ricerca, ha spiegato: “Grazie alla scoperta siamo in grado di eliminare le piante come intermediari, e di estrarre l’anidride carbonica direttamente dall’atmosfera per trasformarla in prodotti utili, senza dover passare attraverso elementi ricavati da biomasse altrimenti utili per l’alimentazione, come la coltivazione delle piante e l’estrazione degli zuccheri”. Oltre alla produzione di prodotti industriali, altre manipolazioni genetiche potrebbero consentire al microrganismo di produrre altri prodotti, compresi i combustibili.

I limiti – Tuttavia il ciclo di conversione dipende ancora dai combustibili fossili. Infatti, i ricercatori hanno utilizzato l’idrogeno come fonte di energia, la cui sorgente più facilmente disponibile è al momento il gas naturale, un combustibile fossile. Adams ha aggiunto: “Nella ricerca a lungo termine ci auguriamo di poter utilizzare idrogeno da fonti rinnovabili biologiche, come da alghe fotosintetiche o rifiuti dei prodotti di fermentazione”. In ogni caso, il combustibile prodotto con il Pyrococcus furiosus è a zero emissioni perché quando brucia rilascia la stessa quantità di CO2 utilizzata per crearlo e ciò lo rende più pulito di benzina, petrolio e carbone.(TGCom24)

 

Tunnel carpale? Arriva Bat, il primo mouse wireless levitante

Roma, 13 mar. (Ign) – Si chiama Bat ed è ancora in fase di test, ma l’obiettivo che si propone è quello di prevenire e curare una delle malattie contemporanee più comuni: la Sindrome del tunnel carpale.Si tratta del primo mouse wireless levitante. Presentato dal designer Vabin Kibardin sul sito ufficiale Kibardindesign, è dotato di una base composta da un anello magnetico che gli permatte di ‘galleggiare’ a circa 40 mm quando non viene utilizzato, per poi abbassarsi a 10 mm dalla scrivania quando invece vi si appoggia la mano sopra per usarlo. Il mouse raggiunge un’altezza minima supportando fino a 1 kg di peso.Proprio la sua particolare peculiarità di fluttuare in aria, a detta infatti del suo inventore, permetterebbe di risolvere alcune problematiche che investono chi, con il computer, ci lavora molto.La Sindrome del Tunnel Carpale è la neuropatia (patologia che colpisce il sistema nervoso periferico) più frequente ed è dovuta alla compressione del nervo mediano al polso nel suo passaggio attraverso il tunnel carpale.

 

Torna su RAI1 , a fine marzo "CAROSELLO"

ROMA – L’appetito, si dice, vien mangiando. E a Sanremo la Rai ha banchettato, con gli incassi alle stelle, in tempi di digiuno come questi,  grazie agli ascolti e perfino un margine in attivo (350 mila euro).
Così, dopo il lauto pasto, ecco servito il digestivo al gusto della memoria: dal serbatoio dei ricordi risbucano il mitico Carosello e l’Intervallo, sigle storiche legate all’età televisiva primitiva, chiamate a esercitare il loro fascino vintage per raccogliere spazi di investimento, con tanto di sigle riverniciate: Carosello reloaded e Intervallo 2.0. A lanciare l’idea è la Sipra (l’annuncio è stato fatto a Milano dal dg Luigi Gubitosi e dal suo predecessore Lorenza Lei, oggi a capo della società che cambierà anche denominazione in Rai pubblicità). Il nuovo Carosello andrà in onda alle 21 (dunque in mezzo all’Eredità) da fine marzo, avrà la stessa sigla, sia pure digitalizzata, e durerà 210 secondi con tre spot da un minuto, un minuto e mezzo. L’Intervallo, invece, non proporrà più il gregge di pecorelle, ma più prosaicamente maschererà soltanto nuovi spazi promozionali a pagamento.
RICORDI
Funzionerà il richiamo alla suggestione dei ricordi? Vale la pena ricordare che non si tratta della prima riesumazione di Carosello. Già nel ’97 ci fu un tentativo di rianimazione in forma di varietà (lo presentava Ambra Angiolini). La Sipra, ovviamente, gioca sul fascino di un prodotto che ha segnato la storia della tv ed è legato ai ricordi di infanzia di una generazione che oggi rappresenta buona parte della classe dirigente. Ma l’idea di Carosello nasceva dal fatto che in tv non si poteva trasmettere pubblicità all’interno dei programmi. Ogni siparietto, da un minuto e 45, era uno sketch, spesso affidato a grandi attori (da Sordi a Gassman) non solo italiani (Jerry Lewis, Frank Sinatra) e grandi registi (da Fellini a Luciano Emmer che firmò la sigla). Chiuse nel 77: era diventato obsoleto e, soprattutto, ciascuno spot era troppo costoso. Oggi le esigenze sono legate alla necessità di far cassa (il 2012 si è chiuso con 200 milioni di passivo) e al di là della sigla risulta difficile immaginare che ci possa essere qualcosa di paragonabile a quel Carosello. Semmai sarà l’occasione di poter fare tre minuti e mezzo di pubblicità in una fascia di altissimo ascolto. Quanto all’Intervallo diciamo che l’uso del termine è ancor più semplicemente suggestivo. Gli intervalli della tv in bianco e nero erano dei veri tappabuchi, a volte insopportabilmente lunghi, determinati da buchi di programmazione (si andava in diretta). Oggi quegli spazi sarebbero assolutamente artificiali, nient’altro che nuovi spazi da dedicare alla pubblicità. ( Il Messaggero.it)