RSS

Archivi categoria: asta

Cena con Bocelli per un milione e 400 mila dollari

Roma, 7 apr. – (Adnkronos) – Un milione e quattrocentomila dollari per una cena con Andrea Bocelli ed un soggiorno nella sua Toscana: è la cifra record battuta all’asta di beneficenza organizzata in occasione della serata benefica organizzata da Muhammad Alì, per il Muhammad Ali Parkinson Center, a Phoenix in Arizona.
Andrea Bocelli, che a dicembre scorso a Los Angeles ha inaugurato la sua Andrea Bocelli Foundation per aiutare le persone in difficoltà a causa condizioni di povertà e emarginazione sociale, di malattie e disabilità, è da sempre un sostenitore di molte iniziative di beneficenza, tra cui proprio quella dell’ex pugile. La somma milionaria versata da un anonimo partecipante, è stata la cifra più alta battuta nel corso dell’asta dove, per una cena al Reba McEntire di Beverly Hills, con Tom Hanks e Rita Wilson, tre offerenti hanno pagato 600 mila dollari ciascuno.
Il quasi milione e mezzo di dollari raccolto grazie a Bocelli è stata una cifra impattante sul ricavato totale della serata: 9,1 milioni dollari andati a beneficio del Muhammad Ali Parkinson Center al Barrow Neurological Institute di Phoenix, e di molti altri enti di beneficenza meritevoli.
Il prossimo luglio, qualche giorno prima dell’appuntamento sulle colline di Lajatico con il Teatro del Silenzio, la Fondazione Andrea Bocelli di cui il tenore è unico fondatore, presenterà i primi risultati del primo progetto sostenuto. Realizzato in partenariato con il MIT Massachusetts Institute of Technology, l’Università più famosa al mondo per l’innovazione tecnologica, il progetto voluto da Bocelli stesso ha l’ambizioso obiettivo di fornire a tutti i non vedenti uno strumento in grado di abbattere le barriere che impediscono di muoversi liberamente nello spazio circostante.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 7 aprile 2012 in asta, bocelli, CURIOSITA', solidarietà

 

McCartney offriva ‘lavoro’ a un batterista, all’asta la lettera.

Londra, 19 ott. (Ign) – E’ stata ritrovata tra le pieghe di un vecchio libro nel bagagliaio di un’auto a Liverpool ed è la testimonianza della più grande occasione mancata della storia della musica. La lettera, che andrà all’asta da Christie’s il 15 novembre (stima prevista 9mila sterline), è stata scritta il 12 agosto 1960 da un giovanissimo Paul McCartney ed è indirizzata a un anonimo batterista in cerca di lavoro.
I Beatles, che di lì a poco sarebbero partiti per un tour ad Amburgo ed avrebbero conquistato una fama mondiale, erano in cerca di un batterista e così McCartney, allora 18enne, prese carta e penna e rispose all’annuncio offrendo un’audizione al musicista disoccupato.
”Vorremo offrirle un provino per la posizione di batterista nel nostro gruppo – si legge nella lettera -. In ogni caso, dovrebbe essere disponibile da subito per un tour ad Amburgo (la spesa pagata sarebbe di 18 sterline a settimana per due mesi). Se è interessato chiami il Jacaranda Club e chieda di parlare con un membro dei Beatles”. L’identità del batterista è sconosciuta e non è noto neppure se quell’audizione abbia mai avuto luogo oppure se il musicista abbia rinunciato a presentarsi perdendo così l’occasione della sua vita.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 19 ottobre 2011 in asta, lavoro, mccartney, MUSICA