RSS

Archivio mensile:marzo 2013

Tunnel carpale? Arriva Bat, il primo mouse wireless levitante

Roma, 13 mar. (Ign) – Si chiama Bat ed è ancora in fase di test, ma l’obiettivo che si propone è quello di prevenire e curare una delle malattie contemporanee più comuni: la Sindrome del tunnel carpale.Si tratta del primo mouse wireless levitante. Presentato dal designer Vabin Kibardin sul sito ufficiale Kibardindesign, è dotato di una base composta da un anello magnetico che gli permatte di ‘galleggiare’ a circa 40 mm quando non viene utilizzato, per poi abbassarsi a 10 mm dalla scrivania quando invece vi si appoggia la mano sopra per usarlo. Il mouse raggiunge un’altezza minima supportando fino a 1 kg di peso.Proprio la sua particolare peculiarità di fluttuare in aria, a detta infatti del suo inventore, permetterebbe di risolvere alcune problematiche che investono chi, con il computer, ci lavora molto.La Sindrome del Tunnel Carpale è la neuropatia (patologia che colpisce il sistema nervoso periferico) più frequente ed è dovuta alla compressione del nervo mediano al polso nel suo passaggio attraverso il tunnel carpale.

 

Uno" sguardo" al nuovo Samsung Galaxy S4

(AGI) – Roma, 12 mar. – Non e’ ancora in grado di leggere nel pensiero, ma il nuovo Samsung Galaxy S4 e’ stato concepito per seguire e interpretare lo sguardo. Le indiscrezioni pubblicate dal New York Times danno per certa la rivoluzionaria tecnologia di ‘Eye tracking’ che permettera’ al super-smartphone di seguire i nostri occhi. L’ultimo gioiello del colosso sudcoreano sara’ quindi in grado scorrere le pagine quando si e’ arrivati alla fine del testo e di mettere in pausa un video quando si distoglie lo sguardo dal display. L’appuntamento per la presentazione e’ per il 14 marzo a New York, ma intanto sui siti specializzati si parla anche delle altre caratteristiche del Galaxy S4: schermo ad altissima definizione (full HD) da 4,99 pollici, 2 giga di Ram (molto piu’ potente di un netbook) e una fotocamera da 13 megapixel, piu’ del doppio del concorrente iPhone 5 di Apple. (AGI) 

 

Facebook cambia look: "rivoluzione" per foto, video e musica

(AGI) – Menlo Park (California), 8 mar. – Facebook cambia look con una ‘rivoluzione’ principalmente nella sezione notizie (news feed). Le foto, che rappresentano oltre il 50% del materiale condiviso dagli utenti, diventano protagoniste del social network, assieme alla musica che avra’ una sezione dedicata. Si tratta della piu’ radicale trasformazione di Facebook dal 2006, quando fu introdotto il news feed. Mark Zuckerberg ha spiegato che il social network diventera’ un “giornale personalizzato” con diverse sezioni da esplorare, orientate soprattutto su immagini e video. Il restyling  consentirà di organizzare meglio le ‘notizie’ pubblicate e di dividerle per area di interesse. Piu’ curata anche la parte ‘mobile’ per tablet e smartphone: da ora in poi ci sara’ un unico layout.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 marzo 2013 in facebook, nuovo look, TECNOLOGIA

 

Addio ad Alvin Lee, infiammò Woodstock con il suo assolo

In poche righe, pubblicate sul suo sito personale, le figlie e la compagna di Alvin Lee hanno annunciato la morte improvvisa, a 68 anni, del grande chitarrista britannico, causata da “impreviste conseguenze di un intervento chirurgico di routine”. “Abbiamo perso un meraviglioso e amatissimo padre e compagno, il mondo ha perso un grande e talentuoso musicista”, hanno scritto Jasmin, Evi e Suzanne sul sito. Era soprannominato  “Captain speed fingers”, per la velocità di esecuzione dei suoi assoli, come quello di I’m Going Home con cui infiammò Woodstock nell’agosto del 1969, insieme alla sua band, i Ten Years After. Il 7 aprile avrebbe dovuto tenere un concerto all’Olympia di Parigi

 
 

Metodo Vannoni sulle staminali?

Nelle ultime settimane si è parlato tantissimo del metodo Vannoni sulle staminali, un metodo scientifico che, attraverso proprio le cellule staminali, permette di combattere patologie praticamente incurabili. E’ stata la trasmissione Le Iene che ha voluto far maggiore chiarezza sul metodo Vannoni sulle staminali, un procedimento che è stato bloccato dal Consiglio Superiore di Sanità. Prima di scendere nei particolari riguardo tale blocco giudiziario, vogliamo spiegarvi in che consiste il metodo Vannoni sulle staminali.

Come funziona il metodo Vannoni

Si parte innanzitutto dal presupposto che le cellule staminali siano una grandissima risorsa per l’organismo umano, garantiscono praticamente la vita a tutti noi. Il metodo Vannoni sulle staminali prevede in poche parole che tali cellule siano estratte in modo attivo. Principalmente le si preleva dalla parte spugonsa dell’osso del bacino, tale osso viene poi lavorato ricavando cinque tipi diversi di cellule staminali, chiaramente ognuna ha le sue funzioni. Attraverso il metodo Vannoni sulle staminali queste vengono moltiplicate e iniettate in quantità maggiore nell’organismo umano. Con un massimo di due iniezioni di cellule staminali si avrà un miglioramento della patologia, debellandola completamente. Chiaramente, essendo una terapia e non un metodo miracoloso, può capitare che negli anni la patologia si ripresenti, ma grazie al metodo Vannoni sulle staminali si riuscirà sempre a combatterla.
Il perché del blocco giudiziario?
C’è stato però un blocco sul metodo Vannoni sulle staminali da parte della Comunità europea, questo perché il dottor Vannoni non ha scelto la strada della sperimentazione, come obbliga il Consiglio Superiore di Sanità, ma si è avvalso delle cure compassionevoli. In poche parole c’è stata un’interruzione perché le terapie non vengono svolte in un laboratorio farmaceutico e ciò non è permesso dalla Comunità Europea. (paperblog.com)