RSS

Petizione web per nuovo limite in aree residenziali d’Italia

02 Set

Roma, 2 set. (Adnkronos) – A 30 km all’ora in tutte le aree residenziali d’Italia, oggi con il limite di 50 km/h secondo il Codice della Strada. Parte domani sul web, apprende l’Adnkronos, una petizione popolare per chiedere al Parlamento l’adozione “immediata e non più rinviabile” di questa misura, già realtà in altri paesi europei e proprio in questi giorni in corso di valutazione a Milano, ma solo entro la cerchia dei Navigli.L’iniziativa è del movimento Salvaiciclisti, che per l’occasione si appoggerà a una delle più forti piattaforme di petizioni on line, change.org, in grado di raccogliere in breve tempo centinaia di migliaia di firme su progetti ritenuti di interesse collettivo. L’iniziativa verrà lanciata domani, lunedì 2 settembre, su Twitter, con l’hashtag #30eLode, e di seguito sugli altri social network, Facebook, Google+ e Linkedin.
“Da ormai troppo tempo sosteniamo l’urgenza di un cambiamento delle strade italiane per evitare la strage continua di pedoni e ciclisti – scrivono gli attivisti nella bozza di lancio della petizione -. Quasi 3.000 ciclisti e 8.000 pedoni uccisi sulle strade italiane è il tragico bollettino degli ultimi 10 anni di quella che sempre più somiglia ad una guerra, nel completo immobilismo delle istituzioni”.
”Per porvi freno, il movimento #salvaiciclisti lancia una petizione on line (change.org/30elode) indirizzata ai presidenti di Camera e Senato, al presidente della Commissione Trasporti alla Camera, Mario Valducci e, per conoscenza, ad altri parlamentari ed esponenti del panorama politico italiano per chiedere la riduzione dei limiti di velocità massima all’interno delle aree residenziali a 30 km/h ad eccezione delle arterie a scorrimento veloce”.
Il motivo per cui si è scelto il limite dei 30 km/h invece dell’ormai ultradecennale 50 è spiegato dagli stessi attivisti: “Ogni morto sulle strade costa mediamente alla società oltre 1,3 milioni di euro e, riducendo la velocità a 30 km/h, oltre a dimezzare il numero di morti e feriti in città, sarebbe agevolato anche lo sviluppo dei bambini, ormai impossibilitati a vivere la strada. Per contro, i tempi di percorrenza media per gli automobilisti aumenterebbero di appena il 3%; e significa offrire l’opportunità a chi conduce dei veicoli motorizzati di reagire prontamente ed evitare gli impatti che si possono verificare in strada: bambini che giocano, pedoni, ciclisti o anche animali che attraversano all’improvviso”.
Oltre al lancio della petizione, sul sito del movimento verrà anche inserita una presentazione che include un sunto della letteratura scientifica disponibile, delle esperienze provenienti nel resto del mondo e una confutazione punto per punto dei pregiudizi che solitamente circondano la mitigazione del traffico.
La richiesta dei 30 km/h, si ricorda, è uno dei punti fondanti del manifesto di #salvaiciclisti e dell’iniziativa “Caro Sindaco” che dallo scorso febbraio sviluppano un forte dibattito sui social media, hanno dato vita a una manifestazione a Roma con 50.000 persone e hanno portato ad aderire alle richieste del movimento 63 senatori e i sindaci di oltre 100 città, tra cui Milano, Torino, Roma, Napoli.
E proprio da Milano arriva il primo sostegno alla petizione. “La appoggiamo sicuramente, sarebbe un incentivo a proseguire nel nostro lavoro – dice l’assessore alla Mobilità, Pierfrancesco Maran -: ogni amministratore ha bisogno di sostegno in iniziative che toccano le abitudini stradali, e questo tipo di campagne serve a sensibilizzare i cittadini abitualmente ‘distratti’ su queste tematiche”.
Chi usa mezzi a motore, continua Maran, “deve sapere che in queste aree non è lui il protagonista della strada e deve prestare la massima attenzione agli altri utenti, quelli fragili. Oltretutto a 30 km/h è impossibile causare morti anche se si è distratti. Noi stiamo lavorando su una dozzina di quartieri della città, per dare vita alle zone 30, e credo anche che sia la prospettiva futura per tutte le aree residenziali. Ma non bastano i cartelli, occorrono misure infrastrutturali, come dissuasori, dossi, respingimenti agli incroci, riorganizzazione delle soste laterali”.
”Stiamo studiando – annuncia infine Maran – la possibilità di far parcheggiare le automobili più verso il centro della carreggiata per lasciare a destra uno spazio per le bici tra marciapiede e auto: questo ridurrebbe anche la sosta in doppia fila, altro grosso problema che stiamo tentando di risolvere”.
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: