RSS

Archivi giornalieri: 9 aprile 2012

Su ‘virtualtelescope’ lo spazio a portata di mouse.

Roma, 9 apr. (Adnkronos) – Aprile e’ il mese internazionale dell’astronomia. Una ricorrenza, giunta quest’anno alla sua terza edizione, che ha nell’astrofisico italiano Gianluca Masi un protagonista e un attore attentissimo. Da oltre cinque anni, infatti, con Virtual Telescope (www.virtualtelescope.eu) consente a tutti, anche a chi non puo’ frequentare i classici osservatori astronomici, di viaggiare fra gli astri e conoscerne segreti. E domani questa magia si ripetera’ dal tramonto all’alba quando Masi dara’ il via alla maratona Messier, un’escursione lunga una notte intera alla scoperta del celebre catalogo di Charles Messier con piu’ di 100 fra i piu’ bei corpi celesti (galassie, nebulose e ammassi stellari). Una corsa che lo scorso anno ha coinvolto 6000 persone da 150 Paesi. Chiunque potra’ parteciparvi rimanendo a casa propria: l’astrofisico, infatti, attraverso l’occhio tecnologico di Virtual Telescope condividera’ on line le immagini in diretta raccontandone la storia e il significato e interagendo in tempo reale con gli aspiranti cosmonauti.
Messier volle creare il catalogo, che poi prese il suo nome, per aiutare i cacciatori di comete a distinguerle dagli altri corpi celesti. L’osservazione delle comete, infatti, era molto importante al suo tempo, mentre le nebulose dai contorni poco definiti, e visibili in posizioni fisse del cielo, erano per lo piu’ ignorate, anche per la mancanza di mezzi tecnici (come telescopi sufficientemente potenti) che permettessero di studiarle in dettaglio. Ma, ironia della sorte, Messier divenne famoso proprio per aver catalogato gli oggetti che non lo seducevano.
“Il mese globale dell’astronomia – racconta Masi all’ADNKRONOS – nasce con il chiaro intento di favorire l’interazione fra culture e popoli diversi sotto il motto ‘Un solo popolo, un solo cielo’ perche’ da tempo immemorabile l’uomo di ogni latitudine condivide lo stesso patrimonio di emozioni e di conoscenze senza barriere ne’ confini. Il Global Astronomy Month e’ organizzato, per l’appunto, da astronomi senza frontiere (Astronomers Without Borders) ed e’ un appuntamento stabile che ha all’attimo due anni di successi”.
Aprile, fa sapere Masi, “prevede attivita’ in tutto il mondo. Il 15 del mese ci daremo tutti appuntamento su Saturno, proprio a ridosso del momento piu’ favorevole dell’anno per ammirare questo ‘Signore degli Anelli’. Il 27 una passeggiata lunare sara’ l’occasione per rivisitare il nostro affascinante satellite naturale che a fine mese mostrera’ il suo primo quarto lucente”.
Il mese internazionale dell’astronomia si concludera’, infine, il giorno 30 aprile “con una vera e propria caccia agli asteroidi quando, grazie a Virtual Telescope, si scandaglieranno i cieli alla ricerca di nuovi pianetini. E visto che l’escursione e’ condivisa in diretta – evidenzia Masi – il primo che segnalera’ la presenza di un ‘intruso’, potra’ anche vantare i crediti di scoperta dando il nome al nuovo asteroide. Questo impegno annuale – rimarca – e’ molto importante e sottolinea che la conoscenza e’ patrimonio di tutti. Spesso, infatti, si dimentica che il bello della conoscenza e’ che trova il suo momento di esaltazione proprio nella condivisione: tu, occidentale, racconti la tua storia all’arabo e lui a te componendo via, via una tela di scambio e narrazione che i riferimenti mitologici del cielo rendono ricchissima”.
Ad aprile si conclude inoltre il ciclo di incontri sull’idea dell’infinito che Gisella Luccone e Gianluca Masi del Virtual Telescope Project hanno tenuto nel reparto precauzionale G9 del Carcere di Rebibbia (Nuovo Complesso). A maggio, pero’, ci sara’ una piccola coda di questa iniziativa con l’esperienza di osservazione del Sole, mentre altre attivita’ nel carcere seguiranno a breve. A marzo, invece, Luccone e Masi avevano portato le suggestioni dello spazio nella mensa dell’ostello della Caritas a Roma Termini, “ricevendo multi spunti di riflessione dagli ospiti presenti”.