RSS

Archivi giornalieri: 31 marzo 2012

Svoltare sempre a destra fa risparmiare carburante?

Sì, ma soltanto negli Usa. Come mai? Perché negli Stati Uniti la svolta a destra è permessa anche col semaforo rosso, se le condizioni del traffico lo consentono. Per svoltare a sinistra occorre invece attendere il verde o il deflusso del traffico, con un conseguente spreco di carburante (e una minore sicurezza).


Risparmi milionari

Il corriere Ups ha voluto mettere alla prova la teoria progettando un software di navigazione che minimizza le svolte a sinistra. Usato su tutti i furgoni Ups, questo accorgimento ha consentito di risparmiare oltre 11 milioni di litri di carburante in un solo anno, con una riduzione delle emissioni di CO2 pari a 32 mila tonnellate e un consistente risparmio economico. Il “right turn on red” (gira a destra col rosso), una misura adottata per ridurre i consumi di carburante, è in vigore dal 1980 in tutti gli Stati Uniti (con l’eccezione della città di New York e delle località in cui la segnaletica lo vieti esplicitamente). In Europa lo consentono Germania e Russia, ma solo in alcuni incroci dotati di segnaletica specifica.

(Focus.it)
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 31 marzo 2012 in CARBURANTE, CURIOSITA', RISPARMIO

 

L’ora della Terra. dal WWF, in Italia e nel Web

Il mondo si spegne per un’ora: città, monumenti, singole abitazioni. 

Un gesto simbolico contro i cambiamenti climatici ma anche l’impegno, concreto, di ognuno sulla strada della sostenibilità.

L’Ora della Terra (Earth Hour) è il grande evento globale WWF per il clima che, prendendo spunto dal gesto simbolico di spegnere le luci di monumenti e luoghi simbolo, coinvolge cittadini, istituzioni e imprese in azioni concrete per dare al mondo un futuro sostenibile e vincere la sfida del cambiamento climatico.
Dopo la prima edizione 2007, che ha coinvolto la sola città di Sidney, la ‘ola’ di buio si è diffusa in ogni angolo del pianeta e nel 2011 è letteralmente esplosa, complice il tam-tam su web e social media, coinvolgendo quasi  2 miliardi di persone, 5200 città e centinaia di imprese e organizzazioni in 135 Nazioni, monumenti simbolo come Piazza Navona, il Colosseo, il Duomo di Milano, ma anche la Tour Eiffel, il Cristo Redentore di Rio, il Castello di Edimburgo, la ruota panoramica di Londra (London Eye), il Ponte sul Bosforo, le avveniristiche Kuwait Towers, le Cascate Victoria e il grattacielo più alto di Pechino, coinvolgendo comuni cittadini, testimonial, istituzioni e imprese a intraprendere azioni concrete per ridurre la propria impronta sul pianeta. 
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 31 marzo 2012 in CURIOSITA', earth hour, ora terra 2012, wwf