RSS

Archivi giornalieri: 8 febbraio 2012

Clinica del Sale”: 30 minuti come tre giorni al mare

Il mare d’inverno, per i più piccoli. Si trova in una stanza di 40 mq in cui pareti, soffitto e pavimento sono interamente ricoperti da salgemma per garantire un ambiente ipoallergenico. È una vera “Clinica del Sale” quella nata presso il reparto di Otorinolaringoiatria del Policlinico Universitario di Bari diretto da Nicola Quaranta dove ha preso il via una sperimentazione sull’utilizzo dell'”Aerosal”: 30 minuti al suo interno apportano gli stessi benefici di 3 giorni al mare. 
In questa fase il trattamento riguarderà l’ipertrofia adenotonsillare subostruente, l’ingrossamento delle adenoidi che consegue all’infiammazione della tonsilla faringea, comune nei bambini tra 3 e 10 anni, ma che può manifestarsi anche prima.
Attraverso un sistema di aerosol a secco si respirano piccolissime particelle di sale e iodio di dimensioni ideali per raggiungere tutte le sezioni delle vie respiratorie. Iodio e sale sono un toccasana per le adenoidi infiammate. La stanza ha un microclima stabile: un’umidità sempre compresa tra il 40 e 60% e una temperatura tra 18 e 24%.
L’Aerosal non è destinato, tuttavia, solo ai più piccoli e alle affezioni delle alte vie respiratorie. Entro alcuni giorni verrà avviato un trial clinico anche presso l’Istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano su pazienti che soffrono di psoriasi, coordinato dal primario dell’Unità di Dermatologia e Cosmetolgia dell’ospedale milanese, Santo Raffaele Mercuri.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 febbraio 2012 in adenoidi, aerosal, aerosol, SALUTE

 

In bagno il cellulare rimpiazza riviste e giornali

Roma, 7 feb. (Ign) – Tre persone su quattro vanno al bagno con il cellulare. Lo usano per telefonare, navigare su internet o giocare, rimpiazzando così libri, giornali e riviste tradizionali.
E’ Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale ‘Tutela del Consumatore’ di Italia dei Valori e fondatore dello ‘Sportello dei Diritti’ a divulgare i risultati di un sondaggio secondo il quale il 90% degli italiani risponde al telefono anche se si trova sul ‘trono’. Addirittura un uomo su cinque riconosce di aver partecipato a una conferenza telefonica mentre era seduto sull’asse del wc.
La rilevazione è stata effettuata da addetti dello Sportello dei Diritti mediante contatti telefonici su un campione casuale nazionale di 1.000 intervistati rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne. L’analisi prende spunto da un analogo sondaggio americano i cui dati riflettono sostanzialmente quelli nostrani.
La conseguenza di questa nuova tendenza è il numero di cellulari che finisce nella tazza del water. Infatti sono in aumento le riparazioni dei telefonini di cui il 6% a causa di infiltrazioni d’acqua.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 febbraio 2012 in bagno, cellulare, CURIOSITA', TECNOLOGIA