RSS

Caffé: le tazzine uniscono l’Italia

28 Gen
Roma, 28 gen. – (Ign) – Da Milano a Napoli, la tazzina parla dialetto e riscopre la ‘saggezza popolare’. A crearle Chiara Parazzini, un ex manager, che ha scelto di seguire la propria passione, dando vita a Ceramidea Digitale. “Abbiamo cominciato con un regalo a uno zio – racconta Chiara – che parla solo in dialetto e sostiene, a ragione, che le nuove generazioni l’hanno perso. Spesso io stessa non riesco a capirlo. Per esempio una volta mi ha chiesto: ‘‘Ti piacciono le magiostre?’’. E io sono rimasta perplessa. Non sapevo fossero le ‘fragole’”. “L’idea della tazzina in dialetto poi è piaciuta – spiega – e anche al bar dietro casa, gestito da partenopei, me ne hanno chiesta una con ‘A bona campana se sente a’ luntano’”.
E poi per il compleanno dell’amico è arrivata quella d’ispirazione romana – molto apprezzata – con ‘anni e bicchieri di vino nun se contano mai’, mentre per chi non ha fortuna con le donne è perfetto il milanese ‘ul vin e i donn, a tiran scemu l’om’. Utile per tutti, invece, non si sa mai il consiglio da tenere bene a mente ‘Se pecora fai lupo ti mangia’.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 gennaio 2012 in caffè, FOOD, tazzina

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: