RSS

"A noi Schettino a voi Auschwitz"

27 Gen
Una prima pagina che solleva un vespaio, soprattutto per la scelta di pubblicarla nel giorno della memoria. Il Giornale decide di andarci giù pesante per rispondere al discusso servizio-copertina del settimanale tedesco Der Spiegel, dedicato agli “italiani mordi e fuggi” – un’espressione, spiega il quotidiano della famiglia Berlusconi, “traducibile come italiani codardi” – e riferito alle vicende della Costa Concordia. “Con noi certe cose non accadono, perchè a differenza degli italiani siamo una razza”, questo il passo contestato dell’articolo dello Spiegel (tradotto dal Fatto Quotidiano), che evidentemente al Giornale non è andato giù.
“A voi Auschwitz a noi Schettino” è il titolo che spicca in prima pagina, sotto al quale campeggia l’editoriale del direttore Alessandro Sallusti che tira in ballo Hitler e la soluzione finale. Questi alcuni passi significativi dell’articolo:
“Secondo Der Spiegel siamo un popolo di Schettino e non c’è da meravigliarsi di ciò che è successo al largo del Giglio. Di più: siamo tutte persone da evitare, un peso per l’Europa, un ostacolo allo sviluppo della moneta unica. Loro, i tedeschi, sì che sono bravi, «con noi certe cose non accadono perché a differenza degli italiani siamo una razza (…) Che i tedeschi siano una razza superiore lo abbiamo già letto nei discorsi di Hitler. Ricordarlo proprio oggi, giorno della memoria dell’Olocausto, quantomeno è di cattivo gusto. È vero, noi italiani alla Schettino abbiamo sulla coscienza una trentina di passeggeri della nave, quelli della razza di Jan Fleischauer (autore dell’articolo) di passeggeri ne hanno ammazzati sei milioni. Erano gli ebrei trasportati via treno fino ai campi di sterminio. E nessuno della razza superiore tedesca ha tentato di salvarne uno”
Poi il paragone azzardato tra l’obbedienza alle leggi di navigazione e quella alle leggi razziali, che da più parti fa gridare allo scandalo:
“È vero, noi italiani siamo fatti un po’ così, propensi a non rispettare le leggi, sia quelle della navigazione che quelle razziali. I tedeschi invece sono più bravi. Li abbiamo visti all’opera nelle nostre città obbedire agli ordini di sparare su donne e bambini, spesso alla schiena. Per la loro bravura e superiorità hanno fatto scoppiare due guerre mondiali che per due volte hanno distrutto l’Europa”
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 gennaio 2012 in Auschwitz, giornale, razza

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: