RSS

Archivi giornalieri: 20 gennaio 2012

Un saluto a Giancarlo Bigazzi

Roma, 19 gen. (Adnkronos) – E’ morto il produttore discografico, compositore e paroliere Giancarlo Bigazzi, ex leader del gruppo degli ‘Sqallor’, autore di grandi successi della musica italiana come ‘Lisa dagli occhi blu’, ‘Gloria’, ‘Si puo’ dare di più’, ‘Gente di mare’. Bigazzi, nato Firenze il 5 settembre 1940, è deceduto nella notte a Viareggio dove era ricoverato da alcuni giorni nell’Ospedale Versilia.
Tra i grandi successi delle musica italiana, risale al 1968 ‘Luglio’ per Riccardo del Turco, poi verranno ‘Lisa dagli occhi blu’ (1969) cantata da Mario Tessuto, ‘Montagne verdi’ (1972) per Marcella Bella, ‘Erba di casa mia’ (1972) per Massimo Ranieri, ‘Gloria’ (1979) per Umberto Tozzi, ‘Gente di mare’ (1987) interpretata da Umberto Tozzi e Raf, ‘Gli uomini non cambiano’ (1992) per Mia Martini, Cirano (1996) per Francesco Guccini, ‘Il Pazzo’ (2002) per Mina.
Fra gli interpreti dei suo brani anche i Ricchi e Poveri, i Camaleonti, Ornella Vanoni, Nino Ferrer, Caterina caselli, Gianni Bella, Loretta Goggi, Marco Masini. Verso la metà degli anni ’70 inizia il suo sodalizio con Umberto Tozzi che portò al successo in veste di produttore, compositore e paroliere lo accompagna al successo. Per Tozzi Bigazzi scrive hit come ‘Donna amante mia’, ‘Io camminerò’, ‘Ti amo’, ‘Tu’, la già citata ‘Gloria’, ‘Stella stai’, ‘Notte rosa’, ‘Eva’ e ‘Si puo’ dare di più’, interpretata da Tozzi con Gianni Morandi ed Enrico Ruggeri.
Nel 1971 Bigazzi aveva intanto dato vita, insieme ai suoi sodali storici, il paroliere Daniele Pace, e il musicista Totò Savio, con i discografici Alfredo Cerruti ed Elio Gariboldi, al gruppo degli Squallor. Una goliardata fra amici nelle intenzioni dei loro creatori che avrà un inaspettato successo venticinquennale. Per gli Squallor Bigazzi scrive tutti i testi e ne interpreta qualcuno, apparendo anche come attore nei due film nei quali gli Squallor si cimentano: ‘Arrapaho’ e ‘Uccelli d’Italia’. Per il cinema è stato anche autore di colonne sonore: ‘Mery per sempre’ e ‘Ragazzi fuori’ di Marco Risi, Mediterraneo di Gabriele Salvatores.
Il Festival di Sanremo renderà omaggio a Bigazzi nella serata-tributo ‘Viva l’Italia’ di giovedì 16 febbraio, in cui ogni cantante in gara proporrà un brano celebre della storia della musica italiana. Gianni Morandi, infatti, aprirà la serata celebrando alcuni grandi autori di successi mondiali rimasti fuori dalle scelte dei Big in gara. L’eterno ragazzo canterà sia ‘Gloria’ che ‘Volare’ di Modugno ma anche probabilmente ‘Si può dare di più’, di cui quest’anno ricorrono i 25 anni. “Quando lunedì abbiamo deciso con Gianni questa cosa, mai avrei pensato che si sarebbe trattato di un omaggio postumo“, racconta il direttore artistico del Festival, Gianmarco Mazzi che si dice “profondamente addolorato dalla notizia: Giancarlo era un amico, lo conoscevo da molti anni. Aveva un temperamento molto forte. La cosa che mi consola è che per fortuna gli artisti come lui non muoiono mai perché continuano a vivere nelle opere che ci hanno lasciato”.
Addolorato anche Gianni Morandi che deve la sua vittoria al Festival proprio a lui. “La mia unica vittoria al Festival di Sanremo insieme a Tozzi e Ruggeri è legata a una sua canzone, ‘Si può dare di piú’ – dice il conduttore di Sanremo 2012 – In quel periodo, nel 1987, abbiamo passato molte giornate insieme nella sua casa di Firenze, anche con sua moglie Gianna che ora abbraccio affettuosamente”.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 gennaio 2012 in BIGAZZI, MUSICA, SQUALLOR