RSS

Archivi giornalieri: 11 gennaio 2012

Se arrivate in mutande, ve ne andrete vestiti

Parigi, 11 gen. (Adnkronos) – L’invito, del resto, parlava chiaro: “Se arrivate in mutande, ve ne andrete vestiti”. E’ per questo che un centinaio di persone, vestite solamente di biancheria intima, hanno preso d’assalto a Lione il negozio della catena di abbigliamento spagnola Desigual. La sfida, lanciata dai responsabili del negozio in occasione della prima giornata dei saldi di gennaio, era appunto quella di accogliere i primi 100 coraggiosi clienti che si fossero presentati “in mutande” e di offrire loro, gratuitamente, due capi a scelta.
Saranno i morsi della crisi, o il gusto della sfida, tant’e’ che l’invito e’ stato preso sul serio e la risposta, come ha riferito uno degli addetti al negozio, e’ stata “entusiastica”. Desigual aveva gia’ lanciato analoghe iniziative negli Stati Uniti, in Spagna e in Gran Bretagna.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 gennaio 2012 in CURIOSITA', desigual, saldi

 

Il DNA: 1000 dollari per la lettura in 24 ore

Riuscire a leggere il proprio genoma per intero è una cosa utile e interessante. Il vantaggio di leggere le tre miliardi di lettere che compongono il Dna potrebbe risiedere nella possibilità di sviluppare terapie individuali tarate sui geni di una persona. Ora è possibile ad un costo accessibile, circa 1000 dollari, problemi etici all’orizzonte.
L’apparecchio utilizzato si chiama Ion Proton, è un sequenziatore prodotto da una società di biotecnologie del Connecticut, la Life Technologies. Costa intorno ai 150 mila dollari ed è capace di leggere il Dna di una persona in sole 24 ore, mentre finora la lettura richiedeva non meno di una settimana e costava anche 10 mila dollari.
A giudicare dalla fatto che il Wall Street Journal e il Financial Times, due dei più importanti giornali economici, gli hanno dedicato addirittura la prima pagina, la notizia probabilmente solletica l’entusiasmo della comunità scientifica, ma anche del business legato alla salute.
Ma non tutti sono così eccitati, a cominciare da chi si occupa di etica per finire alle autorità sanitarie. E’ infatti vero che il costo limitato della macchina ne consente agli ospedali l’acquisto (costa meno di una Tac), ma gli entusiasmi si spengono quando si pensa al possibile utilizzo non sanitario.
Si pensa alle aziende o alle assicurazioni mediche. Queste potrebbero accedere ai dati del Dna di una persona prima di assumerla o di assicurarla. Così assicurazioni e datori di lavoro potrebbero operare delle vere e proprie discriminazioni selezionando in base alla predisposizione ad alcune malattie.
Se dalla lettura del Dna la variante di un gene indica la predisposizione ad una malattia, ciò non vuol dire che l’individuo si ammali con certezza.
Quindi il problema sta su come è trattata l’informazione, la mancanza di privacy potrebbe essere nefasta per una persona. (vitadidonna.org)
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 gennaio 2012 in dna, iron proton, lettura dna, SALUTE, TECNOLOGIA

 

La rivoluzione infinita dello schermo tv

Cornici che scompaiono e spessori sottili anche 4 millimetri. I nuovi Oled con colori più veri e contrasti più elevati di quanto vediamo nella realtà. Superfici che crescono fino a occupare un’intera parete. E tv sempre più smart, connesse alla Rete e da controllare con i movimenti del corpo e la voce, capaci di riconoscere il viso dello spettatore. E ancora: schermi da condividere ma che rimangono interi (bastano due paia di occhiali). La “vecchia” televisione non si ferma ed è anzi l’elettrodomestico casalingo che più sta conoscendo innovazione negli ultimi mesi. Tanto da essere la protagonista indiscussa del Consumer Electronic Show di Las Vegas targato 2012 (qui tutti gli articoli di Vita Digitale). Risolto o quasi il dubbio dei contenuti – molti sono arrivati, ancora di più stanno arrivando -, ne rimane un altro: le famiglie potranno davvero permettersi di provare a tenere il passo con quanto di nuovo, ogni mese, propone il mercato?
La rivoluzione del full HD risale a pochi anni fa, poi c’è stata – si parla di mesi fa – il lancio delle tv 3D. Oggi tra gli stand del Ces il 3D perde gli occhialini (anche se la resa ancora invita ad attendere) e la risoluzione da 1080 diventa ridicola di fronte alla tecnologia 4K che addirittura quadruplica i pixel a disposizione. Per non parlare del prototipo a 8K presentato da Sharp: le immagini viste allo stand giapponese parlano un linguaggio visivo che finora era sconosciuto. Ma proviamo ad andare con ordine. Quello che potrebbe essere uno dei prodotti simbolo dello show del Nevada di quest’anno è lo schermo Oled da 55 pollici presentato da Lg, un quadro tecnologico da appendere alla parete migliore della casa. Come detto 4 millimetri di spessore e 7,5 chili di peso: arriverà verso la fine dell’anno a un prezzo ancora da specificare. E che sarà intorno agli 8-10 mila euro. Non bazzecole, dunque.
Principale rivale di Lg, sul fronte delle novità più gustose, è l’altra coreana, il leader di settore Samsung che a sua volta ha presentato un tv Oled dalle caratteristiche simili (anche nel prezzo). Un percorso in parallelo che troviamo anche sul fronte della gestione della tv: mentre Lg ha mostrato in fiera quello che è in tutto e per tutto un clone di Kinect di Microsoft, Samsung ha “affogato” webcam e microfono nella cornice delle proprie tv. Una soluzione molto elegante che conferma l’alto livello di design dei prodotti della multinazionale. La tecnologia Smart Interaction permette di dialogare con lo schermo attraverso i gesti e la voce e di essere riconosciuti dal computer interno e ottenere così la propria configurazione preferita non appena ci si siede sul divano.
La televisione del futuro (e del presente) è smart grazie alla connessione alla Rete. Il che significa applicazioni, parola ormai magica e trasversale sui diversi dispositivi della nostra vita, e contenuti sempre nuovi e slegati dal palinsesto. In questo campo, lo diciamo da mesi, Google vuole giocare la sua partita e molti marchi presenti alla fiera, con Sony in testa (e presente fin dall’inizio del progetto di Mountain View), hanno presentato nuove soluzioni per la televisione marchiata Big G. In Italia non è ancora arrivata, ma già si assapora la novità che sarà portata dai 100 canali promessi da Youtube, il sito di streaming di proprietà di Google. Rimanendo invece alle novità proposte dalla multinazionale di Tokyo si segnala il prototipo che presenta una nuova tecnologia, chiamata Crystal Led, capace di mandare in onda colori al limite del credibile. Verrebbe da dire che sono così veri da sembrare in realtà innaturali.
Passando al 3D, la soluzione della tridimensionalità senza bisogno di indossare gli occhiali quest’anno è stata proposta da diverse aziende. Ma capofila in questo senso rimane senz’altro Toshiba, che di fatto è l’unico marchio ad avere alcuni modelli già in commercio. Come detto, anche con i nuovi apparecchi la resa non convince ancora del tutto, ma i passi avanti rispetto solo all’anno scorso sono stati davvero concreti. E grazie al Face tracking non c’è più la necessità di rimanere immobili per non perdere il punto di visione ottimale. Come anticipato, infine, la moltiplicazione dei pixel fino a risoluzioni degne dei migliori cinema mondiali è l’ultima tendenza del Ces di quest’anno. La tecnologia 4K è presente in molti stand e propone uno spiegamento di pixel pari a 3840×2160. L’alta definizione che è entrata da poco nelle nostre casa è già ormai vecchia. (Corriere.it)
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 gennaio 2012 in TECNOLOGIA, televisori, tv internet