RSS

Archivi giornalieri: 5 gennaio 2012

A 30 anni dal Commodore 64

Era il gennaio del 1982 quando al Ces di Las Vegas (nell’edizione Winter, all’epoca ce n’erano due) venne presentato il Commodore 64, il computer che ha preso per mano tanti adolescenti nel mondo per condurli nel nuovo mondo dell’informatica. La scusa era proprio quella di imparare il futuro, la realtà spesso si coniugava con infinite partite con gli amici al mitico calcio del Commodore (International Soccer, sotto un video commovente). Sono passati 30 anni da allora e ancora si sta discutendo – come scrive Luca Annunziata su Punto Informatico – se il C64 davvero è il computer più venduto di sempre (qui un po’ di numeri): con 17 milioni di pezzi e una configurazione immutata negli anni difficilmente qualche pc moderno potrà mai mettere in discussione la supposta leadership.

Il dato forse non è poi così importante: il Commodore era un simbolo, una macchina all’avanguardia per l’epoca (sempre su PI trovate un po’ di specifiche). L’inizio timido dell’informatica di massa. In Italia arrivò un anno dopo, nel marzo del 1983 (negli Usa era commercializzato già dal giugno 1982), dopo aver fatto bella mostra di sé allo Smau di un anno prima. E fu subito un successo, malgrado costasse all’epoca del lancio 973.500 lire (Wikipedia), cifra comunque minima per un computer allora, e fu infatti quella la chiave del successo (negli Usa costava 565 dollari contro i 135 stimati di costo di produzione della singola macchina). Sotto la pubblicità del 1982.

Sono passati appunto 30 anni e la cosa fa indiscutibilmente impressione a chi, allora, sul C64 faceva i primi passi nel digitale. Magari provando anche a programmare un software qualunque usando il manuale e il Basic, con un “if” sempre seguito dall’immancabile “then”. I ricordi sono tanti. Dalla devastazione operata sulla propria collezione di musicassette, perché Vasco ormai era passato di moda e serviva il nastro per registrare dall’amico compiacente BattleZone (pirateria da principianti), alla sfida assolutamente da tifosi con il compagno di banco. Lui aveva lo Zx Spectrum e sosteneva (pazzo) che fosse molto meglio. Perché ben prima di “Windows vs Mac” oppure “iOS vs Android” (ma anche “Fifa vs Pes” o “Cod vs Battlefiedl”), le sfide di religione digitale sono iniziate proprio allora. E il Commodore era molto meglio (tiè!). Tratto da Corriere della Sera

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 gennaio 2012 in Commodore 64, CURIOSITA', TECNOLOGIA