RSS

Archivi giornalieri: 2 gennaio 2012

Aghi per siringhe che non provocano dolore

Molti saranno felici di sapere che potrebbe essere vicino il lancio sul mercato di un innovativo tipo di aghi per siringhe che non fanno male: si tratta di microaghi composti da fibroina, la principale proteina della seta.
L’invenzione arriva dalla mano di un gruppo di ingegneri appartenenti alla Tufts University, i quali sono riusciti a trovare il modo per sfruttare le proprietà di morbidezza della seta per creare una struttura solida e rigida, capace di attraversare la pelle senza provocare dolore e rilasciare un medicinale in maniera adeguata. Il segreto si trova nella dimensione degli aghi. Difatti, sono talmente piccoli che il sistema nervoso non è capace di percepire la loro presenza, eliminando la sensazione di bruciore o dolore che si prova quando l’ago penetra la cute, purché il farmaco iniettato non sia una sostanza per sé irritante. I risultati dello studio, pubblicati di recente sulla rivista Advance Functional Materials, dimostrano che è possibile sintetizzare a partire della fibroina, una sorta di aghi lunghi 500 micron e larghi soltanto 10 micron, ossia la decima parte di un capello.
Con questi microaghi, i farmaci possono essere somministrati in modo assolutamente normale, senza subire alterazioni nella loro composizione né sull’attività biologica del principio attivo.
I microaghi sono lo sufficientemente lunghi da permettere il rilascio del medicinale, ma come detto in precedenza, la loro lunghezza limitata non stimola i nervi sottocutanei e dunque non vi è una risposta di dolore.
Gli specialisti hanno inoltre dimostrato l’efficienza dei microaghi in caso di rilascio prolungato di diversi tipi di medicinali.
 
1 Commento

Pubblicato da su 2 gennaio 2012 in aghi, CURIOSITA', dolore, SALUTE, siringhe

 

Le notizie più pazze del 2011.

Roma, 1 gen. (Adnkronos) – Notizie pazze per brindare con un sorriso al nuovo anno. Si va dall’uomo che abbandona la moglie in aeroporto perché ci mette troppo tempo in bagno, al cliente inglese risarcito perché la commessa del reparto verdura del supermercato pesava le tette insieme alla frutta. Sono ‘Le notizie piu’ pazze del mondo’, raccolte in un libro, come ogni anno, dal Centro di Documentazione Giornalistica. Nelle pagine del buonumore c’è di tutto: dal ladro che non resiste ad aggiornare il suo profilo su Facebook e viene perciò arrestato, all’allevatore geloso che marchia la moglie. E ancora si sorride leggendo della bimba canadese che fa causa al padre perché non ha voluto mandarla in gita o del pastore inglese che tinge di arancione tutte le pecore per non farsele rubare. Senza farsi mancare mogli o suocere vendute all’asta sul web e i ladri maldestri che chiamano la polizia perché rimasti bloccati in ascensore.
E ancora: c’è chi paga multe, calcolate dal 208 avanti Cristo, mentre a Bali un giovane fa sesso con una mucca e per punizione gliela fanno sposare. Da urlo la storia di un uomo dell’Ohio, condannato a sei mesi di reclusione, perché faceva sesso con il tavolino da pic-nic. E se ci sono mogli che costringono a mangiare torte ogni giorno, con il malcapitato ‘lui’ che chiede il divorzio dalla tavola, in Russia c’è pure chi viene beccato alla frontiera con un orso in auto. Senza dimenticare il pesce che mangia cioccolato, il gatto convocato come giurato o la donna olandese che chiama il suo ex 65.000 volte in un anno. Senza parole la storia del prete che in Messico benedice i fedeli con pistola ad acqua santa, o quella del capo cinese che è troppo ubriaco per guidare e si fa spingere la macchina fino a casa da dieci dipendenti. La filosofia di queste pagine è nella premessa: quando si è tristi si muovono 54 muscoli facciali, quando si è sereni soltanto 19. Almeno per economia, è sempre meglio sorridere.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 2 gennaio 2012 in CURIOSITA', notizie 2011, notizie pazze