RSS

Archivio mensile:gennaio 2012

Green Train: più veloci, meno costosi e più efficienti

Roma, 30 gen. – (Adnkronos) – I treni di nuova generazione, attivi sulle tratte esistenti, possono facilmente garantire velocità più elevate, minori consumi energetici, riduzione dell’impatto acustico e costi inferiori. Lo dimostrano i risultati dello studio svedese, condotto da ricercatori di Stoccolma, a conclusione del progetto quadriennale che ha visto il coinvolgimento di Bombardier Transportation fra i tre principali partner.
La finalità del progetto di ricerca ‘Green Train’, è quella di rendere le tratte di lunga distanza e quelle regionali veloci più attraenti per i viaggiatori e gli operatori. Il Green Train è un pendolino elettrico veloce, basato sul modello Bombardier Regina, che non solo è in grado di mantenere velocità più elevate rispetto ai treni tradizionali su tratte non rettilinee, ma anche di viaggiare a 300 km/h sulle linee appositamente dedicate all’alta velocità.
Tale progetto è stato condotto, in stretta collaborazione, dall’amministrazione dei trasporti svedese, da Bombardier, dal Royal Institute of Technology di Stoccolma insieme ad alcuni altri partner. Progettazione aerodinamica e motori più efficienti che generano elettricità in frenata, consentono al Green Train di ridurre i consumi di potenza dal 30 al 35%.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 gennaio 2012 in CURIOSITA', ecologia, green train, treni

 

Per bus e camion arriva la gomma ‘intelligente’

Roma, 27 gen. – (Adnkronos) – Aumenta la sicurezza in strada e si riducono i costi. Anche per camion e bus arriva il sensore ‘intelligente’ che monitora lo ‘stato di salute’ dei pneumatici. E’ Cyber Fleet, l’ultimo nato in casa Pirelli, che attraverso un sensore elettronico e un sistema telematico, è in grado di segnalare tempestivamente all’autotrasportatore e al gestore della flotta i dati relativi alla pressione e alla temperatura della gomma ma anche la posizione geografica del veicolo.
La presentazione è avvenuta in occasione del Truck Safety Day, giornata dedicata alla sicurezza stradale nel trasporto pesante, tenutasi oggi a Livigno, dove una pista innevata ha ospitato i test del nuovo pneumatico invernale della Serie 01 Pirelli. La caratteristica peculiare di questo sensore, chiamato Tms (Tyre mounted sensor), che lo differenzia da quelli tradizionali, “è che viene applicato direttamente al pneumatico e non alla valvola o al cerchio” spiega all’Adnkronos, Giorgio Audisio, responsabile dei progetti di sviluppo Cyber di Pirelli.
I vantaggi sono duplici: “la tracciabilità della gomma e la possibilità di conoscere i chilometri percorsi”. Informazioni che, sottolinea Audisio, “sono utili per una gestione puntale della flotta”. In questo modo non solo si garantisce una maggiore sicurezza per il guidatore ma anche una vita più lunga al pneumatico. Basta ricordare che “un pneumatico sgonfio, consuma più carburante e si usura prima”. Questo si traduce in una riduzione dei costi di gestione di ciascun veicolo.
Il nuovo sistema, dunque, è finalizzato a tenere le coperture sotto continuo controllo, rilevando eventuali anomalie, e garantirne la corretta manutenzione. Il sistema trasmette contemporaneamente all’autotrasportatore e al gestore della flotta, i dati raccolti dal sensore.
La flotta è così in grado di effettuare procedure di diagnostica e intervento, in modo da garantire massima sicurezza a ciascun mezzo pesante. Il processo di interpretazione dei dati non è solo affidato alla responsabilità del camionista, ma anche al flottista, che da remoto, cura la sicurezza dell’intera flotta. Il livello di responsabilità, sottolinea Audisio, “deve essere bilanciato anche perchè non è detto che l’autista sappia sempre come comportarsi”.
Le prestazioni del Cyber Fleet “sono le stesse rispetto al pneumatico tradizionale ma ovviamente la manutenzione accresce il suo valore. Cyber Fleet sarà testato “nel mese di febbraio in Brasile e a marzo in Europa e sarà disponibile sul mercato a partire dal prossimo settembre”.
“Secondo le nostre previsioni, aggiunge Ugo Forner, direttore divisione Truck Pirelli, nei prossimi 5 – 10 anni tutti i mezzi pesanti monteranno pneumatici dotati di sensori Tms che porteranno ad una maggiore sicurezza di marcia e ad una sensibile riduzione dei costi di gestione”, una soluzione innovativa che, secondo la Pirelli, può anticipare possibili future normative europee.
I nuovi pneumatici porteranno un contributo concreto alla riduzione dei costi di esercizio sopportati dal camionista: un mezzo infattti che monta pneumatici equipaggiati con questo sensore, che avvisa quando quando cala la pressione con conseguenti aumenti di consumi di carburante e segnala il livello di usura e quindi la necessità della sostituzione, può portare risparmi di 1000-1500 euro l’anno.
Il lancio di questo nuovo prodotto avviene a sette giorni dalla sigla dell’accordo volontario tra Pirelli e ministero dell’Ambiente, avvenuta a Milano nel corso del ‘sustainability day’. L’impegno siglato da Pirelli punta a ridurre l’impatto sul clima derivante dalle attività relative alla produzione e all’impiego dei propri pneumatici. La firma è avvenuta alla presenza del ministro Corrado Clini e del presidente di Pirelli, Marco Tronchetti Provera.
 
 

Caffé: le tazzine uniscono l’Italia

Roma, 28 gen. – (Ign) – Da Milano a Napoli, la tazzina parla dialetto e riscopre la ‘saggezza popolare’. A crearle Chiara Parazzini, un ex manager, che ha scelto di seguire la propria passione, dando vita a Ceramidea Digitale. “Abbiamo cominciato con un regalo a uno zio – racconta Chiara – che parla solo in dialetto e sostiene, a ragione, che le nuove generazioni l’hanno perso. Spesso io stessa non riesco a capirlo. Per esempio una volta mi ha chiesto: ‘‘Ti piacciono le magiostre?’’. E io sono rimasta perplessa. Non sapevo fossero le ‘fragole’”. “L’idea della tazzina in dialetto poi è piaciuta – spiega – e anche al bar dietro casa, gestito da partenopei, me ne hanno chiesta una con ‘A bona campana se sente a’ luntano’”.
E poi per il compleanno dell’amico è arrivata quella d’ispirazione romana – molto apprezzata – con ‘anni e bicchieri di vino nun se contano mai’, mentre per chi non ha fortuna con le donne è perfetto il milanese ‘ul vin e i donn, a tiran scemu l’om’. Utile per tutti, invece, non si sa mai il consiglio da tenere bene a mente ‘Se pecora fai lupo ti mangia’.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 gennaio 2012 in caffè, FOOD, tazzina

 

"A noi Schettino a voi Auschwitz"

Una prima pagina che solleva un vespaio, soprattutto per la scelta di pubblicarla nel giorno della memoria. Il Giornale decide di andarci giù pesante per rispondere al discusso servizio-copertina del settimanale tedesco Der Spiegel, dedicato agli “italiani mordi e fuggi” – un’espressione, spiega il quotidiano della famiglia Berlusconi, “traducibile come italiani codardi” – e riferito alle vicende della Costa Concordia. “Con noi certe cose non accadono, perchè a differenza degli italiani siamo una razza”, questo il passo contestato dell’articolo dello Spiegel (tradotto dal Fatto Quotidiano), che evidentemente al Giornale non è andato giù.
“A voi Auschwitz a noi Schettino” è il titolo che spicca in prima pagina, sotto al quale campeggia l’editoriale del direttore Alessandro Sallusti che tira in ballo Hitler e la soluzione finale. Questi alcuni passi significativi dell’articolo:
“Secondo Der Spiegel siamo un popolo di Schettino e non c’è da meravigliarsi di ciò che è successo al largo del Giglio. Di più: siamo tutte persone da evitare, un peso per l’Europa, un ostacolo allo sviluppo della moneta unica. Loro, i tedeschi, sì che sono bravi, «con noi certe cose non accadono perché a differenza degli italiani siamo una razza (…) Che i tedeschi siano una razza superiore lo abbiamo già letto nei discorsi di Hitler. Ricordarlo proprio oggi, giorno della memoria dell’Olocausto, quantomeno è di cattivo gusto. È vero, noi italiani alla Schettino abbiamo sulla coscienza una trentina di passeggeri della nave, quelli della razza di Jan Fleischauer (autore dell’articolo) di passeggeri ne hanno ammazzati sei milioni. Erano gli ebrei trasportati via treno fino ai campi di sterminio. E nessuno della razza superiore tedesca ha tentato di salvarne uno”
Poi il paragone azzardato tra l’obbedienza alle leggi di navigazione e quella alle leggi razziali, che da più parti fa gridare allo scandalo:
“È vero, noi italiani siamo fatti un po’ così, propensi a non rispettare le leggi, sia quelle della navigazione che quelle razziali. I tedeschi invece sono più bravi. Li abbiamo visti all’opera nelle nostre città obbedire agli ordini di sparare su donne e bambini, spesso alla schiena. Per la loro bravura e superiorità hanno fatto scoppiare due guerre mondiali che per due volte hanno distrutto l’Europa”
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 gennaio 2012 in Auschwitz, giornale, razza