RSS

Archivio mensile:gennaio 2012

Green Train: più veloci, meno costosi e più efficienti

Roma, 30 gen. – (Adnkronos) – I treni di nuova generazione, attivi sulle tratte esistenti, possono facilmente garantire velocità più elevate, minori consumi energetici, riduzione dell’impatto acustico e costi inferiori. Lo dimostrano i risultati dello studio svedese, condotto da ricercatori di Stoccolma, a conclusione del progetto quadriennale che ha visto il coinvolgimento di Bombardier Transportation fra i tre principali partner.
La finalità del progetto di ricerca ‘Green Train’, è quella di rendere le tratte di lunga distanza e quelle regionali veloci più attraenti per i viaggiatori e gli operatori. Il Green Train è un pendolino elettrico veloce, basato sul modello Bombardier Regina, che non solo è in grado di mantenere velocità più elevate rispetto ai treni tradizionali su tratte non rettilinee, ma anche di viaggiare a 300 km/h sulle linee appositamente dedicate all’alta velocità.
Tale progetto è stato condotto, in stretta collaborazione, dall’amministrazione dei trasporti svedese, da Bombardier, dal Royal Institute of Technology di Stoccolma insieme ad alcuni altri partner. Progettazione aerodinamica e motori più efficienti che generano elettricità in frenata, consentono al Green Train di ridurre i consumi di potenza dal 30 al 35%.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 gennaio 2012 in CURIOSITA', ecologia, green train, treni

 

Per bus e camion arriva la gomma ‘intelligente’

Roma, 27 gen. – (Adnkronos) – Aumenta la sicurezza in strada e si riducono i costi. Anche per camion e bus arriva il sensore ‘intelligente’ che monitora lo ‘stato di salute’ dei pneumatici. E’ Cyber Fleet, l’ultimo nato in casa Pirelli, che attraverso un sensore elettronico e un sistema telematico, è in grado di segnalare tempestivamente all’autotrasportatore e al gestore della flotta i dati relativi alla pressione e alla temperatura della gomma ma anche la posizione geografica del veicolo.
La presentazione è avvenuta in occasione del Truck Safety Day, giornata dedicata alla sicurezza stradale nel trasporto pesante, tenutasi oggi a Livigno, dove una pista innevata ha ospitato i test del nuovo pneumatico invernale della Serie 01 Pirelli. La caratteristica peculiare di questo sensore, chiamato Tms (Tyre mounted sensor), che lo differenzia da quelli tradizionali, “è che viene applicato direttamente al pneumatico e non alla valvola o al cerchio” spiega all’Adnkronos, Giorgio Audisio, responsabile dei progetti di sviluppo Cyber di Pirelli.
I vantaggi sono duplici: “la tracciabilità della gomma e la possibilità di conoscere i chilometri percorsi”. Informazioni che, sottolinea Audisio, “sono utili per una gestione puntale della flotta”. In questo modo non solo si garantisce una maggiore sicurezza per il guidatore ma anche una vita più lunga al pneumatico. Basta ricordare che “un pneumatico sgonfio, consuma più carburante e si usura prima”. Questo si traduce in una riduzione dei costi di gestione di ciascun veicolo.
Il nuovo sistema, dunque, è finalizzato a tenere le coperture sotto continuo controllo, rilevando eventuali anomalie, e garantirne la corretta manutenzione. Il sistema trasmette contemporaneamente all’autotrasportatore e al gestore della flotta, i dati raccolti dal sensore.
La flotta è così in grado di effettuare procedure di diagnostica e intervento, in modo da garantire massima sicurezza a ciascun mezzo pesante. Il processo di interpretazione dei dati non è solo affidato alla responsabilità del camionista, ma anche al flottista, che da remoto, cura la sicurezza dell’intera flotta. Il livello di responsabilità, sottolinea Audisio, “deve essere bilanciato anche perchè non è detto che l’autista sappia sempre come comportarsi”.
Le prestazioni del Cyber Fleet “sono le stesse rispetto al pneumatico tradizionale ma ovviamente la manutenzione accresce il suo valore. Cyber Fleet sarà testato “nel mese di febbraio in Brasile e a marzo in Europa e sarà disponibile sul mercato a partire dal prossimo settembre”.
“Secondo le nostre previsioni, aggiunge Ugo Forner, direttore divisione Truck Pirelli, nei prossimi 5 – 10 anni tutti i mezzi pesanti monteranno pneumatici dotati di sensori Tms che porteranno ad una maggiore sicurezza di marcia e ad una sensibile riduzione dei costi di gestione”, una soluzione innovativa che, secondo la Pirelli, può anticipare possibili future normative europee.
I nuovi pneumatici porteranno un contributo concreto alla riduzione dei costi di esercizio sopportati dal camionista: un mezzo infattti che monta pneumatici equipaggiati con questo sensore, che avvisa quando quando cala la pressione con conseguenti aumenti di consumi di carburante e segnala il livello di usura e quindi la necessità della sostituzione, può portare risparmi di 1000-1500 euro l’anno.
Il lancio di questo nuovo prodotto avviene a sette giorni dalla sigla dell’accordo volontario tra Pirelli e ministero dell’Ambiente, avvenuta a Milano nel corso del ‘sustainability day’. L’impegno siglato da Pirelli punta a ridurre l’impatto sul clima derivante dalle attività relative alla produzione e all’impiego dei propri pneumatici. La firma è avvenuta alla presenza del ministro Corrado Clini e del presidente di Pirelli, Marco Tronchetti Provera.
 
 

Caffé: le tazzine uniscono l’Italia

Roma, 28 gen. – (Ign) – Da Milano a Napoli, la tazzina parla dialetto e riscopre la ‘saggezza popolare’. A crearle Chiara Parazzini, un ex manager, che ha scelto di seguire la propria passione, dando vita a Ceramidea Digitale. “Abbiamo cominciato con un regalo a uno zio – racconta Chiara – che parla solo in dialetto e sostiene, a ragione, che le nuove generazioni l’hanno perso. Spesso io stessa non riesco a capirlo. Per esempio una volta mi ha chiesto: ‘‘Ti piacciono le magiostre?’’. E io sono rimasta perplessa. Non sapevo fossero le ‘fragole’”. “L’idea della tazzina in dialetto poi è piaciuta – spiega – e anche al bar dietro casa, gestito da partenopei, me ne hanno chiesta una con ‘A bona campana se sente a’ luntano’”.
E poi per il compleanno dell’amico è arrivata quella d’ispirazione romana – molto apprezzata – con ‘anni e bicchieri di vino nun se contano mai’, mentre per chi non ha fortuna con le donne è perfetto il milanese ‘ul vin e i donn, a tiran scemu l’om’. Utile per tutti, invece, non si sa mai il consiglio da tenere bene a mente ‘Se pecora fai lupo ti mangia’.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 gennaio 2012 in caffè, FOOD, tazzina

 

"A noi Schettino a voi Auschwitz"

Una prima pagina che solleva un vespaio, soprattutto per la scelta di pubblicarla nel giorno della memoria. Il Giornale decide di andarci giù pesante per rispondere al discusso servizio-copertina del settimanale tedesco Der Spiegel, dedicato agli “italiani mordi e fuggi” – un’espressione, spiega il quotidiano della famiglia Berlusconi, “traducibile come italiani codardi” – e riferito alle vicende della Costa Concordia. “Con noi certe cose non accadono, perchè a differenza degli italiani siamo una razza”, questo il passo contestato dell’articolo dello Spiegel (tradotto dal Fatto Quotidiano), che evidentemente al Giornale non è andato giù.
“A voi Auschwitz a noi Schettino” è il titolo che spicca in prima pagina, sotto al quale campeggia l’editoriale del direttore Alessandro Sallusti che tira in ballo Hitler e la soluzione finale. Questi alcuni passi significativi dell’articolo:
“Secondo Der Spiegel siamo un popolo di Schettino e non c’è da meravigliarsi di ciò che è successo al largo del Giglio. Di più: siamo tutte persone da evitare, un peso per l’Europa, un ostacolo allo sviluppo della moneta unica. Loro, i tedeschi, sì che sono bravi, «con noi certe cose non accadono perché a differenza degli italiani siamo una razza (…) Che i tedeschi siano una razza superiore lo abbiamo già letto nei discorsi di Hitler. Ricordarlo proprio oggi, giorno della memoria dell’Olocausto, quantomeno è di cattivo gusto. È vero, noi italiani alla Schettino abbiamo sulla coscienza una trentina di passeggeri della nave, quelli della razza di Jan Fleischauer (autore dell’articolo) di passeggeri ne hanno ammazzati sei milioni. Erano gli ebrei trasportati via treno fino ai campi di sterminio. E nessuno della razza superiore tedesca ha tentato di salvarne uno”
Poi il paragone azzardato tra l’obbedienza alle leggi di navigazione e quella alle leggi razziali, che da più parti fa gridare allo scandalo:
“È vero, noi italiani siamo fatti un po’ così, propensi a non rispettare le leggi, sia quelle della navigazione che quelle razziali. I tedeschi invece sono più bravi. Li abbiamo visti all’opera nelle nostre città obbedire agli ordini di sparare su donne e bambini, spesso alla schiena. Per la loro bravura e superiorità hanno fatto scoppiare due guerre mondiali che per due volte hanno distrutto l’Europa”
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 gennaio 2012 in Auschwitz, giornale, razza

 

Nel 2012 il fritto non fa più male !!!

Il cibo fritto fa male al cuore? I risultati di una ricerca condotta all’Università Autonoma di Madrid negano che ci sia una correlazione tra il consumo di cibi fritti nell’olio (d’oliva o di girasole) e le malattie coronariche.
Lo studio, pubblicato sul British Medical Journal, si è basato sull’osservazione di 40.757 persone di età compresa tra i 29 e i 69 anni. I volontari, privi di malattie legate al cuore, sono stati osservati per ben 11 anni con controlli che riguardavano la loro salute in generale e la dieta.
In 606 hanno riscontrato problemi al cuore mentre 1.134 sono stati i decessi registrati, ma in nessun caso è stata riscontrata una relazione tra malattie cardiache e il consumo di cibi fritti con olio d’oliva o girasole (i più usati nei Paesi del Mediterraneo).
“Il nostro studio sfata il mito che vuole il cibo fritto generalmente legato alle malattie al cuore”, ha affermato con convinzione la dottoressa Guallar-Castillon. Secondo i ricercatori però tali risultati sarebbero differenti in un Paese in cui è più largo l’uso di oli solidi o riutilizzati.
Non sono mancate però polemiche, soprattutto da parte dei nutrizionisti iberici convinti che comunque quando si consuma del cibo fritto inevitabilmente si assumono più calorie dato l’assorbimento del grasso degli oli. Quindi, ricordano i nutrizionisti, aumenta il rischio di incorrere in problemi quali pressione alta, colesterolo ed obesità.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 gennaio 2012 in CURIOSITA', FOOD, friggere, fritto

 

Buonanotte…con Facebook!

Facebook ovunque, anche a letto. Spegniamo la luce e concediamoci al riposo notturno, ma non prima di aver dato una sbirciatina a cosa accade nella piazza virtuale più nota del mondo. E per non perderci neanche una virgola, il designer croato Tomislav Zvonarić ha realizzato il primo letto Facebook. Volete sapere di che si tratta?
La forma ricorda la celebre “f” minuscola, logo del social netorwk di Mark Zucherberg, ma non è solo una questione di design e di estetica. Il letto infatti dispone di un monitor, una sorta di postazione PC integrata alla spalliera, da cui è possibile postare l’ultimo stato prima di chiudere gli occhi e riposare.
Una chicca da avere assolutamente per gli appassionati di Facebook, il massimo dell’esagerazione e della dipendenza da social network, secondo altri. Ancora solo un prototipo, per fortuna o purtroppo secondo i vari punti di vista, è una vera e propria area di lavoro che consente agli utenti di controllare gli aggiornamenti di Facebook sul proprio computer, seduti nella parte superiore del letto.
Per il letto Facebook sono disponibili anche un supporto per la tastiera, uno scaffale per il mouse e una leggera rientranza dove collocare lo schermo di un computer. Inoltre, una sorta di sgabello di colore rosso, con tanto di logo di Facebook è situato nella parte superiore della “F”.
Le dimensioni esatte del modello sono ancora sconosciute e se Zvonarić cercherà di produrlo e venderlo, probabilmente dovrà passare per l’approvazione del team di Facebook.
Mentre Facebook continua a raccogliere consensi e popolarità avvicinandosi al miliardo di utenti, previsto per l’estate, le aziende stanno cercando di capitalizzare in qualche modo la tendenza.
All’inizio di questa settimana, inoltre è stato annunciato che una discoteca in Brasile chiamata “Facebook” sarebbe stata realizzata a Epitaciolândia, vicino al confine boliviano dell’Amazzonia brasiliana.
“Il concetto alla base di Facebook (discoteca n.d.R.) è quello di condividere le idee, le avventure, le amicizie e le foto con i tuoi amici”, ha detto a The Guardian il fondatore Umberto Camacho. “Quello che volevamo fare era costruire una discoteca con questo concept, dove la gente poteva venire e condividere le cose con i propri amici, passare una notte fredda, e condividere immagini, esperienze, insomma per divertirsi.”
Dal riposto al divertimento, dalla socializzazione all’informazione. Da Facebook passa tutto questo. (Nextme.it)
 
1 Commento

Pubblicato da su 24 gennaio 2012 in CURIOSITA', INTERNET, letto facebook

 

Ivano Fossati, l’addio da Fabio Fazio.

Lo scorso 2 Ottobre aveva scelto il programma di Fabio Fazio,  “Che tempo che fa” per annunciare il suo ritiro dal mondo della musica e ieri sera Ivano Fossati è stato ancora una volta ospite su Rai3 con lo speciale “La musica che gira intorno ovvero Ivano Fossati” per congedarsi dal suo pubblico. Non è la prima volta che il programma condotto da Fabio Fazio propone delle puntate speciali dedicate a grandi protagonisti della musica, si ricordino per esempio le serate dedicate a Fabrizio De André ed Enzo Jannacci: questa sera il pubblico e i fans avranno modo di omaggiare uno dei più grandi cantautori italiani.
Ivano Fossati è attualmente impegnato nel tour di promozione del suo ultimo album Decadancing” e negli scorsi mesi ha espresso l’intenzione di ritirarsi dalle scene. Ieri sera il cantautore genovese dunque ha salutato il suo pubblico e si è esibito proponendo i suoi brani più famosi da “Una notte in Italia” a “Mio fratello che guardi il mondo“, “Viaggiatori d’Occidente” fino a “La costruzione di un amore“.  Durante la serata Fossati ha ricevuto anche l’omaggio di alcuni amici come Zucchero e Fiorella Mannoia, lo spettacolo ha previsto inoltre un collegamento da Rio De Janeiro con Laura Pausini: la cantante in tour in Sud America  ha eseguito “La mia banda suona il rock“, uno dei suoi cavalli di battaglia durante i live in tutto il mondo. Fiorella Mannoia e Zucchero hanno dato vita ad un inedito duetto sulle note di “La musica che gira intorno“.
Tra i momenti imperdibili della serata ha emozionato poi un’intensa versione unplugged di “Pensiero Stupendo”; brano da sempre affidato all’interpretazione di Patty Pravo e che Fossati ha eseguito solo una volta dal vivo a Venezia. Da ricordare  anche i duetti di Fossati con Zucchero con “L’amore fa” e con Fiorella Mannoia con “I treni a vapore”.
Ci sarà tempo anche per le riflessioni e le considerazioni sulla vita, sulla musica e sulla carriera:  essendo genovese Fossati ha parlato anche della sua città e della recente disastrosa alluvione che l’ha colpita. La serata si è conclusa con la toccante e intensa esecuzione di Ivano Fossati al piano con  “C’è tempo” che segna (forse) la fine della sua lunga e felice carriera.