RSS

Archivi giornalieri: 27 dicembre 2011

Capodanno 2012 in piazza: tutti i concerti del 31 dicembre

Negramaro, Caparezza, Gianna Nannini e Giuliano Palma. Come ogni anno, sarà un 31 dicembre nel segno della musica nelle principali piazze italiane. Da Roma a Napoli, passando per Firenze e Torino ecco tutti i concerti per il Capodanno 2012.

Per festeggiare l’inizio del nuovo anno a ritmo di musica ci saranno diversi eventi in tutta Italia e tutti con ospiti esclusivi. E’ ormai consuetudine riunirsi durante la notte di Capodanno in piazza per scambiarsi gli auguri, per poi scatenarsi con uno dei tanti concerti previsti nelle maggiori città d’Italia, snobbando ormai da qualche anno le classiche discoteche e i locali sovraffollati. Tanti i concerti in programma per la questa magica notte di fine anno e per tutti i gusti musicali: dai Negramaro a Roma, a Caparezza a Firenze, passando per i fratelli Bennato a Napoli e Vinicio Capossela a Milano. Ecco la lista completa città per città degli show del 31 dicembre:
Roma
Nella capitale, per il tradizionale concerto  al Colosseo, suonerà dunque la band di Giuliano Sangiorgi, reduce da una fortunata tour in giro per l’Italia. I Negramaro hanno preso il posto di Giusy Ferreri, costretta a dare forfait, pare, per una operazione alle corde vocali. Insieme alla band salentina ci sarà anche lo spettacolo del comico Enrico Brignano. Ricordiamo che al Palattomatica ci sarà il concerto speciale di Laura Pausini nell’ambito del suo nuovo tour. Ma in questo caso c’è un biglietto da pagare …
 Milano
A piazza Duomo si aspetterà la mezzanotte ballando insieme a Giuliano Palma & The Bluebeeters e Vinicio Capossela. Quindi a salutare il nuovo anno con un pizzico di comicità e una buona dose di sarcasmo arriverà l’attore comico Paolo Rossi , che spezzerà le performance musicali con esilaranti sketch, degni della notte più magica dell’anno.
 Napoli
Il 2012 inizierà con un duetto inedito in Piazza del Plebiscito: insieme i fratelli Eugenio ed Edoardo Bennato: ”E’ l’occasione per fare qualcosa che non abbiamo mai fatto – ha dichiarato Eugenio – suonare insieme sullo stesso palco. Non ci siamo mai scontrati, abbiamo semplicemente scelto campi musicali diversi”. Si parlerà della “questione meridionale” – titolo dell’ultimo album di Eugenio – , ma «non in maniera retorica nè vittimistica – afferma il più grande dei Bennato – ma con uno spirito propositivo e sperimentale, in linea con i nostri percorsi personali».
 Bari
Notte di San Silvestro tra musica e irriverenza in piazza Prefettura dove si esibiranno Elio e le storie tese. Da opening-act faranno due gruppi locali: gli Z.E.D., freschi vincitori del premio dedicato alla memoria di Mimmo Bucci, e la 20th Century band, specializzata in cover anni Ottanta e soundtrack delle pellicole cinematografiche più note. Dopo gli Eelst lo show in piazza continuerà fino alle prime luci del mattino col dj-set di Angelo Salomone e Marco Greco.
 Venezia
Come ogni anno sarà il San Silvestro nella città d’arte più romantica e affascinate nel mondo sarà dedicato all’amore. In Piazza San Marco andrà di scena l’evento Love 2012: l’ultimo dell’anno all’insegna del famoso bacio di mezzanotte.  Non mancherà la musica con la Venezia Suona Love Band, mentre a Mestre ci sarà Jamming Soul Love. E per chi vuole passare un Capodanno più classico c’è l’evento al Teatro La Fenice diretto quest’anno dal direttore Diego Matheuz.
 Torino
Il capodanno all’ombra della Mole sarà festeggiato insieme a Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana che saluteranno l’anno del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, con una festa in piazza San Carlo. Il cantautore 74enne darà il benvenuto al 2012 attraverso una mescolanza di riletture di celebri pezzi e la proiezione di filmati storici ed omaggi a celebri personaggi dello spettacolo indimenticati, come Totò, Roberto Murolo, Nino Manfredi, Gabriella Ferri.
 Firenze
L’eretico tour di Caparezza farà tappa a Santa Maria Novellaper un concerto tra il rock, il rap e l’hip hop dell’ artista pugliese. Per chi invece ha gusti più classici, in piazza della Signria, all’interno della Loggia de’ Lanzi è previsto il concerto di musica classica diretto dal maestro Giuseppe Lanzetta. Mentre gli amanti della musica gospel potranno recarsi a Piazza Santissima Annunziata, quelli dell’etnica, invece, a Piazza Della Repubblica.
Sardegna
Una fine dell’anno con il botto in quel dell’isola sarda, dove si esibiranno artisti d’eccezione: da Daniele Silvestri a Sassari a J-AX ad Olbia, passando per Dolcenera e i Gemelli Diversi a Castelsardo. Ce n’è per tutti  i gusti, dal pop al rock passando per il rap, basterà scendere in piazza poco prima della mezzanotte e scegliere la musica con la quale concludere le ultime ore del 2011.
Bologna
La città di Bologna propone, come da tradizione, il classico “rogo del Vecchione” di mezzanotte in Piazza Maggiore, ovvero bruciare una scultura messa a disposizione da un artista contemporaneo. Il protagonista musicale del Capodanno felsineo sarà il Gospel, con artisti provenienti dall’Europa e dall’Africa che si esibiranno dalle 21 nelle maggiori chiese della città per poi convergere sul Sagrato di Piazza Maggiore. Per gli amanti dello spettacolo, è imperdibile l’appuntamento in teatro con i Fichi d’India.
Salerno
La cittadina campana accoglierà il 2012 con l’esibizione di Gianna Nannini in Piazza Amendola. Il concerto di Capodanno della rocker senese promette di fare il boom non solo tra i salernitani ma anche tra i numerosi turisti che trascorreranno la notte di San Silvestro a Salerno. La cornice suggestiva delle luci d’artista faranno il resto e a brindare con una piazza gremita di gente ci saranno anche il sindaco De Luca e la presentatrice dell’evento, Eleonora Daniele.
Gli altri concerti
Grande attesa in Piazza Amendola a Salerno per il concerto di Gianna Nannini, reduce dal tour che ha accompagnato l’uscito del nuovo album Io e Te. Treviso darà il benvenuto al 2012 insieme ai Subsonica, mentre Rimini lo farà con Franco Battiato a piazza Fellini. Il folk dei Modena City Ramblers sarà di scena in piazza Grande a Modena. Ad Afragola, invece, ci saranno tutte le fan di Valerio Scanu. Più classico il concerto di Riccione dove sarà protagonista l’Orchestra Sinfonica Rossini.
 
 

Nuove frontiere del bucato: eco-pallina e tessuti autopulenti

Roma, 27 dic. – (Ign) – Dalla pallina di plastica senza detersivo fino ai tessuti in grado di auto-pulirsi al sole. Ecco le ultime frontiere del bucato che, oltre al nostro portafogli, aiutano anche l’ambiente: un uso corretto della lavatrice (che consuma in media 2-2,3 kwh), avverte il Wwf, può far risparmiare anche il 45% di energia elettrica.
Con Eco blue ball, ad esempio, non si usano più detersivi, prodotti chimici e ammorbidenti. Si tratta di una pallina di plastica ad alto contenuto polimerico che riempita con un liquido naturale ionizza le molecole dell’acqua e le fa penetrare in profondità nei tessuti. Introducendo Eco Blue Ball nel cestello della lavatrice, si forma durante il lavaggio una carica elettrostatica di 0,4 volte superiore rispetto al lavaggio tradizionale con detersivo. Questa carica generata ha il potere di smagnetizzare le cellule di sporco dei tessuti, distaccandole e dissolvendole nell’acqua.
Un team di ricercatori cinesi, invece, sta studiando dei tessuti in grado di auto-pulirsi. Come? Basta stenderli al sole. Via le macchie di tintura dal capo d’abbigliamento in cotone grazie ad un rivestimento, che combina nano particelle di biossido di titanio, che disinfetta, e azoto. Ma la rivoluzionaria idea era già arrivata dal Bel paese, grazie alla collaborazione tra l’Istituto di Scienza e Tecnologia dei Materiali Ceramici (Istec) del Cnr di Faenza e l’azienda ‘Oliviero Ossani, tessuti per l’arredamento’ che ha dato via ai tessuti ceramizzati.
La ceramizzazione permette di fissare su fibre naturali come il cotone particelle nanometriche di biossido di titanio. Tale sostanza, se esposta alla luce ultravioletta è in grado di decomporre le sostanze organiche depositate sulla sua superficie, trasformandole in vapore acqueo e anidride carbonica. Questa proprietà permette la distruzione di sporco, inquinanti e microorganismi, eliminando di fatto anche tutti i cattivi odori.
Una buona notizia, dunque, per tutte le casalinghe. Ma, aspettando di dire addio alla lavatrice, teniamo a mente i semplici consigli del Wwf: utilizzare la lavatrice solo a carico pieno; non impostare il prelavaggio ed evitare l’asciugatrice elettrica; non utilizzare il lavaggio a 90 gradi e collegare la lavatrice alla rete dell’acqua calda che permette di ridurre del 20% il costo per l’acqua calda che altrimenti viene prodotta tramite la resistenza interna all’elettrodomestico.
 
 

Botti di capodanno, per gli animali il giorno più nero dell’anno.

Roma, 27 dic. (Adnkronos) – Si brinda all’inizio del nuovo anno, ma per gli animali la notte di San Silvestro è tra le più nere delle 365 che si lasciano alle spalle. Colpa dei botti, vero e proprio incubo che, per molti di loro, si trasforma in una tragedia senza ritorno. L’Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa) tenta una stima, contando 5.000 animali che perdono la vita ogni anno nella notte tra il 31 dicembre e il primo gennaio. Tra le vittime, oltre 500 cani e altrettanti gatti, nonchè uccellini e animali del bosco che muoiono letteralmente di paura.
A peggiorare le cose per loro, un udito di gran lunga più sviluppato di quello di cui disponiamo noi uomini, che amplifica la paura in una notte in cui si susseguono botti e petardi. “I forti rumori – mette in guardia Ilaria Innocenti, responsabile Lav settore Cani e Gatti – sono fonte di pericolo per gli animali poichè li gettano nel terrore, inducendoli a reazioni istintive e incontrollate, come divincolarsi follemente per strappare la catena, gettarsi giù da finestre e balconi, scavalcare recinzioni, liberarsi dal guinzaglio e fuggire in strada mettendo seriamente a repentaglio la loro incolumità e quella degli altri”.
“Il loro udito è infatti talmente sviluppato e sensibile – ricorda – che le detonazioni possono provocare loro grave disorientamento e paura, condizioni che possono essere estremamente nocive per la loro incolumità, soprattutto se si tratta di animali anziani o cardiopatici”.
E per gli animali selvatici il benvenuto al nuovo anno non è certamente migliore: le improvvise detonazioni determinano negli uccelli che riposano sui posatoi notturni, spesso in colonie molto numerose, istintive reazioni di fuga che, unite alla mancanza di visibilità, causano la morte di molti di essi.
Il rischio maggiore riguarda gli uccelli che vivono nei pressi delle aree urbane: spesso sono vittime di eventi traumatici derivanti dallo scontro in volo con strutture come case, lampioni, automobili, ecc..
Non mancano poi, nella lista delle vittime della notte di San Silvestro, “i cuccioli incuriositi da petardi e botti lanciati in strada, che finiscono per avvicinarsi pericolosamente”, ricorda Innocenti. Ma anche “gli episodi di violenza ai danni degli animali, come il caso dei due cani che l’anno scorso vennero costretti in imbracature di petardi a San Giuliano di Napoli”.
L’appello, come ogni anno, “è quello di rinunciare ai botti – ricorda Innocenti – che possono minare la nostra salute e quella degli animali che abbiamo attorno”. Ma certi che in molti non rinunceranno ai mortaretti per dare l’addio al 2011, la Lav ha stilato una serie di consigli pratici che potranno essere utili per proteggere gli animali e limitare lo stress causato da botti e petardi.
Non lasciare che i cani affrontino in solitudine le loro paure e togliere ogni oggetto contro il quale, sbattendo, potrebbero procurarsi ferite; evitare di lasciarli all’aperto: la paura fa compiere loro gesti imprevedibili, il primo dei quali è la fuga; non tenerli legati alla catena perché potrebbero strangolarsi; se tenuti fuori, consentirgli di trascorrere in casa la sera di San Silvestro.
E ancora: non lasciarli sul balcone perché potrebbero gettarsi nel vuoto; dotarli di tutti gli elementi identificativi possibili (oltre al microchip, medaglietta con un recapito); se si nascondono in un luogo della casa, lasciarli tranquilli: considerano sicuro il loro rifugio; cercare di minimizzare l’effetto dei botti tenendo accese radio o Tv; prestare attenzione anche agli animali in gabbia e non tenerli sui balconi; nei casi di animali anziani, cardiopatici e/o particolarmente sensibili allo stress dei rumori, rivolgersi con anticipo al proprio veterinario di fiducia ed evitare i rimedi ‘fai da te’; se l’animale scompare, presentare subito una denuncia di smarrimento.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 dicembre 2011 in botti, botti animali, capodanno, CURIOSITA'