RSS

Archivi giornalieri: 29 novembre 2011

Dalla Toscana la prima piattaforma di car pooling

Firenze, 29 nov. – (Adnkronos) – Andare in auto al lavoro al tempo della crisi, con un occhio di riguardo al portafoglio e alla sostenibilità ambientale, grazie ad un’alleanza tra i Comuni toscani e gli oltre due milioni e mezzo di pendolari che in un giorno medio producono 6 milioni e mezzo di spostamenti sulla rete viaria regionale.
La proposta innovativa arriva dall’Ancitel Toscana, che lancia oggi la prima piattaforma di car pooling a livello istituzionale: AutoinComune.it, un sito internet che organizza la domanda e l’offerta di passaggi in auto, gratuitamente e senza intermediari.
Da oggi ognuno dei comuni della Toscana può disporre di una pagina web dedicata (ad esempio www.autoincomune.it/comune/firenze/) su cui chiunque, declinando le proprie generalità, può registrare il proprio tragitto casa-lavoro-casa per cercare un passaggio o offrire il proprio mezzo di trasporto.
I vantaggi sono intuitivi: circolano meno auto, si viaggia in piacevole compagnia, si dimezzano i costi. AutoinComune.it funziona così: chi offre un passaggio si registra sul sito inserendo luogo di partenza e di arrivo e resta in attesa di chi cerca il passaggio verso quella destinazione o un luogo lungo il percorso. A sua volta, quest’ultimo, può inserire il percorso desiderato e attendere una proposta di passaggio on line.
Quando un utente trova un percorso interessante scrive una mail, sarà poi AutoinComune.it a inoltrare la comunicazione stabilendo così il contatto fra i futuri compagni di viaggio, senza che questi spendano un euro per il servizio ottenuto. Grazie all’abbinamento con Google Maps le ricerche vengono fatte in base alle coordinate geografiche permettendo di trovare passaggi con partenza ed arrivo vicini a quelli ricercati aumentando così le possibilità di incontro.
Al centro del servizio ci sono le nuove tecnologie di condivisione web, utili nel mettere in relazione diretta chi naviga su internet, anche con lo smarthphone o il tablet, e ha interessi comuni: in questo caso la destinazione del posto di lavoro e di studio o di un evento sportivo o culturale.
L’esperienza maturata dai progetti di car pooling a livello internazionale dice che l’impegno istituzionale sulle azioni di mobilità condivisa è una delle leve virtuose in grado di ridurre il traffico automobilistico sulle strade. Non solo. Si rafforza anche il senso di comunità e si riducono gli incidenti stradali aumentando così la sicurezza delle città. E’ per questo che il servizio AutoinComune.it è proposto e gestito da Ancitel Toscana (da oltre venti anni a supporto degli enti locali nella gestione di tutti i processi di innovazione) in collaborazione con WebDev, l’azienda fiorentina che ha ideato il servizio di car pooling più utilizzato in Italia.
Alessandro Pesci, segretario generale Anci Toscana, ha dichiarato: ”Vogliamo dare un contributo utile a risolvere uno dei grandi problemi che assillano le città toscane, quello del traffico e dell’inquinamento. Lo facciamo offrendo ai cittadini, ai sindaci, agli assessori alla mobilità, all’ambiente e alla sanità dei comuni toscani, un servizio innovativo, capace di far fronte, almeno in parte, ai tagli statali che per decine di milioni di euro hanno colpito il trasporto pubblico locale riducendone l’impatto sulla mobilità, soprattutto per quanto riguarda pendolari e studenti”.
”AutoinComune.it è un servizio che potenzialmente permette di ridurre l’inquinamento atmosferico fino a un quarto (quattro auto al posto di una) e di conseguenza anche di ridurre le misure, sempre impopolari, che i Comuni sono costretti a prendere per limitare la circolazione delle auto”, ha aggiunto Pesci.
Alessio Marini, rappresentante di Ancitel Toscana, ha detto: ”La capacità di innovazione, in ogni tipo di organizzazione, è la chiave per stare al passo con la modernità. Con questo progetto rispondiamo al bisogno di mobilità dei toscani proponendo loro un servizio facile e di immediato utilizzo. Contiamo sul loro desiderio di abbattere i costi di viaggio e di renderne più piacevole la durata. Con una crisi economica così dura, con la necessità immediata di una riconversione ecologica, proponiamo di utilizzare quella ricchezza di cui ogni automobilista dispone, spesso inconsapevolmente, i posti liberi della propria automobile”.
”AutoinComune.it è un servizio che porta il livello di innovazione dei Comuni al livello europeo più avanzato, capace di offrire, agli sponsor interessati, un grado di visibilità importante, utile a consolidare la loro immagine di aziende impegnate per il bene della collettività”, ha concluso Marini.
Daniele Nuzzo, ideatore del servizio, ha affermato: ”Siamo un gruppo di giovani programmatori fiorentini, attenti alle dinamiche sociali e all’impatto dei trasporti sul riscaldamento terrestre. Nel settore del car pooling abbiamo creato nel passato il sito ViaVai.it e poi Roadsharing.com. Oggi con AutoinComune.it offriamo agli enti locali toscani una tecnologia avanzata, rodata, utilizzata in tutto il mondo anche grazie all’eruzione del vulcano islandese che nel 2010 bloccò il traffico aereo internazionale. In quell’occasione migliaia di viaggiatori si sono organizzati in pochi minuti con il nostro servizio tanto che persino testate internazionali come la Cnn, Le Figaro, Haretz, Guardian, Forbes ripresero la notizia”.
Sono 2.493.000 i pendolari (tra lavoratori e studenti 3 toscani su 4) che in una giornata media feriale producono un totale di 6.439.000 spostamenti: 2.905.000 nell’area metropolitana, 2.081.000 lungo la costa e 1.272.000 nel sud della Toscana. Il 71.8% degli spostamenti avviene all’interno del comune di residenza, il 19.8% verso altri comuni della stessa provincia.
Ogni giorno, tra gli spostamenti sopra i 15 minuti, ben 1.706.000 avvengono tramite il mezzo privato mentre solo 351.000 sono quelli attraverso il trasporto pubblico. Coloro che scelgono l’auto motivano la loro scelta principalmente con i vantaggi di tale mezzo: rapidità dei tempi di percorrenza, (22.1%) libertà di scelta di percorsi e orari (14,7%), maggiore comfort e privacy (12,4%). Le fasce orarie più utilizzate sono quelle dalle 6 alle 8 del mattino, tra le 13.00 e le 14.00 e le ore del secondo pomeriggio. La rete stradale toscana è costituita da 400 chilometri di autostrade, 900 di strade statali, 1.500 di strade regionali.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29 novembre 2011 in car pooling toscana, CURIOSITA'