RSS

Archivi giornalieri: 25 novembre 2011

La vita in un giorno: il film di YouTube


Il 24 luglio 2010, migliaia di persone di tutto il mondo hanno caricato su You ube i video delle loro vite per partecipare a “La vita in un giorno”, uno storico esperimento cinematografico con lo scopo di documentare una giornata sulla Terra. Diretto da Kevin Macdonald, vincitore di un premio Oscar, La vita in un giorno ha entusiasmato le platee del Sundance Film Festival, del Festival del cinema di Berlino e dell’SXSW Film Festival e il pubblico che ha assistito alla prima assoluta trasmessa a gennaio su YouTube. Da settembre, potrai guardare l’intero film gratuitamente su YouTube.

Ora, dopo l’uscita nelle sale cinematografiche di tutto il mondo, il film è tornato al suo punto di partenza. Guardalo gratis e non dimenticare di esplorare il canale, per scoprire altre informazioni su questo straordinario capitolo della storia del cinema.

 
 

Prende piede anche in Italia ‘Yurta’, abitazione mongola.

Roma, 25 nov. (Adnkronos) – Se vi capita di scorgere, da qualche parte in Italia, una tenda mongola, la tradizionale “yurta“, sappiate che non si tratta di un’allucinazione né di una folcloristica rievocazione storica o di un gioco di ruolo. Si tratta invece di una scelta abitativa che dopo aver preso piede in Inghilterra, Francia, Olanda e Spagna, ora inizia a farsi largo anche in Italia. Perché la yurta è un’abitazione tradizionale, in armonia con la natura, a basso impatto ambientale ed è un’alternativa economica al mattone.
Dopo i primi avvistamenti in Trentino, ora le yurte sono comparse anche in Liguria, mentre si moltiplicano i negozi online che le importano o costruiscono, fornendo anche i mobili e gli accessori più adatti. Con una cifra che va dai 2 ai 20mila euro, a seconda della grandezza e dei rivestimenti, si può diventare padroni di una yurta superaccessoriata, pronta da montare. Basta avere il terreno.
Concepita per essere una vera e propria casa nomade, usata come abitazione da molte popolazioni dell’Asia centrale, in particolar modo dal popolo mongolo, la yurta può essere montata e smontata in poche ore ed è facilmente trasportabile. Eppure, più che una tenda è una vera e propria casa, spaziosa, calda d’inverno e protetta dal calore d’estate, grazie al pavimento di legno, le stufe e la tradizionale struttura composta da strati successivi.
Il primo strato, di tessuto bianco in cotone, è anche il rivestimento interno della yurta; lo strato successivo è di feltro in pura lana; infine c’è lo strato impermeabile, fondamentale per i climi umidi come quelli europei. Naturalmente, la yurta e i suoi strati possono essere personalizzati a seconda delle necessità e del clima.
Tutti gli elementi che la compongono sono rigorosamente naturali: la struttura, la base e le colonne di legno, le corde in crini di cavallo o di cammello che fissano gli strati della tenda alla circonferenza, il midollo animale che tiene insieme i muri della yurta, senza utilizzare neanche un chiodo.
Prima di decidere di andare a vivere in una yurta, si può fare un esperimento, scegliendo di trascorrere le vacanze in una delle strutture, sempre più diffuse, che la utilizzano. Senza arrivare fino in Mongolia, basta scegliere come meta l’Idaho, l’Olanda o anche uno degli agriturismi italiani che offrono un servizio di yurta & breakfast.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 novembre 2011 in abitazione, CURIOSITA', yurta