RSS

Archivi giornalieri: 16 novembre 2011

Un cuore artificiale controllabile via Internet

Impiantato per la prima volta in Italia in provincia di Milano
Eccezionale intervento all’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (Milano). Un cuore artificiale di nuova generazione, controllabile via Internet, è stato impiantato per la prima volta in Italia.
Il sistema permette di monitorare, in tempo reale e a distanza, le condizioni del paziente e il funzionamento della pompa che supporta il cuore malato.
L’intervento è stato eseguito da un’èquipe diretta da Ettore Vitali, responsabile del Dipartimento Cardiovascolare. Il paziente, un uomo di Novara di 65 anni, ha eseguito una visita di controllo in questi giorni: sta bene ed è tornato a casa, alle sue normali attività.
La consolle di cui è dotato questo “cuore artificiale” (più correttamente Vad, Ventricular assist device) permette al paziente di collegarsi a un computer per scaricare i dati e trasmetterli via Internet. «Ciò consente il monitoraggio medico a distanza – spiega Vitali – Permette infatti agli specialisti di visualizzare in tempo reale lo stato di salute del paziente rilevando parametri della pompa, monitorando il flusso sanguigno, la potenza utilizzata e la velocità della turbina».
Il cuore artificiale è piccolo e leggero (pesa poco più di 100 grammi), tanto da stare comodamente in una mano. La pompa, che viene impiantata all’apice del ventricolo sinistro (sottoposto al carico maggiore perché distribuisce il sangue a tutto l’organismo, mentre il destro rifornisce solo i polmoni) e lo svuota reimmettendo il sangue nell’aorta, è la parte principale di un sistema che comprende un cavo di collegamento con l’esterno, le batterie e una consolle che funge anche da caricatore per le batterie.
L’apparecchio supporta il cuore malato ripristinando le normali condizioni emodinamiche e il corretto afflusso di sangue agli organi periferici. E «rappresenta una speranza in più per i pazienti affetti da scompenso cardiaco. Non solo un ponte verso il trapianto, ma una soluzione in grado di garantire un’ottima qualità di vita».
Finora questo cuore artificiale dotato di telemetria è stato impiantato in 18 pazienti in tutto il mondo, arruolati in un trial clinico avviato presso i centri cardiochirurgici di Berlino e Bruxelles. Humanitas è il primo ospedale italiano ad entrare nel trial. Il paziente operato ha alle spalle una storia clinica complessa: un severo peggioramento dello scompenso cardiaco avrebbe reso necessario un trapianto di cuore, impedito dalla presenza di un tumore.
«L’impianto del Vad – spiega Vitali – era l’unica soluzione per permettere al paziente di recuperare le forze dopo lungo periodo di scompenso cardiaco e uno stato di salute tale da permettere un successivo trattamento del tumore».
È già allo studio un’ulteriore evoluzione di questo dispositivo. «Presto – conclude – sarà disponibile una nuova consolle, munita di una Sim: trasmetterà i dati in continuo senza avere bisogno, come adesso, della base. E sarà sempre in comunicazione ovunque sia presente una rete cellulare».
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 novembre 2011 in cuore artificiale, INTERNET, SALUTE, vad

 

"Due" il talent album di Mario Biondi

Mario Biondi va alla scoperta di nuovi talenti e lancia la nuova frontiera della musica: il “talent album”. Un progetto unico nella storia della discografia italiana che vede per la prima volta un produttore e un artista affermato, offrire, all’interno del proprio album, spazio ad altri artisti, alcuni dei quali ancora poco noti al grande pubblico, trasformandolo in un ’trampolino di lanciò per giovani talenti.
Si tratta di “Due”, il nuovo doppio album di inediti di Mario Biondi in uscita su etichetta Tattica e distribuito da Indipendente Mente in cui l’inimitabile voce dell’artista catanese incontra 20 artisti di talento provenienti dalla scena soul e jazz italiana e internazionale. Venti brani, di cui 13 inediti composti dagli stessi artisti coinvolti nel progetto e 7 cover, in cui l’artista, in collaborazione con i suoi ospiti, dà prova di grande versatilità muovendosi con classe ed energia tra pezzi che spaziano tra il soul, il jazz con influenze r&b e lounge, fino a toccare sonorità bossanova vicine al brazilian sound.
Diviso in due dischi, “Due” è un’occasione unica per ascoltare la voce di Biondi insieme ad artisti ancora poco noti al grande pubblico ma dal riconosciuto talento. A duettare con lui, infatti, troviamo Jeff Cascaro nella cover del brano di Irvin Berlin, Blu Skies; il giovane interprete Walter Ricci che interpreta il brano dei The Cardinals “The door is still open to my heart”; Stevie Biondi, il fratello minore del crooner al suo debutto in “More than you could ever know”; Giordano Gambogi anche co-autore con Biondi dell’inedito “Dreaming”; Alain Clark che lo accompagna in “All you have to do”; Andrea Satomi Bertorelli che duetta con lui in “What’s happening broche”; l’israeliano Sagi Rei che firma e duetta nell’inedito “Won’t you come back” e il cantautore e comico e imitatore di Biondi, Fabrizio Casalino, in “Finale in dissolvenza”.
Assieme alla inconfondibile voce del crooner si alternano anche calde e sensuali voci femminili, come quelle dell’artista americana Wendy Lewis che interpreta “Life is Everything”; Samantha Iorio che accompagna Biondi nella cover del brano di Deniece Williams, “Free”; Chiara Civello nell’inedito “All I really want”; Vahimiti che duetta con Mario nel brano dalle spiccate sonorità r&b “Do you want me to stay” e la pop star danese Hanne Boel nella coinvolgente interpretazione della romantica “Funny how time slips away”.
Molti anche i nomi di musicisti del panorama soul e jazz contemporaneo che firmano alcuni brani dell’album: il percussionista Luca Florian è l’autore di “In The Sun”, il batterista Lorenzo Tucci compone insieme a Biondi l’intensa “Mother Earth”, il sassofonista Daniele Scannapieco offre una nuova versione di “Where are you” di Burt Bacharach, la violinista Luisiana Lorusso è co-autrice assieme al pianista Claudio Filippini di ’”Under that Sky”’, Andrea Celestino firma “Do you want me to stay”, il giovane cantautore Daniele Perrino il brano “Lullaby” e la sassofonista, cantante e compositrice Cristiana Polegri scrive “Everytime I think of you”.
Progetto inedito e assolutamente innovativo nel panorama della musica italiana, “Due” arriva ad un anno di distanza dall’uscita di «”Yes You”, il doppio album live con cui Biondi ha conquistato il doppio disco d’oro, e al termine di un lungo tour estivo con cui ha incantato le platee di tutta Italia, registrando sold out ovunque. Un percorso inarrestabile per un artista che in poco meno di cinque anni, con soli due album di inediti e due raccolte live, ha venduto oltre 600 mila copie, conquistato 9 dischi di platino e il primo posto con “If” della classifica iTunes come miglior album del 2010.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 novembre 2011 in due, mario biondi, MUSICA

 

Campagna choc di Benetton contro la cultura dell’odio

Roma, 16 nov. (Adnkronos) – E’ partita la nuova campagna chock di Benetton, e a Milano e a Roma è ‘guerriglia marketing’. Nella Capitale, poco dopo le 8 di questa mattina, è stato srotolato su Ponte dell’Angelo, a pochi passi dal Vaticano, un manifesto con l’immagine del Papa che si bacia con l’Imam de Il Cairo. Molti turisti e passanti si sono fermati per fotografare il fotomontaggio che non mancherà di far discutere.
Blitz anche a Milano con due eventi separati, prima di fronte alla Borsa e poi a Piazza Duomo, questa volta i protagonisti sono il presidente americano Barack Obama e il suo omologo cinese Hu Jintao.
La nuova campagna ‘politically uncorret’ di Benetton ha come titolo ‘Unhate’, contro l’odio. Il gruppo di Ponzano presenterà oggi l’iniziativa alla stampa internazionale a Parigi. Ancora ‘top secret’ i contenuti anche se l’immagine del bacio tra il Papa e l’Imam, esposto oggi nella Capitale, è una conferma dello stile di pubblicità ‘scomoda’ marchio di fabbrica dell’azienda veneta.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 novembre 2011 in benetton, CURIOSITA', unhate