RSS

Archivi giornalieri: 26 ottobre 2011

Torna l’ora solare. Risparmiati 650 mln di kwh

Roma, 26 ott. -(Adnkronos)- Addio ora legale, torna nella notte fra sabato 29 e domenica 30 ottobre, l’ora solare. Esattamente alle 0,3,00 bisognerà spostare le lancette degli orologi un’ora indietro, scandendo così la fine del periodo dell’ora legale 2011. Il cambio dell’ora ci farà dormire un’ora in più, mentre si dovrà aspettare fino a marzo 2012 per ritornare all’ora legale. (VIDEO)
La notte del 31 marzo scorso infatti è scattata, come ogni anno, l’ora legale 2011, una scelta collegata al risparmio energetico, quantificati dalla societa Terna in circa 650 milioni di kwh nel periodo di 7 mesi, un risparmio pari a metà del fabbisogno domestico elettrico annuo di una regione come il Friuli Venezia Giulia, con una riduzione di emissione medie pari a 300 mila tonnellate di CO2.
In Italia l’ora legale è in vigore dal 1966 in linea con i paesi dell’Unione Europea. Nel nostro Paese l’ora legale è stata adottata la prima volta nel 1916 ed è rimasta in uso fino al 1920. Da allora è stata abolita e riconfermata molte volte tra il 1940 e il 1948 a causa della Seconda guerra mondiale. L’ora legale è stata quindi adottata dall’Italia definitivamente con una legge del 1965, in un periodo in cui il fabbisogno energetico nel nostro paese aumentava continuamente. La legge stabiliva che l’ora legale stabilita durasse quattro mesi, dalla fine di maggio alla fine di settembre.
Sempre in Italia, la durata dell’ora legale è stata poi protratta a sei mesi nel 1981, con inizio l’ultima domenica di marzo e termine nell’ultima domenica di settembre. Nel 1996, quindi, è stato stabilito un altro prolungamento di un mese insieme con il resto dell’Europa: l’inizio è così fissato per l’ultima domenica di marzo mentre la fine dell’ora legale è spostata all’ultima domenica di ottobre.
Il primo a proporre di introdurre l’ora legale per risparmiare energia è stato Benjamin Franklin nel 1784 ma la prima introduzione su larga scala si ebbe solo nel 1916 in Inghilterra quando la Camera dei Comuni di Londra diede il via libera al cosiddetto British Summer Time. Tra i diversi Paesi, il Giappone non ha mai adottato l’ora legale rimanendo fermo a quella solare.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 ottobre 2011 in cambio orario, CURIOSITA', ora legale

 

La Terra taglia il traguardo dei 7 miliardi di abitanti

Roma, 26 ott. (Adnkronos) – Il 31 ottobre 2011 la popolazione mondiale taglierà il traguardo dei 7 miliardi di abitanti, un miliardo in più rispetto a 12 anni fa, ben 6 miliardi in più rispetto al 1800. Sul nostro pianeta vive oggi un crescente numero di giovani, soprattutto in Asia, Africa, America Latina, con “davanti un futuro incerto”, mentre si registra un costante invecchiamento della popolazione, soprattutto in Europa e America del Nord. Ma non solo.
C’è una sempre più intensa mobilità, ovunque, all’interno dei paesi, e tra paesi e continenti diversi, un costante espandersi delle città con costi e benefici, a cominciare dall’impatto ambientale. Ed in testa tra i primi 2 paesi che superano i miliardi di abitanti ci sono Cina e India, con popolazioni ed economie che “crescono al ritmo più vertiginoso”.
E’ questo lo stato della popolazione del mondo nel 2011 tracciato nel Rapporto “Il mondo a 7 miliardi: le persone e le opportunità” lanciato oggi, in contemporanea mondiale, dall’Unfpa, il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, e la cui versione italiana è curata da Aidos, l’Associazione italiana donne per lo sviluppo. Il Rapporto, presentato questa mattina a Roma nella sede della stampa estera, osserva le tendenze e le dinamiche che definiscono il pianeta dei 7 miliardi e mostra che cosa stanno facendo, all’interno delle loro comunità, persone diversissime per paesi di appartenenza e per circostanze di vita, “al fine di trarre il massimo dal nostro mondo popolato da 7 miliardi di persone”.
Alcune di queste tendenze sono particolarmente degne di nota. Secondo il Rapporto Unfpa oggi vivono nel mondo 893 milioni di persone che superano i sessant’anni, entro la metà del secolo il loro numero raggiungerà i 2,4 miliardi. E ancora. Una persona su due vive in città, e in soli 35 anni il rapporto sarà di due su tre. I giovani sotto i 25 anni costituiscono già il 43 per cento della popolazione mondiale, e in alcuni paesi raggiungono addirittura il 60 per cento.
La rapida crescita della popolazione mondiale, sottolinea il Rapporto dell’Unfpa, è un fenomeno recente. Circa 2000 anni fa il mondo intero era abitato da circa 300 milioni di esseri umani. Ci sono voluti più di 1600 anni perché quella cifra raddoppiasse, raggiungendo i 600 milioni. La crescita demografica ebbe un’impennata a partire dal 1950: la riduzione della mortalità nelle regioni meno sviluppate ha portato a una stima della popolazione mondiale, nel 2000, di 6,1 miliardi, quasi due volte e mezzo la cifra di cinquant’anni prima. Con la diminuzione dei tassi di fecondità in quasi tutto il mondo, il tasso globale di crescita è sceso rispetto al picco, raggiunto nel periodo 1965-70, del 2,0 per cento.
Cina, India, Mozambico, Nigeria, Etiopia, Egitto, Messico, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Finlandia, sono i paesi su cui si concentra il Rapporto dell’Unfpa per fare luce sulle sfide e sulle opportunità dell’essere 7 miliardi di persone, sempre più connesse, sempre più interdipendenti. Tra i suoi aspetti chiave, il Rapporto analizza l’evolversi della fecondità, perché, spiegano gli analisti, “se è vero che ovunque nel mondo ci si sta orientando verso famiglie più piccole, diversi sono i modi per consentire alle persone di scegliere davvero di avere il numero di figli che desidera, quando desidera, senza correre rischi per la salute”.
Nel suo World Population Prospects: The 2010 Revision (Prospettive per la popolazione mondiale: revisione 2010), pubblicato nel maggio 2011, la Divisione per la popolazione del Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite prevede che nel 2050 la popolazione del pianeta raggiungerà i 9,3 miliardi di persone, un incremento superiore rispetto alle stime precedenti. Pur prevedendo un decremento sempre più consistente del tasso di fecondità, secondo questo scenario entro la fine del secolo si supereranno i 10 miliardi. Qualora la variazione nel tasso di fecondità fosse inferiore al previsto, specie nei paesi più popolosi, il totale potrebbe essere ancora superiore. Secondo i calcoli della Divisione per la popolazione, gli abitanti della Terra potrebbero essere 10,6 miliardi già entro il 2050, raggiungendo nel 2100 i 15 miliardi.
Molte le domande che pone il Rapporto da come assicurare un livello di vita dignitoso a ciascuno, salvaguardando le risorse del pianeta e riducendo le diseguaglianze tra ricchi e poveri, tra donne e uomini, tra persone istruite e persone analfabete, tra chi ha accesso ai servizi sanitari e chi non ce l’ha. Disuguaglianze che, sottolineano gli analisti, “non permettono ancora di cogliere appieno i benefici di questo immenso capitale umano”. La parola chiave del Rapporto è pianificazione, dalla pianificazione familiare, alla pianificazione urbana, economica a quella ambientale, “nel rispetto dei diritti e della libertà di scelta e in modo da costruire opportunita’ di partecipazione: per le donne, per i giovani ma anche per le persone anziane”.
Secondo l’Unfpa, dunque, “è questa la posta in gioco, se si vuole preparare il mondo ad accogliere anche il prossimo miliardo di persone, atteso tra appena 13 anni, sulla quale l’Unfpa comincia a fare luce con questo rapporto”. “In molte parti del mondo in via di sviluppo, laddove la crescita demografica è più rapida di quella economica, il fabbisogno di servizi per la salute riproduttiva, e in particolare per la pianificazione familiare, resta altissimo. Contenere la crescita della popolazione è una conditio sine qua non per una crescita economica e uno sviluppo accelerati e pianificati” afferma Babatunde Osotimehin, Direttore esecutivo Unfpa, nell’introduzione del Rapporto.
“Le dimensioni record della popolazione -prosegue Osotimehin- si possono considerare un successo per l’umanità: gli esseri umani vivono più a lungo, e in migliori condizioni di salute”. “Ma -avverte il direttore del Fondo delle nazioni unite per la popolazione- non tutti hanno potuto approfittare di questi successi, o della migliore qualità della vita che questo implica. Grandi disparità sussistono tra un paese e un altro, o all’interno di una stessa nazione. E persistono anche le condizioni di disparità di diritti e di opportunità tra uomini e donne, tra bambine e bambini”. “Tracciare oggi il cammino verso uno sviluppo che promuova l’uguaglianza, anzichè rafforzare le disuguaglianze, -aggiunge- è più importante che mai”.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 ottobre 2011 in ABITANTI, CURIOSITA', TERRA, TRAGUARDO