RSS

Archivi giornalieri: 11 ottobre 2011

Idee intelligenti. Arriva l’attacca chewingum

Roma, 10 ott. – (Ign) – Cresce il tasso di ‘sensibilità ambientale’ degli italiani che, dopo il lavoro, si preoccupano di inquinamento e spreco delle risorse. L’indagine Eurobarometro, infatti, descrive un Bel Paese ‘ecologicamente convinto’ al punto di bocciare il governo in materia di politiche ‘green’.
Ma gli italiani sanno perfettamente di dover contribuire con: una corretta raccolta differenziata, il risparmio delle risorse idriche e l’efficienza energetica. Questo perchè anche un piccolo gesto può fare la differenza. Spesso, però, la maleducazione è difficile da correggere e richiede informazione e tempo. In questo le buone idee possono aiutare.
Lo sa bene Laura Martini designer e artista milanese, che combatte la maleducazione ed educa il cittadino al rispetto dell’ambiente, con il progetto ‘Stick your Gum here’. Ricreando l’immagine dello schienale della sedia, invita le persone ad attaccarci le gomma da masticare evitando così di disperderla nell’ambiente.
Il progetto ‘Stick your Gum here’ parte dall’analisi di alcuni dati: il senso civico, l’educazione e i costi di smaltimento per il recupero del chewingum. A partire da quest’ultimo punto l’Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori), afferma che in Italia rimuovere 1 gomma da masticare dall’asfalto costa 1 euro e il tempo richiesto dall’operazione è pari a 2 minuti. Cinque anni invece è il tempo di smaltimento effettivo per questa cattiva abitudine.
In Irlanda, il costo varia dai 3 ai 20 euro a metro quadro. In Gran Bretagna, si spendono oltre 240 milioni di euro all’anno di disinfettanti e sostanze chimiche per l’eliminazione delle gomme, mentre in Germania, la rimozione delle gomme da masticare pesa 900 milioni di euro sulle casse comuni.
‘Stick your Gum here’,dunque, si propone come una singolare strategia di ambient marketing che RI-crea l’immagine dello schienale della sedia, utilizzando gli ‘archetti parapedonali’ già presenti sul territorio.
E’ su questi  archetti viene agganciato il pannello in legno (mediante sei fori che permettono di unirli agli archetti senza rovinarli). Adesso, quello che prima era un semplice dissuasore di sosta è lo schienale di una sedia, dagli angoli completamente arrotondati, su cui poter lasciare la propria chewingum.

Un’alternativa ‘pulita’ è Chicza Rainforest Gum, la gomma da masticare naturale estratta e lavorata dai chicleros dello Yucatan. Per il momento è già presente sui mercati della Gran Bretagna al costo di 1,50 euro al pacchetto, ma qualche punto vendita italiano la propone già ai suoi clienti. Il chewingum ‘amico dell’ambiente’ è smaltibile in sole sei settimane, non è appiccicoso e dannoso nel caso in cui venga ingoiato.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 ottobre 2011 in chewingum, CURIOSITA', stick your gun here

 

Germania, un trojan delle autorita’ tedesche spia i cittadini

In Germania, un gruppo di hacker facenti parte dell’associazione Chaos Computer Club (CCC) che si occupa del monitoraggio dei virus circolanti sul web, ha scoperto un malware che sarebbe stato prodotto nientemeno che dalle autorità tedesche. 
Nello specifico si tratterebbe di un trojan in grado di monitorare e registrare l’attività di alcuni utenti totalmente ignari: attraverso il virus, le azioni compiute dagli utenti sui computer privati verrebbero controllate e spiate da remoto. 
Alcune indiscrezioni rivelano che il malware sarebbe servito a polizia e servizi segreti tedeschi per monitorare le attività della popolazione.(BitCity)
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 ottobre 2011 in INTERNET, trojan germania, virus tedesco