RSS

Archivio mensile:ottobre 2011

You Tube: presto 100 canali TV da Google

YouTube inaugura 100 canali che nei prossimi mesi daranno vita ad un palinsesto originale fruibile dalle pagine del servizio Google.
 “Cambia canale”: una volta lo si poteva dire discutendo con chi aveva il telecomando in mano, oggi lo si può invece pensare tra sé e sé mentre si naviga un sito quale YouTube. D’ora in poi, infatti, la repository Google aggiungerà ai propri contenuti tutta una serie di novità a livello di contenuto, moltiplicando i partner e soprattutto estendendo l’offerta di qualità disponibile.
Se per lungo tempo Google ha tentato di mettere le mani sul mercato dell’advertising televisivo, ora il passo va ben oltre: Google si è costruito la propria tv, l’ha impacchettata all’interno del brand YouTube e si è circondato di un alto numero di partner di grande prestigio. Se ancora non è nota la tipologia dei contenuti di prossima distribuzione, quel che è noto è il fatto che i canali saranno disponibili a partire dalle prossime settimane (con progressiva apertura alla totalità dell’offerta nel corso dei prossimi mesi) e che i filmati saranno raggiungibili in tutto il mondo. Ogni canale metterà a disposizione un paio di ore di programmazione originale ogni settimana, accumulando così nel tempo un palinsesto che promette sicuro interesse.
Hearst Magazines, IGN Entertainment, Lionsgate, The Wall Street Journal, Warner Music Group: sono questi solo alcuni dei nomi parte di un elenco che mette assieme ben 100 canali curati da altrettanti partner pronti a fruire della community YouTube per monetizzare il proprio nuovo impegno. La varietà dell’offerta è il valore vero del progetto:
Questi canali hanno qualcosa per tutti, che tu sia una mamma, che ti piacciano le commedie, che ti piaccia lo sport, che ti piaccia la musica o la cultura pop.
A questo punto manca soltanto un tassello: Google deve riuscire a proporre agli utenti un canale semplice con cui veicolare questo tipo di contenuti su di uno schermo televisivo. La responsabilità è in questo caso tutta su Android: che sia uno smartphone, che sia un tablet o un dispositivo dell’ecosistema Google TV, sarà tramite il sistema operativo pensato per il mobile che dovrà arrivare il link tra la rete e il salotto. Anche in tal senso vi sono alcune novità, ma la sensazione è quella per cui il progetto non sia ancora a tutto tondo e che il puzzle non sia completo.
Lavori in corso, insomma. Ma il progetto è estremamente ambizioso. (YouTube
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 ottobre 2011 in INTERNET, tv internet, tv youtube, youtube

 

I nostri sogni possono essere spiati

Sono intimi, dentro ci vanno a finire tutte le nostre paure, a volte, i nostri segreti più nascosti e anche i nostri desideri. Sono i sogni. Ma cosa potrebbe accadere se qualcuno riuscisse a spiarli?
Non è una possibilità poi così remota. Oggi, a quanto pare, basta una risonanza magnetica. Un gruppo di neuroscienziati del Max Planck Institute of Psychiatry di Monaco ha studiato i ‘sogni lucidi’ ossia quelli in cui abbiamo la consapevolezza di sognare. Quante volte ci sarà capitato di avere un ruolo “attivo” nei nostri sogni? Quante volte ci rendiamo conto, in corso d’opera, che stiamo sognando?
Secondo gli esperti, nonostante la difficoltà nel controllare sperimentalmente l’attività onirica spontanea, si è una riusciti ad avere una dimostrazione diretta dei contenuti del sogno con metodi di neuroimaging del cervello combinati alla polisonnografia e sfruttando lo stato di “sogno lucido”.
Si nota allora che un compito motorio predefinito eseguito durante il sogno provoca l’attivazione neuronale nella corteccia sensomotoria. Nei sogni lucidi, il soggetto è a conoscenza dello stato in cui si trova ed è quindi in grado di eseguire azioni predefinite. Usando alcuni segnali come i marcatori temporali, gli studiosi hanno monitorato l’attività neurale misurandola attraverso la risonanza magnetica funzionale (fMRI) e la spettroscopia nel vicino infrarosso (NIRS)
Da oggi, allora, dovremmo stare un po’ più attenti a ciò che sogniamo.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 ottobre 2011 in CURIOSITA', DORMIRE, SOGNI, SPIARE

 

"Piccolino": il nuovo album di Mina

Sono stati finalmente rivelati tutti i dettagli del nuovo album che Mina pubblicherà il 22 Novembre. “Piccolino” è il titolo del nuovo lavoro di inediti della cantante che è stato anticipato dal singolo “Questa Canzone”, il brano che aveva dato vita ad una vera e propria “caccia all’autore” risoltasi dopo un breve tam tam sul web con l’annuncio di due nomi tutt’altro che imprevedibili. Si è scoperto infatti che gli autori sconosciuti del brano inserito nella track-list del nuovo album, altri non erano che due autori che hanno lavorato spesso con la cantante ovvero  Mario Nobile per le musiche, Paolo Limiti per i testi.
Oltre alla data di pubblicazione, sono stati svelati anche cover e track-list del nuovo album. L’immagine che fa da cover a “Piccolino“, diffusa tramite il nuovo sito internet di Mina e che noi riproponiamo qui, riprende la figura della cantante “in versione extraterrestre”: un disegno in bianco e nero realizzato da Gianni Ronco con la direzione artistica di Mauro Balletti, che aveva già curato il video che ha accompagnato la diffusione di “Questa canzone“.
Artwork “Piccolino” – © minamazzini.com
Dieci sono le tracce che entreranno a far parte di “Piccolino“: molti i nomi noti che hanno lavorato alla scrittura dei brani inediti con cui Mina torna in scena e che i suoi fan attendono ora con impazienza. Tra gli altri anche  Giorgio Faletti e il leader dei Negramaro Giuliano Sangiorgi.
Questa la tracklistdell’album:
  • ·                                 ”Compagna di viaggio”
  • ·                                 “Matrioska”
  • ·                                 “Questa canzone”
  • ·                                 “Ainda Bem”
  • ·                                 “Brucio di te”
  • ·                                 ”Canzone maledetta”
  • ·                                 ”L’uomo dell’autunno”
  • ·                                 ”Fuori città”
  • ·                                 ”Fly Away”
  • ·                                 ”E così sia”

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 ottobre 2011 in album, mina, MUSICA, piccolino

 

Torna l’ora solare. Risparmiati 650 mln di kwh

Roma, 26 ott. -(Adnkronos)- Addio ora legale, torna nella notte fra sabato 29 e domenica 30 ottobre, l’ora solare. Esattamente alle 0,3,00 bisognerà spostare le lancette degli orologi un’ora indietro, scandendo così la fine del periodo dell’ora legale 2011. Il cambio dell’ora ci farà dormire un’ora in più, mentre si dovrà aspettare fino a marzo 2012 per ritornare all’ora legale. (VIDEO)
La notte del 31 marzo scorso infatti è scattata, come ogni anno, l’ora legale 2011, una scelta collegata al risparmio energetico, quantificati dalla societa Terna in circa 650 milioni di kwh nel periodo di 7 mesi, un risparmio pari a metà del fabbisogno domestico elettrico annuo di una regione come il Friuli Venezia Giulia, con una riduzione di emissione medie pari a 300 mila tonnellate di CO2.
In Italia l’ora legale è in vigore dal 1966 in linea con i paesi dell’Unione Europea. Nel nostro Paese l’ora legale è stata adottata la prima volta nel 1916 ed è rimasta in uso fino al 1920. Da allora è stata abolita e riconfermata molte volte tra il 1940 e il 1948 a causa della Seconda guerra mondiale. L’ora legale è stata quindi adottata dall’Italia definitivamente con una legge del 1965, in un periodo in cui il fabbisogno energetico nel nostro paese aumentava continuamente. La legge stabiliva che l’ora legale stabilita durasse quattro mesi, dalla fine di maggio alla fine di settembre.
Sempre in Italia, la durata dell’ora legale è stata poi protratta a sei mesi nel 1981, con inizio l’ultima domenica di marzo e termine nell’ultima domenica di settembre. Nel 1996, quindi, è stato stabilito un altro prolungamento di un mese insieme con il resto dell’Europa: l’inizio è così fissato per l’ultima domenica di marzo mentre la fine dell’ora legale è spostata all’ultima domenica di ottobre.
Il primo a proporre di introdurre l’ora legale per risparmiare energia è stato Benjamin Franklin nel 1784 ma la prima introduzione su larga scala si ebbe solo nel 1916 in Inghilterra quando la Camera dei Comuni di Londra diede il via libera al cosiddetto British Summer Time. Tra i diversi Paesi, il Giappone non ha mai adottato l’ora legale rimanendo fermo a quella solare.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 ottobre 2011 in cambio orario, CURIOSITA', ora legale

 

La Terra taglia il traguardo dei 7 miliardi di abitanti

Roma, 26 ott. (Adnkronos) – Il 31 ottobre 2011 la popolazione mondiale taglierà il traguardo dei 7 miliardi di abitanti, un miliardo in più rispetto a 12 anni fa, ben 6 miliardi in più rispetto al 1800. Sul nostro pianeta vive oggi un crescente numero di giovani, soprattutto in Asia, Africa, America Latina, con “davanti un futuro incerto”, mentre si registra un costante invecchiamento della popolazione, soprattutto in Europa e America del Nord. Ma non solo.
C’è una sempre più intensa mobilità, ovunque, all’interno dei paesi, e tra paesi e continenti diversi, un costante espandersi delle città con costi e benefici, a cominciare dall’impatto ambientale. Ed in testa tra i primi 2 paesi che superano i miliardi di abitanti ci sono Cina e India, con popolazioni ed economie che “crescono al ritmo più vertiginoso”.
E’ questo lo stato della popolazione del mondo nel 2011 tracciato nel Rapporto “Il mondo a 7 miliardi: le persone e le opportunità” lanciato oggi, in contemporanea mondiale, dall’Unfpa, il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, e la cui versione italiana è curata da Aidos, l’Associazione italiana donne per lo sviluppo. Il Rapporto, presentato questa mattina a Roma nella sede della stampa estera, osserva le tendenze e le dinamiche che definiscono il pianeta dei 7 miliardi e mostra che cosa stanno facendo, all’interno delle loro comunità, persone diversissime per paesi di appartenenza e per circostanze di vita, “al fine di trarre il massimo dal nostro mondo popolato da 7 miliardi di persone”.
Alcune di queste tendenze sono particolarmente degne di nota. Secondo il Rapporto Unfpa oggi vivono nel mondo 893 milioni di persone che superano i sessant’anni, entro la metà del secolo il loro numero raggiungerà i 2,4 miliardi. E ancora. Una persona su due vive in città, e in soli 35 anni il rapporto sarà di due su tre. I giovani sotto i 25 anni costituiscono già il 43 per cento della popolazione mondiale, e in alcuni paesi raggiungono addirittura il 60 per cento.
La rapida crescita della popolazione mondiale, sottolinea il Rapporto dell’Unfpa, è un fenomeno recente. Circa 2000 anni fa il mondo intero era abitato da circa 300 milioni di esseri umani. Ci sono voluti più di 1600 anni perché quella cifra raddoppiasse, raggiungendo i 600 milioni. La crescita demografica ebbe un’impennata a partire dal 1950: la riduzione della mortalità nelle regioni meno sviluppate ha portato a una stima della popolazione mondiale, nel 2000, di 6,1 miliardi, quasi due volte e mezzo la cifra di cinquant’anni prima. Con la diminuzione dei tassi di fecondità in quasi tutto il mondo, il tasso globale di crescita è sceso rispetto al picco, raggiunto nel periodo 1965-70, del 2,0 per cento.
Cina, India, Mozambico, Nigeria, Etiopia, Egitto, Messico, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Finlandia, sono i paesi su cui si concentra il Rapporto dell’Unfpa per fare luce sulle sfide e sulle opportunità dell’essere 7 miliardi di persone, sempre più connesse, sempre più interdipendenti. Tra i suoi aspetti chiave, il Rapporto analizza l’evolversi della fecondità, perché, spiegano gli analisti, “se è vero che ovunque nel mondo ci si sta orientando verso famiglie più piccole, diversi sono i modi per consentire alle persone di scegliere davvero di avere il numero di figli che desidera, quando desidera, senza correre rischi per la salute”.
Nel suo World Population Prospects: The 2010 Revision (Prospettive per la popolazione mondiale: revisione 2010), pubblicato nel maggio 2011, la Divisione per la popolazione del Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite prevede che nel 2050 la popolazione del pianeta raggiungerà i 9,3 miliardi di persone, un incremento superiore rispetto alle stime precedenti. Pur prevedendo un decremento sempre più consistente del tasso di fecondità, secondo questo scenario entro la fine del secolo si supereranno i 10 miliardi. Qualora la variazione nel tasso di fecondità fosse inferiore al previsto, specie nei paesi più popolosi, il totale potrebbe essere ancora superiore. Secondo i calcoli della Divisione per la popolazione, gli abitanti della Terra potrebbero essere 10,6 miliardi già entro il 2050, raggiungendo nel 2100 i 15 miliardi.
Molte le domande che pone il Rapporto da come assicurare un livello di vita dignitoso a ciascuno, salvaguardando le risorse del pianeta e riducendo le diseguaglianze tra ricchi e poveri, tra donne e uomini, tra persone istruite e persone analfabete, tra chi ha accesso ai servizi sanitari e chi non ce l’ha. Disuguaglianze che, sottolineano gli analisti, “non permettono ancora di cogliere appieno i benefici di questo immenso capitale umano”. La parola chiave del Rapporto è pianificazione, dalla pianificazione familiare, alla pianificazione urbana, economica a quella ambientale, “nel rispetto dei diritti e della libertà di scelta e in modo da costruire opportunita’ di partecipazione: per le donne, per i giovani ma anche per le persone anziane”.
Secondo l’Unfpa, dunque, “è questa la posta in gioco, se si vuole preparare il mondo ad accogliere anche il prossimo miliardo di persone, atteso tra appena 13 anni, sulla quale l’Unfpa comincia a fare luce con questo rapporto”. “In molte parti del mondo in via di sviluppo, laddove la crescita demografica è più rapida di quella economica, il fabbisogno di servizi per la salute riproduttiva, e in particolare per la pianificazione familiare, resta altissimo. Contenere la crescita della popolazione è una conditio sine qua non per una crescita economica e uno sviluppo accelerati e pianificati” afferma Babatunde Osotimehin, Direttore esecutivo Unfpa, nell’introduzione del Rapporto.
“Le dimensioni record della popolazione -prosegue Osotimehin- si possono considerare un successo per l’umanità: gli esseri umani vivono più a lungo, e in migliori condizioni di salute”. “Ma -avverte il direttore del Fondo delle nazioni unite per la popolazione- non tutti hanno potuto approfittare di questi successi, o della migliore qualità della vita che questo implica. Grandi disparità sussistono tra un paese e un altro, o all’interno di una stessa nazione. E persistono anche le condizioni di disparità di diritti e di opportunità tra uomini e donne, tra bambine e bambini”. “Tracciare oggi il cammino verso uno sviluppo che promuova l’uguaglianza, anzichè rafforzare le disuguaglianze, -aggiunge- è più importante che mai”.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 ottobre 2011 in ABITANTI, CURIOSITA', TERRA, TRAGUARDO

 

Il Meteo delle fonti rinnovabili, in funzione da novembre

Livorno, 25 ott. – (Adnkronos) – Entrerà in funzione a novembre in Toscana il Meteo delle fonti rinnovabili, attraverso il quale nei notiziari Meteo di tv, radio, giornali e web, saranno fornite informazioni sulla produzione energetica da impianti solari e fotovoltaici. L’iniziativa è stata illustrata a Livorno, in Palazzo Granducale, dall’assessore all’ambiente della Provincia Nicola Nista. Insieme a lui i rappresentanti dell’Ealp, Susanna Ceccanti e Roberto Bianco, e Gabriele Brugnoni del Lamma.
”La finalità dell’iniziativa ”EnergizAir: il Meteo delle fonti rinnovabili” – ha detto Nista – è quella di affiancare alle normali notizie sulle previsioni meteorologiche, anche le informazioni relative alla energia effettivamente prodotta da impianti a fonti rinnovabili in un determinato giorno. L’obiettivo – ha aggiunto – è quello di far arrivare al grande pubblico la percezione concreta di quanta energia elettrica possa fornire un impianto di questo tipo e, soprattutto, quanto una famiglia potrebbe risparmiare sulla bolletta”.
L’attività, che nasce da un’idea dell’associazione Apere di Bruxelles, sarà realizzata contemporaneamente da cinque agenzie energetiche in cinque paese europei: Belgio, Francia, Slovenia, Portogallo e Italia. Per l’Italia sarà curato dall’Ealp (Agenzia Energetica Provinciale) che coordinerà le iniziative dei partner locali coinvolti.
Il progetto è cofinanziato dall’Unione Europea attraverso Intelligent Energy Europe. Nelle prossime settimane Raitre (a cura del consorzio Lamma), Telegranducato e Radio Toscana partiranno con la messa in onda di una rubrica innovativa all’interno delle consuete previsioni meteorologiche. Come funziona il progetto EnergizAir lo ha spiegato Susanna Ceccanti dell’Ealp.
”Sulla base delle condizioni meteo, sole e vento, avute nell’arco di una settimana, nelle rubriche meteo dei nostri partner verranno fornite anche informazioni sulla percentuale di acqua calda o energia elettrica prodotta da impianti a solare termico e fotovoltaici e il grado di copertura del fabbisogno energetico familiare o delle abitazioni di un’area geografica. A breve le notizie saranno arricchite anche dai dati relativi agli impianti eolici”.
Per il Solare termico il sistema stabilisce quale percentuale di acqua calda è stata prodotta da un impianto domestico standard (da 4 m2) in una abitazione media. Per esempio il 5 agosto 2011 a Livorno l’irraggiamento solare ha prodotto il 100% del fabbisogno di acqua calda di una famiglia media, mentre il 18 ottobre ne ha prodotto il 40%.
Per il Fotovoltaico si calcola la percentuale di energia elettrica prodotta da un impianto standard in una abitazione media (la produzione di kWh può coprire parzialmente o totalmente i fabbisogni di energia elettrica di una famiglia). Per esempio il 5 agosto 2011 l’irraggiamento solare ha prodotto il 185% dei fabbisogno di una famiglia, mentre il 18 ottobre la produzione è calata al 116%.
In entrambi i casi la percentuale di energia oltre il fabbisogno del 100%, è andata ad incidere, con un risparmio reale, sulla bolletta. Stesso ragionamento sarà fatto per l’Eolico, calcolando quante abitazioni sono alimentate grazie alla produzione di energia degli impianti della zona presa in considerazione. Il numero di abitazioni viene quindi messo a confronto con una particolare area geografica (identificata come la città con quel numero di abitazioni). Nel territorio livornese è crescente l’interesse per questo tipo di impianti.
”Nella provincia di Livorno – ha evidenziato l’assessore Nista – sono in funzione impianti fotovoltaici autorizzati dalla Provincia o dai Comuni, per un totale di 50 megawatt. Una cifra importante che contiamo di poter aumentare anche grazie al progetto EnergizAir, con al quale le persone avranno informazioni più precise rispetto alla effettiva convenienza economica, ma anche ambientale, degli impianti energetici da fonti rinnovabili”.
”Chiunque fosse interessato ad accogliere nel proprio sito web i 3 indicatori suindicati con il link al sito del progetto – ha sottolineato Ceccanti – può contattare Ealp (susanna.ceccanti@ealp.it) che sarà lieta di fornire tutte le informazioni al fine di poter attivare tecnicamente il rapporto tra il vostro sito ewww.meteorinnovabili.it”.
Il 27 e 28 ottobre si terra’ a Livorno, nella sede provinciale di Via Marradi, un ”braistorming day” dove alcuni esperti internazionali, appartenenti al mondo dei media, delle fonti rinnovabili e del meteo, si confronteranno con i colleghi provenienti dai paesi partner (Belgio, Portogallo, Francia, Slovenia, Italia) sui contenuti innovativi e i risultati del progetto EnergizAir.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 ottobre 2011 in ENERGIZAIR, FONTI RINNOVABILI, LIVORNO, METEO

 

I falsari attaccano l’agroalimentare italiano

Roma, 25 ott. (Adnkronos) – Da qualche anno i prodotti alimentari tipici italiani, con tutto il made in Italy, sono sotto attacco da parte della contraffazione internazionale e sono allarmanti i dati che denunciano come questo fenomeno sia in continua crescita. I numeri del falso made in Italy sono stati diffusi in “Italia a Tavola 2011“, il rapporto congiunto presentato oggi a Roma dal MDC (Movimento dei Consumatori) e da Legambiente.
Nessun prodotto esce indenne dall’attacco dei falsari, dall’italian sounding ai taroccamenti dei prodotti a marchio di origine (DOP, IGP e STG). Tra i falsi c’è il vino di pregio e il Pomodoro “San Marzano”, una specie in via di estinzione in Italia, come sostiene la Confagricoltura, ma ben presente nelle coltivazioni “tarocche” all’estero. E poi ancora le mozzarelle di bufala campana Dop e l’olio extra vergine “deodorato”; non si salvano neanche i Panettoni e le Colombe, super “taroccate” durante le feste.
Le cifre fornite sono impressionanti, segno di un business su scala industriale; lo scorso anno sono stati fatti oltre 430 mila controlli tra Agenzia delle Dogane, Carabinieri del NAS e per le Politiche Agricole e Alimentari, Capitanerie di Porto, Corpo forestale, Servizi di igiene ed AS.
Elevato il valore delle singole operazioni, si va dai 10 milioni di euro di olio vergine di oliva o addirittura lampante (e quindi non commestibile) spacciato per extra vergine ai 7 milioni di euro per il sequestro di 100 hl di prodotti vinosi illecitamente qualificati come “Amarone” e “Valpolicella Ripasso”. E ancora, è di 4 milioni di euro il valore dei 450 mila chilogrammi di olio extravergine di oliva “deodorato”, di 3,4 milioni di euro quello dei vini di qualità prodotti in regioni determinate e IGT e dei prodotti a marchio di origine (DOP, IGP e STG) contraffatti e 391 mila euro è il valore del sequestro di doppio concentrato di pomodoro confezionato con etichette che dichiarano indebitamente l’origine italiana.
I “falsari” del cibo trovano terreno fertile in un sistema che si evolve anche sui nuovi media come internet. Non mancano, infatti, le frodi on line come il ritrovamento di Gorgonzola, Taleggio e Grana D.O.P. contraffati e venduti sul web da alcune ditte.
Tante le notizie di frodi, contraffazioni e sofisticazioni che ci farebbero passare l’appetito se non fosse che i controlli delle forze dell’ordine hanno evitato che arrivassero sulle nostre tavole 36 milioni di chilogrammi e più di 18 milioni di litri di prodotti contraffatti o in cattivo stato di conservazione solo nel 2010.
Ogni giorno gli istituti preposti restituiscono all’agroalimentare la sua credibilità passando al setaccio produttori, allevatori, trasformatori, supermercati, negozi e ristoranti. Ma anche mercati rionali, pescherie, stabilimenti balneari, campeggi, villaggi turistici, bar e agriturismi.
Il Movimento Difesa del Cittadino e Legambiente ricordano che in tema di governance della sicurezza alimentare in Italia c’è ancora molta strada da percorrere al fine di garantire il massimo livello di tutela della salute del cittadino. “Nel Paese che ha lottato per ospitare l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) – ha dichiarato Antonio Longo, Presidente del Movimento Difesa del Cittadino – siamo ancora bloccati su vecchie impostazioni, attribuzioni, competenze che dimostrano tutti i loro limiti ogni volta che c’è una crisi di sicurezza per l’alimentazione. Crediamo che vada riaperta la questione dell’Agenzia nazionale, senza anacronistiche gelosie e concorrenze. Per intervenire con rapidità, per dare un senso alla molteplicità di soggetti che effettuano i tantissimi controlli, per dare efficacia all’informazione, per dare sicurezza ai cittadini che spesso non sanno a chi rivolgersi quando cercano informazioni”.
“Bisogna uscire – ha dichiarato il Sen. Francesco Ferrante della segreteria nazionale di Legambiente – da questa paradossale impasse: da una parte l’agroalimentare è uno di quei settori su cui puntare per rilanciare lo sviluppo del nostro Paese, in particolare sulla tutela del made in Italy e della “buona” Italia, dall’altra è proprio in questo settore, così delicato per la salute dei cittadini, che ogni giorno si svolge una vera e propria battaglia tra forze dell’ordine e criminali senza scrupoli. Dobbiamo impegnarci sempre di più – ha sottolineato Ferrante – nella diffusione e nella promozione delle buone pratiche agricole e della etichettatura completa e trasparente. Dobbiamo poi assolutamente pretendere che l’EFSA inizi finalmente a svolgere il suo ruolo di tutela della sicurezza alimentare a livello europeo e che in Italia si possa, superando ostacoli e timidezze, arrivare a un coordinamento efficace delle attività di prevenzione e controllo”.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 ottobre 2011 in CONTRAFFAZIONE DEL CIBO, FALSARI, FOOD