RSS

Archivio mensile:ottobre 2011

You Tube: presto 100 canali TV da Google

YouTube inaugura 100 canali che nei prossimi mesi daranno vita ad un palinsesto originale fruibile dalle pagine del servizio Google.
 “Cambia canale”: una volta lo si poteva dire discutendo con chi aveva il telecomando in mano, oggi lo si può invece pensare tra sé e sé mentre si naviga un sito quale YouTube. D’ora in poi, infatti, la repository Google aggiungerà ai propri contenuti tutta una serie di novità a livello di contenuto, moltiplicando i partner e soprattutto estendendo l’offerta di qualità disponibile.
Se per lungo tempo Google ha tentato di mettere le mani sul mercato dell’advertising televisivo, ora il passo va ben oltre: Google si è costruito la propria tv, l’ha impacchettata all’interno del brand YouTube e si è circondato di un alto numero di partner di grande prestigio. Se ancora non è nota la tipologia dei contenuti di prossima distribuzione, quel che è noto è il fatto che i canali saranno disponibili a partire dalle prossime settimane (con progressiva apertura alla totalità dell’offerta nel corso dei prossimi mesi) e che i filmati saranno raggiungibili in tutto il mondo. Ogni canale metterà a disposizione un paio di ore di programmazione originale ogni settimana, accumulando così nel tempo un palinsesto che promette sicuro interesse.
Hearst Magazines, IGN Entertainment, Lionsgate, The Wall Street Journal, Warner Music Group: sono questi solo alcuni dei nomi parte di un elenco che mette assieme ben 100 canali curati da altrettanti partner pronti a fruire della community YouTube per monetizzare il proprio nuovo impegno. La varietà dell’offerta è il valore vero del progetto:
Questi canali hanno qualcosa per tutti, che tu sia una mamma, che ti piacciano le commedie, che ti piaccia lo sport, che ti piaccia la musica o la cultura pop.
A questo punto manca soltanto un tassello: Google deve riuscire a proporre agli utenti un canale semplice con cui veicolare questo tipo di contenuti su di uno schermo televisivo. La responsabilità è in questo caso tutta su Android: che sia uno smartphone, che sia un tablet o un dispositivo dell’ecosistema Google TV, sarà tramite il sistema operativo pensato per il mobile che dovrà arrivare il link tra la rete e il salotto. Anche in tal senso vi sono alcune novità, ma la sensazione è quella per cui il progetto non sia ancora a tutto tondo e che il puzzle non sia completo.
Lavori in corso, insomma. Ma il progetto è estremamente ambizioso. (YouTube
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 ottobre 2011 in INTERNET, tv internet, tv youtube, youtube

 

I nostri sogni possono essere spiati

Sono intimi, dentro ci vanno a finire tutte le nostre paure, a volte, i nostri segreti più nascosti e anche i nostri desideri. Sono i sogni. Ma cosa potrebbe accadere se qualcuno riuscisse a spiarli?
Non è una possibilità poi così remota. Oggi, a quanto pare, basta una risonanza magnetica. Un gruppo di neuroscienziati del Max Planck Institute of Psychiatry di Monaco ha studiato i ‘sogni lucidi’ ossia quelli in cui abbiamo la consapevolezza di sognare. Quante volte ci sarà capitato di avere un ruolo “attivo” nei nostri sogni? Quante volte ci rendiamo conto, in corso d’opera, che stiamo sognando?
Secondo gli esperti, nonostante la difficoltà nel controllare sperimentalmente l’attività onirica spontanea, si è una riusciti ad avere una dimostrazione diretta dei contenuti del sogno con metodi di neuroimaging del cervello combinati alla polisonnografia e sfruttando lo stato di “sogno lucido”.
Si nota allora che un compito motorio predefinito eseguito durante il sogno provoca l’attivazione neuronale nella corteccia sensomotoria. Nei sogni lucidi, il soggetto è a conoscenza dello stato in cui si trova ed è quindi in grado di eseguire azioni predefinite. Usando alcuni segnali come i marcatori temporali, gli studiosi hanno monitorato l’attività neurale misurandola attraverso la risonanza magnetica funzionale (fMRI) e la spettroscopia nel vicino infrarosso (NIRS)
Da oggi, allora, dovremmo stare un po’ più attenti a ciò che sogniamo.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 ottobre 2011 in CURIOSITA', DORMIRE, SOGNI, SPIARE

 

"Piccolino": il nuovo album di Mina

Sono stati finalmente rivelati tutti i dettagli del nuovo album che Mina pubblicherà il 22 Novembre. “Piccolino” è il titolo del nuovo lavoro di inediti della cantante che è stato anticipato dal singolo “Questa Canzone”, il brano che aveva dato vita ad una vera e propria “caccia all’autore” risoltasi dopo un breve tam tam sul web con l’annuncio di due nomi tutt’altro che imprevedibili. Si è scoperto infatti che gli autori sconosciuti del brano inserito nella track-list del nuovo album, altri non erano che due autori che hanno lavorato spesso con la cantante ovvero  Mario Nobile per le musiche, Paolo Limiti per i testi.
Oltre alla data di pubblicazione, sono stati svelati anche cover e track-list del nuovo album. L’immagine che fa da cover a “Piccolino“, diffusa tramite il nuovo sito internet di Mina e che noi riproponiamo qui, riprende la figura della cantante “in versione extraterrestre”: un disegno in bianco e nero realizzato da Gianni Ronco con la direzione artistica di Mauro Balletti, che aveva già curato il video che ha accompagnato la diffusione di “Questa canzone“.
Artwork “Piccolino” – © minamazzini.com
Dieci sono le tracce che entreranno a far parte di “Piccolino“: molti i nomi noti che hanno lavorato alla scrittura dei brani inediti con cui Mina torna in scena e che i suoi fan attendono ora con impazienza. Tra gli altri anche  Giorgio Faletti e il leader dei Negramaro Giuliano Sangiorgi.
Questa la tracklistdell’album:
  • ·                                 ”Compagna di viaggio”
  • ·                                 “Matrioska”
  • ·                                 “Questa canzone”
  • ·                                 “Ainda Bem”
  • ·                                 “Brucio di te”
  • ·                                 ”Canzone maledetta”
  • ·                                 ”L’uomo dell’autunno”
  • ·                                 ”Fuori città”
  • ·                                 ”Fly Away”
  • ·                                 ”E così sia”

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 ottobre 2011 in album, mina, MUSICA, piccolino

 

Torna l’ora solare. Risparmiati 650 mln di kwh

Roma, 26 ott. -(Adnkronos)- Addio ora legale, torna nella notte fra sabato 29 e domenica 30 ottobre, l’ora solare. Esattamente alle 0,3,00 bisognerà spostare le lancette degli orologi un’ora indietro, scandendo così la fine del periodo dell’ora legale 2011. Il cambio dell’ora ci farà dormire un’ora in più, mentre si dovrà aspettare fino a marzo 2012 per ritornare all’ora legale. (VIDEO)
La notte del 31 marzo scorso infatti è scattata, come ogni anno, l’ora legale 2011, una scelta collegata al risparmio energetico, quantificati dalla societa Terna in circa 650 milioni di kwh nel periodo di 7 mesi, un risparmio pari a metà del fabbisogno domestico elettrico annuo di una regione come il Friuli Venezia Giulia, con una riduzione di emissione medie pari a 300 mila tonnellate di CO2.
In Italia l’ora legale è in vigore dal 1966 in linea con i paesi dell’Unione Europea. Nel nostro Paese l’ora legale è stata adottata la prima volta nel 1916 ed è rimasta in uso fino al 1920. Da allora è stata abolita e riconfermata molte volte tra il 1940 e il 1948 a causa della Seconda guerra mondiale. L’ora legale è stata quindi adottata dall’Italia definitivamente con una legge del 1965, in un periodo in cui il fabbisogno energetico nel nostro paese aumentava continuamente. La legge stabiliva che l’ora legale stabilita durasse quattro mesi, dalla fine di maggio alla fine di settembre.
Sempre in Italia, la durata dell’ora legale è stata poi protratta a sei mesi nel 1981, con inizio l’ultima domenica di marzo e termine nell’ultima domenica di settembre. Nel 1996, quindi, è stato stabilito un altro prolungamento di un mese insieme con il resto dell’Europa: l’inizio è così fissato per l’ultima domenica di marzo mentre la fine dell’ora legale è spostata all’ultima domenica di ottobre.
Il primo a proporre di introdurre l’ora legale per risparmiare energia è stato Benjamin Franklin nel 1784 ma la prima introduzione su larga scala si ebbe solo nel 1916 in Inghilterra quando la Camera dei Comuni di Londra diede il via libera al cosiddetto British Summer Time. Tra i diversi Paesi, il Giappone non ha mai adottato l’ora legale rimanendo fermo a quella solare.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 ottobre 2011 in cambio orario, CURIOSITA', ora legale