RSS

Basta brutti ricordi, sara’ possibile cancellarli

23 Set
(di Adele Lapertosa) (ANSA) – VENEZIA, 20 SET – La paura vissuta in guerra o in un incidente, il ricordo che ci lega alla dipendenza dalla droga, o non dimenticare quanto appreso nella vita: due facce della memoria di lunga durata, i cui meccanismi sono stati in parte svelati.
Un gruppo di neuroscienziati, guidato da Cristina Alberini, professore di Neuroscienze all’universita’ di New York, ha scoperto infatti il meccanismo per bloccare i brutti ricordi e non perdere le conoscenze, tramite il processo di consolidamento dei ricordi, alcuni ormoni, e dei farmaci.
I dettagli di questo studio, finora condotto sui topi, sono stati presentati a Venezia nel corso della VII conferenza ‘The future of science’ dedicata quest’anno alla mente.

”Perche’ una memoria diventi a lungo termine – spiega Alberini – serve un certo livello emotivo, di stress ed eccitazione. Piu’ e’ alto, maggiore sara’ la quantita’ e i dettagli del ricordo”. Tuttavia, se lo stress diventa troppo elevato e supera una certa soglia, ”si crea un deficit – continua – si interrompe il processo di apprendimento e il ricordo non si consolida.”. Alcune memorie, come quelle negative associate alla paura, sono ”legate al rilascio di ormoni, quali il cortisolo e l’adrenalina. Noi abbiamo visto – precisa – che si puo’ intervenire per ridurre una memoria negativa, ad esempio legata al disturbo post-traumatico da stress o alla dipendenza da droghe, o invece aumentarla, nel caso ci si trovi con il decadimento indotto da demenze”.

Ma c’e’ una particolare finestra temporale per farlo. Dopo che il ricordo si e’ formato, vi e’ un momento in cui la memoria si affievolisce e diventa labile, per poi consolidarsi nuovamente.

”Ed e’ proprio quando il ricordo e’ labile – aggiunge Alberini – che noi interveniamo con dei farmaci. Nel caso di ricordi negativi, blocchiamo i recettori del cortisolo, facendo cosi’ diminuire l’intensita’ del ricordo. Quando invece vogliamo rinforzarlo, aggiungiamo il fattore di crescita insuline grow factor 2 (IGF2), importante per lo sviluppo del cervello adulto e presente nell’ippocampo. Si e’ visto che dopo l’apprendimento, l’IGF2 aumenta. Quindi incrementandone la quantita’ e somministrandolo per via sistemica, cioe’ non direttamente nel cranio, abbiamo riscontrato un significativo aumento dell’ intensita’ e persistenza del ricordo”. Dopo questa sperimentazione sui topi i ricercatori verificheranno la tossicita’ di questi esperimenti e continueranno sui primati.

”E probabilmente la tecnica ipotizzata qualche anno fa dal film ‘Se mi lasci, ti cancello’ in cui si eliminava il ricordo di un amore finito, sara’ realta’ – conclude – anche se spero per scopi meno futili”. (ANSA).

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 settembre 2011 in cancellare i ricordi, CURIOSITA', SCIENZA

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: