RSS

Archivi giornalieri: 21 settembre 2011

"Offerte del giorno" su Ebay

Roma, 20 set. (Ign) – La crisi dei consumi investe un po’ tutti. E così eBay, il sito di compravendita più famoso al mondo, lancerà il 6 ottobre la nuova sezione ‘Offerte del Giorno‘. Nella quale, per un periodo stabilito, saranno disponibili nuovi prodotti di grandi marche a prezzi super scontati (dal 15% al 40%) in quantità limitata. Gli affari (fino a 21 offerte ogni settimana, di cui 2 offerte ogni giorno), principalmente nelle categorie Consumer Tech ed Abbigliamento e Accessori, saranno proposti nel formato a prezzo fisso con la spedizione gratuita dai venditori professionali italiani e stranieri.
“Questa iniziativa può contare sull’esperienza già avviata sui siti europei di eBay nel Regno Unito e Germania, dove l’anno scorso ha fatto registrare una crescita del 77% del giro d’affari anno su anno –– continua Marco Ottonello – Con il programma Offerte del Giorno siamo in grado di mettere a disposizione un’ulteriore esperienza d’acquisto per i nostri utenti, che potranno contare su affari davvero interessanti proposti solo da venditori selezionati“.
 
2 commenti

Pubblicato da su 21 settembre 2011 in CURIOSITA', EBAY OFFERTE, INTERNET

 

Dal rifiuto agli swap party, il dono contrasta la crisi

Roma, 21 set. (Adnkronos) – Gli economisti la chiamano “economia del dono“, e a qualcuno fa sorridere perché, in fondo, si tratta del vecchio baratto. Ma il fenomeno ha la sua importanza e si sta diffondendo un po’ ovunque e sotto varie forme. In Italia per esempio, da un po’ di tempo ci si può imbattere in uno strano cassonetto, sconosciuto anche a chi osserva la più rigorosa differenziata. Si chiama “Rca”, acronimo di “rifiuto con affetto” e serve a metterci dentro quelle cose che vogliamo buttare, ma che a qualcun altro potrebbero tornare utili.
L’iniziativa, nata nel 2007 come installazione artistica e diventata idea imprenditoriale, è di Roberta Bruzzechesse, Maddalena Vantaggi e Maria Zanchi. “A Venezia -spiega all’Adnkronos la Zanchi- abbiamo notato che accanto ai cassonetti della spazzatura la gente lasciava di tutto: oggetti per loro inutili ma che magari a qualcun altro potevano servire, ed è così che abbiamo realizzato l’RCA, sostituendo la parte frontale di un cassonetto, normalmente chiusa, con uno sportello trasparente per rendere accessibile ciò che normalmente è invisibile”.
Una vetrina da cui prendere liberamente e senza problemi di orario ciò che serve, lasciando quello che non si usa più. Partito a Venezia, ora RCA è presente in altre sette città “e continuano ad arrivare richieste – aggiunge Maria Zanchi – Ora lavoriamo per diffonderlo perché diventi un’abitudine di tutti gli italiani”.
Economia del dono, quindi, con una sua dignità. Tanto che uno dei modi in cui si manifesta, ovvero gli “swap party“, ha creato il suo neologismo: il verbo ‘swappare’. Molto più glamour di ‘barattare’ o ‘scambiare’, certo, ma in effetti negli swap party si possono mettere le mani su vestiti e accessori firmati, appena usciti dagli armati delle shop-addicted e magari nuovi o quasi. E senza spendere un euro. Altro che gli abiti in disuso e fuori moda raccattati dalla cugina di secondo grado o passati dalla zia.
Tanti i siti dedicati all’organizzazione di swap party. Basta iscriversi, pubblicare le foto dell’accessorio da swappare e organizzare con gli altri swappatori l’incontro. Insomma, più la crisi fa sentire la sua minaccia, più il fenomeno si diffonde, coinvolgendo non più solo gli amici e i parenti, ma mettendo in rete sconosciuti con forme spesso originali e fantasiose.
Come il “Givebox” nel quale ci si può imbattere da qualche mese a Berlino. È una specie di cabina armadio su cui campeggia il motto “sharing is caring”, nata grazie a due giovani berlinesi che hanno messo insieme gli oggetti in buono stato che non volevano più per offrirli ai passanti in cambio di qualcosa. Una sorta di temporary shop che cambia ogni giorno la merce esposta, dagli abiti agli alimenti, dai libri agli oggetti d’uso quotidiano, che si può seguire su Facebook.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 settembre 2011 in CURIOSITA' swap party

 

Google+ ora è aperto a tutti

Finalmente dopo qualche mese Google Plus che era aperto soltanto ad inviti si espande a tutti gli utenti. Google ha deciso di far registrare chiunque sul suo social network anzi il social layer come viene chiamato dal team: lo ha annunciato con un post tradotto anche in italiano sul blog ufficiale. Ora chiunque può registrarsi e creare il proprio profilo Google sistemando le Cerchie degli amici. Google evidentemente ha preso questa decisione in seguito al modo in cui sta reclamizzando Google+ dalla sua pagina principale invitando gli utenti che magari stanno facendo una ricerca ad entrare nel social network con una freccia gigante. Google non solo apre Google Plus ma aggiunge anche nuove funzioni espandendo gli Hangouts ossia i Videoritrovi: la videochat di gruppo è disponibile ora anche sugli smartphone e tablet Android e presto anche su iOS. Google ha aggiunto agli Hangouts anche i Videoritrovi in diretta: si tratta di trasmettere in live streaming in maniera pubblica per diffondere un video. Google fa concorrenza a piattaforme come Ustream e Livestream.com.
La funzione non sarà disponibile immediatamente a tutti ma una dimostrazione sarà data da will.i.am del gruppo Black Eyed Peas che dovrebbe trasmettere in live più tardi, stanotte alle ore 4. Inoltre gli Extra dei Videoritrovi permetteranno di condividere uno screenshot, un disegno, un documento o un file. Google per gli Hangouts ha rilasciato anche alcune API con le quali gli sviluppatori potranno realizzare applicazioni, giochi e altro. La ricerca su Google+ diventa più veloce ed efficace con l’aggiunta dei risultati che vanno oltre le persone ed i profili: sarà possibile cercare anche contenuti ovvero i post presenti su Google+ e i contenuti popolari sul Web. Google ha anche aggiunto il tasto +1 sugli annunci grafici dei banner in modo da raccomandarli agli amici. Ad ogni modo sta facendo già discutere il fatto che Google utilizzi la sua homepage, tra le più visitate al mondo, per reclamizzare un suo servizio ovvero Google+. Che ci sia aria di bufera in vista? (Excite Italia)
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 settembre 2011 in google+, INTERNET, TECNOLOGIA