RSS

Canapa italiana: sfruttarla in 1000 modi

13 Set

Roma, 13 set. – (Adnkronos) – La canapa viene spesso accostata alle droghe leggere. Ma l’utilizzo ‘ludico’ dei derivati della pianta e’ marginale rispetto alle sue potenzialita‘: dal settore agricolo, industriale e medico fino ad arrivare all’impiego in edilizia e anche in quello alimentare. Tanto che in Puglia c’e’ anche chi propone la pizza con la farina di canapa.

Il progetto e’ di alcuni ragazzi dell’associazione CanaPuglia che il 17 settembre prossimo, a Conversano (Ba), con l’iniziativa ‘Puglia in canapa’, tornano a promuovere l’utilizzo di questa pianta, un risorsa sostenibile ed ecologica, troppo spesso demonizzata. E ad aprire uno spiraglio allo sviluppo di questa risorsa sembra essere l’edilizia.
“A San Giovanni in Persiceto, in provincia di Bologna, abbiamo realizzato il primo edificio con i mattoni di canapa” racconta all’Adnkronos, Olver Zaccanti dell’Anab, l’associazione nazionale architettura bioecologica, che sabato a Conversano terra’ il seminario dal titolo ‘La Canapa: una grande risorsa anche per l’edilizia‘ che illustrera’ il programma ‘Inater’ dell’Unione Europea che prevede dei cantieri scuola (il prossimo si terra’ nella primavera del 2012) proprio con questa nuova tecnica.
La canapa, dunque, viene utilizzata non solo per i materiali isolanti ma anche per i mattoni e tra i vantaggi nell’utilizzo di questo tipo materiale, oltre all’isolamento termo-acustico, c’e’ anche la capacita’ di intrappolare la Co2.La canapa, infatti, spiega Zaccanti, “nel suo ciclo di vita assorbe Co2 che rimane incamerata”.
E non solo: “questi mattoni, che si ricavano combinando la parte legnosa dello stelo di canapa con la calce, quando verranno dismessi potranno essere utilizzati come fertilizzanti per le prossime colture di canapa”. Si tratta, dunque, di un materiale innovativo ma che purtroppo arriva dalla Francia: “per ragioni economiche in Italia non c’e’ piu’ una filiera della canapa”, spiega. E dire che nel secondo dopoguerra il Bel paese era il secondo produttore, dopo la Russia.
Secondo Assocanapa, “l’avvento delle fibre sintetiche e la concorrenza del mais hanno fatto si’ che ci fosse uno scarso interesse da parte delle industrie a costruire macchinari da utilizzare nel settore”. Il vero problema, infatti, spiega il Coordinamento nazionale per la canapicoltura, “e’ la mancanza degli impianti di prima trasformazione” e attualmente, “gli ettari coltivati sono meno di 200”.
Ma secondo Claudia Sterzi, vicepresidente di Ascia, Associazione sensibilizzazione canapa autoprodotta, e segretaria dell’Associazione Radicale Antiproibizionista, un grosso limite allo sviluppo di questa coltura e’ anche la normativa.
Oggi in Italia, spiega la segretaria dell’Associazione Radicale Antiproibizionista, ”si puo’ coltivare la canapa” a condizione che venga coltivata una varieta’ a basso tenore della sostanza drogante, Thc (inferiore allo 0,2%) e questo, ovviamente comporta, ”autorizzazioni, controlli e oneri in piu’ per i produttori”. Con ripercussioni non indifferenti, quando emergono delle irregolarita’ che riguardano la percentuale di Thc che “non puo’ essere uguale in tutte le piante”.
Il proibizionismo, dunque, aggiunge Sterzi, “danneggia solo gli innocenti e favorisce il narcotraffico“. Per non parlare del settore farmaceutico. In Italia “questa sostanza in teoria e’ prescrivibile ma in pratica e’ molto difficile da ottenere, perche viene prodotta in Olanda”.
A bloccare lo sviluppo del settore, dunque, “e’ l’eccesso di controlli e, dal punto di vista terapeutico, la mancanza di una ditta farmaceutica italiana che si assuma tutti gli oneri della coltivazione”. Serve, dunque, un approccio diverso che superi la ”demonizzazione” che finora c’e’ stata.
Anche perche’, conclude la segretaria dell’Associazione Radicale Antiproibizionista, “e’ scientificamente provato che la canapa diventa letale se assunta in dosi 40 mila volte superiori a quella normale mentre per il caffe’ il rapporto e’ di 1 a 150 e, di 1 a 7 se parliamo di valium”.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 settembre 2011 in CURIOSITA', NATURA

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: