RSS

Archivi giornalieri: 3 settembre 2011

Il monitor del Pc avvisa: "se stai così ti verrà il mal di schiena"

Berlino, 3 set. – (Ign) – Monitor ‘intelligenti’ capaci di segnalare se la posizione davanti al Pc è corretta e che riduce il consumo energetico fino all’80% se ci allontaniamo dalla postazione. E poi quello con una cornice di una leggera luce blu, studiata per rilassarci. La fotocamera ‘MultiView – capace di catturare lo scatto da ogni prospettiva – e la radio che ti permette di individuare il brano appena ascoltato e di acquistarlo online in tempo reale. Più che una fiera delle tecnologie, l’Ifa di Berlino è un gigantesco luna park con tutte le novità del mondo del futuro.
In anteprima assoluta viene presentato un monitor Philips con tecnologia ‘ErgoSensor’ che è in grado di riconoscere la postura con cui si è seduti di fronte allo schermo e avvisa con un messaggio sulla destra dello schermo in basso se è quella corretta. Tutto ciò avviene  grazie alla capacità di analizzare la posizione del viso in relazione al monitor. A rendere possibile questa funzionalità è una telecamera CMOS, dotata di processore. Le immagini catturate dalla camera vengono analizzate da un software che mette a fuoco l’interazione della persona con l’ambiente circostante. I suggerimenti, che vengono dati all’utilizzatore circa la sua postura o il tempo passato di fronte al monitor, possono aiutare a prevenire fatica e mal di schiena. Di più, il monitor ha un sensore, che rileva se ci si è allontanati dalla postazione, e spegne automaticamente la retroilluminazione. Una funzione che permette di risparmiare fino all’80% della bolletta elettrica finale.
Insieme al monitor con tecnologia ErgoSensor, da non perdere anche uno della famiglia Moda con la tecnologia Philips LightFrame, che emette intorno alla cornice del monitor una leggera luce blu che aiuta a rilassare e, pare, aumenti la concentrazione.
Per i patiti della musica arriva poi FlowSongs della Pure che consente di identificare subito le tracce appena ascoltate su qualsiasi stazione radiofonica e acquistarle online in tempo reale. Flow. Per accedere al servizio FlowSongs, gli utenti dovranno registrare la propria radio Flow sul sito The Lounge
FlowSongs è un innovativo servizio musicale, basato sul sistema cloud, consente all’utente d’identificare le tracce ascoltate da una qualsiasi stazione radiofonica e di acquistarle subito online, grazie alle radio PURE dotate di tecnologia Flow. Per accedere al servizio FlowSongs, gli utenti devono registrare la propria radio Flow sul sito The Lounge, crearsi un account e ricaricarlo, usando la carta di credito o altri sistemi di pagamento elettronici. Attraverso i tag, la funzione FlowSongs è in grado di riconoscere la canzone e di indicarne il nome dell’artista, il titolo del brano e dell’album e, ovviamente, il prezzo.
Regina dell’Ifa la Samsung MV800, una fotocamera innovativa (FOTO) con cui l’azienda introduce la nuova categoria delle ‘MultiView’. Il display Flip-out 3.0” si inclina verso l’alto e verso il basso permettendo di incorniciare ogni inquadratura e di poter rivedere con facilità le immagini da ogni angolazione.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 3 settembre 2011 in CURIOSITA', INTERNET, SCIENZA, TECNOLOGIA

 

Haiti: 85% barriera corallina è morta

L’incuria dell’uomo nei confronti della natura continua a mietere vittime. Ma bisognerebbe ricordare prima di tutto che le prime vittime siamo noi stessi, allo stesso tempo colpevoli e vittime, che degradando la nostra casa mettiamo in serio pericolo il nostro futuro e quello degli altri esseri viventi. Lungimiranza sembra una parola ormai lontana dagli ingranaggi che muovono i nostri passi, troppo diretti ad un effimero benessere presente che però è destinato a far tornare con i piedi per terra, ed abbassando lo sguardo rendersi conto che le meraviglie della natura stanno progressivamente pagando il prezzo più caro della nostra avidità e cupidigia.
Come molti sapranno dal 1 settembre in Italia è scattata lo stop della pesca, difatti non è sempre e solo a causa dell’inquinamento che si arrecano grandi danni all’ecosistema, ma anche lo sfruttamento intensivo di una risorsa può causare danni irreparabili. Come è avvenuto proprio ad Haiti dove ad oggi l’85% della barriera corallina risulta danneggiata irreparabilmente (biologicamente morto) a causa della pesca senza limiti e dei cambiamenti climatici. A diffondere la notizia il “New York Times”, che ha riportato una dichiarazione del direttore della ong californiana “Reef Check”, Gregor Hodgson, che ha dichiarato: “Credo ci si trovi davanti al peggiore sfruttamento da pesca del mondo intero, che ha causato un danno ormai da considerare irreparabile”.
Che i turisti e gli uomini di tutto il mondo davanti a notizie di questo genere, almeno una volta si fermino a pensare per comprendere quanto sia importante essere “rispettosi” di ciò che convive con noi. (2DUERIGHE.COM)
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 3 settembre 2011 in NATURA