RSS

Archivio mensile:settembre 2011

Scelte che possono cambiare la vita: Ig Nobel 2011

Milano, 30 set. (Adnkronos/Adnkronos Salute) – La scelta che può cambiare una vita, in meglio ma anche in peggio, si prende in zona toilette, mentre si è in preda all’irrefrenabile urgenza di fare pipì. Non è uno scherzo, ma una della scoperte – improbabili ma vere – che quest’anno si sono guadagnate gli ‘Ig Nobel’, i 10 riconoscimenti che dal 1991 vengono assegnati ogni settembre dalla rivista ‘Annals of Improbable Research’. I vincitori sono stati annunciati questa notte durante la tradizionale cerimonia di gala al Sanders Theatre della Harvard University: 1.166 posti tutti occupati, con biglietti sold out da mesi.
Più che fare ‘il verso’ ai Nobel, i massimi allori alla ricerca che saranno assegnati a giorni (il primo atteso è quello per la Medicina che sarà annunciato lunedì prossimo 3 ottobre), l’obiettivo dichiarato degli Ig Nobel è quello di premiare ricerche che “prima fanno sorridere, poi fanno pensare”.
E se l’effetto della vescica piena sulla lucidità di pensiero ottiene l’Ig Nobel per la Medicina, quello per la Biologia va a un team di ‘cervelli’ che ha indagato sui gusti sessuali dei coleotteri: pare vadano matti per un certo tipo di birra australiana, tanto da cercare disperatamente di accoppiarsi con la bottiglia che la contiene.
Fra le altre scoperte premiate una sullo sbadiglio delle tartarughe, un’altra sullo spray al wasabi usato come allarme antincendio. E ancora studi sul senso dei sospiri, sul segreto del successo, sulle vertigini negli atleti campioni di lancio, sulla fine del mondo, sulla ‘ricetta’ per trovare parcheggio e sulla guida sicura.
Ma ecco, nel dettaglio, tutti i vincitori degli Ig Nobel 2011, incominciando proprio da decisioni alla toilette e coleotteri innamorati:
MEDICINA. Il premio va a due gruppi di scienziati – da un lato Mirijam Tuk (Olanda e Uk) Debra Trampe (Olanda) e Luk Warlop (Belgio), dall’altro Mattew Lewis, Peter Snyder e Robert Feldman (Usa), Robert Pietrzak, David Darby e Paul Maruff (Australia) – per avere dimostrato, in due studi indipendenti pubblicati rispettivamente su ‘Psychological Science’ e ‘Neurology and Urodynamics’, che le persone prendono decisioni migliori su alcune questioni, ma peggiori su altre, quando sentono l’impellente bisogno di urinare.
BIOLOGIA. A Darryl Gwynne (Canada, Australia e Usa) e David Rentz (Australia e Usa) per avere scoperto, in due studi pubblicati sulle riviste della società entomologica australiana e della sua omologa londinese che alcuni coleotteri si accoppiano (o per meglio dire provano a farlo) con un certo tipo di bottiglia di birra australiana.
FISIOLOGIA. L’Ig Nobel va ad Anna Wilkinson (Uk), Natalie Sebanz (Olanda, Ungheria e Austria), Isabella Mandl e Ludwig Huber (Austria). Il gruppo, in uno studio pubblicato su ‘Current Zoology’, ha dimostrato che – a differenza di quanto accade nell’uomo – non esistono prove che lo sbadiglio sia contagioso nelle tartarughe dai piedi rossi.
CHIMICA. Premio ai giapponesi Makoto Imai, Naoki Urushihata, Hideki Tanemura, Yukinobu Tajima, Hideaki Goto, Koichiro Mizoguchi e Junichi Murakami, per aver determinato la densità ideale di wasabi vaporizzato (una sorta di versione ‘spray’ della tipica pasta piccante di colore verde ottenuta dal rafano, utilizzata nella cucina nipponica) da usare per svegliare una persona che dorme in caso di incendio, e per averne brevettato l’applicazione in un ‘allarme al wasabi’.
PSICOLOGIA. Ig Nobel a Karl Halvor Teigen dell’università della Norvegia per aver cercato di scoprire perché, nella vita di tutti i giorni, le persone sospirano. Lo studio è stato pubblicato sullo ‘Scandinavian Journal of Psychology’.
LETTERATURA. Il premiato è l’americano John Perry della Stanford University, inventore della ‘Teoria della procrastinazione strutturata’: “Per avere successo – è il segreto svelato dallo scienziato su ‘Chronicle of Higher Education’ – bisogna sempre lavorare su qualcosa di importante, in modo da evitare di fare qualcos’altro di ancora più importante”.
FISICA. Premio Ig Nobel a Philippe Perrin, Cyril Perrot, Dominique Deviterne and Bruno Ragaru (Francia), e al collega Herman Kingma (Olanda), per aver capito in uno studio su ‘Acta Oto-laryngologica’ perché i lanciatori del disco soffrono di vertigini, mentre i lanciatori di martello no.
MATEMATICA. Il riconoscimento va agli americani Dorothy Martin che ha predetto la fine del mondo per il 1954; Pat Robertson che l’ha predetta per il 1982; Elizabeth Clare Prophet che l’aspettava per il 1990; per il coreano Lee Jang Rim che l’ha predetta per il 1992; l’ugandese Credonia Mwerinde che l’attendeva nel 1999, e ancora l’americano Harold Camping, che dopo aver fallito una prima previsione di apocalisse per il 6 settembre 1994 ci ha riprovato annunciandola per il 21 ottobre 2011. Tutti questi scienziati, secondo la giuria, hanno insegnato al mondo che bisogna essere prudenti quando si fanno ipotesi o previsioni matematiche.
PACE. A meritarsi l’Ig Nobel è il sindaco della capitale lituana Vilnius, Arturas Zuokas, per aver dimostrato che il problema delle auto di lusso parcheggiate in divieto di sosta è facilmente risolvibile passandoci sopra con un carro armato. La ‘linea dura’ è stata spiegata in un video e sulla stampa locale.
PREMIO PER LA PUBBLICA SICUREZZA. L’ultimo riconoscimento alle scoperte strane, ma vere va al canadese John Senders, università di Toronto, per aver condotto una serie di test di sicurezza – con tanto di video – in cui una persona guidava un’auto in autostrada mentre una visiera gli cadeva ripetutamente sugli occhi, accecandolo.
 
1 Commento

Pubblicato da su 30 settembre 2011 in CURIOSITA', IG NOBEL 2011, SCIENZA

 

Due italiani su 5 sono pendolari

Due italiani su 5 percorrono tra i 10 e i 30 km per raggiungere il lavoro

Milano, 29 set. (Adnkronos/Labitalia) – Usano treni, autobus, macchine, moto, biclette: sono i pendolari, quei lavoratori che, nonostante le nuove tecnologie o il telelavoro, sono ancora costretti a fare spesso lunghi tragitti prima di raggiungere l’ufficio o la fabbrica. Una ricerca di InfoJobs.it, importante portale attivo in Italia e in Europa nel settore del recruiting online, ci dice che due lavoratori italiani su cinque percorrono tra i 10 e i 30 km al giorno per raggiungere l’ufficio e sarebbero disposti a guadagnare meno pur di esser più vicino a casa
Il 31,73% degli intervistati da InfoJobs percorre infatti tra i 10 e i 30 km per arrivare in ufficio. Poi, ci sono i più fortunati (28,85%) che coprono una distanza inferiore ai 10 km. Il 21,15%, invece, lavora a più di 50 km da casa e infine il 18,27% dichiara di percorrere tra i 31 e i 50 km ogni giorno. La distanza media percorsa dai pendolari è di circa 24 km al giorno. Ciò significa che durante l’anno lavorativo si percorrono circa 5.856 km, ossia pressappoco la distanza tra Roma e Zanzibar.
Alla domanda se sarebbero disposti a cambiare lavoro per un posto più vicino a casa ma con uno stipendio minore, il 36,9% degli intervistati ha risposto no. Il 37,86%, invece, dichiara di essere disposto a valutare l’offerta di un posto più vicino a casa, anche a scapito del guadagno. Il 25,24% degli intervistati afferma che cambierebbe sede di lavoro anche rinunciando a qualche benefit, dato che comunque risparmierebbe i soldi di abbonamenti o benzina.
I pendolari soffrono anche per i ritardi dei mezzi. Infatti arrivare la mattina tardi alla scrivania o alla postazione di lavoro, per il 35,72%, è colpa del ritardo del mezzo di trasporto pubblico e per il 29,46% del traffico. Il 12,5% ammette che è a causa di motivi personali, mentre il 22,32% afferma di non arrivare mai tardi a timbrare il cartellino.
Per spostarsi il 29,75% preferisce l’auto di proprietà, mentre il 26,45% si affida ai mezzi pubblici interurbani (tram, bus e metropolitana). Il 19,83% ricorre a un mix di più mezzi (esempio treno + autobus) per raggiungere il posto di lavoro dai paesi limitrofi. Nella classifica dei mezzi più usati per andare al lavoro seguono il treno (usato dal’8,27% degli intervistati), la moto (5,78%) e la bici (4,13%). E c’è anche un 5,79% che si può permettere di raggiungere il lavoro a piedi.
Se la maggior parte dei pendolari (48,35%) dichiara di impiegare circa mezz’ora da casa al lavoro, ben il 35,16% trascorre quasi un’ora in viaggio. Infine, il 16,49% rimane impegnato, tra cambi di mezzi e coincidenze, per più di un’ora.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29 settembre 2011 in CURIOSITA', lavoro, pendolari

 

Il sogno della rete completamente libera presto realtà

Roma, 26 sett. – (Ign) – Una pioniera della comunità internet. Così è stata soprannominata la 37enne, Sascha Meinrath, attivista per la libertà del web in Indymedia e poi all’ateneo di Urbana-Champaign nell’Illinois. E’ lei la mente a capo di un team di una ventina di ragazzi al lavoro a Washington su un progetto di rete libera che si chiama Commotion. L’idea è quella di creare un software che possa creare reti ad alta velocità, completamente autonome, senza alcuni collegamento con le infrastrutture e dal traffico criptato.
Il progetto ha subito attirato l’attenzione della diplomazia americana che ne vede già un possibile utilizzo in zone di guerra o in caso di catastrofe naturale. E’ così che il suo budget annuale è lievitato a 2,3 milioni di dollari con un finanziamento straordinario di due del Dipartimento di Stato americano. Sarebbe poi anche una svolta contro la censura. In molti Paesi africani l’accesso a internet dipende da cavi che portano la connessione via mare. Diventa quindi semplicissimo bloccare la rete di un’intera nazione in caso di proteste come è già successo recentemente in Egitto. Una possibilità che non ci sarebbe con Commotion.
A oggi i nemici più pericolosi per questo progetto sono due. Da una parte ci sono le aziende di telecomunicazione che, per tutelare i propri affari, potrebbero tentare di bloccare il progetto. Dall’altra le Major, visto che una rete fuori controllo potrebbe rappresentare un volano per la pirateria di musica e video cinematografici. Sascha comunque va avanti e si è anche data un tempo massimo: entro il 2012, assicura, produrrà una versione utilizzabile per il grande pubblico.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29 settembre 2011 in commotion, INTERNET, sascha meinrath

 

Timeline, per scoprire chi ci ha cancellato da Facebook

Roma, 24 set. – (Ign) – E’ stata una delle principali novità presentate da Mark Zuckerberg durante la conferenza F8: la funzione Timeline, che in italiano si chiama ‘diario‘, potrebbe essere una piccola rivoluzione per il social network, in cui si rischia di perdere il proprio passato. Con questo nuovo layout invece – ancora non attivo su tutti i profili – si potrà accedere in un attimo a tutte le nostre ‘storie’ passate, passando facilmente di anno in anno.
Sfruttando proprio Timeline però, è possibile, in modo indiretto, scoprire chi ci ha cancellato dalla lista dei suoi amici. E il trucco è facilissimo. Basta cliccare su un anno passato, per esempio il 2010, scorrere giù fino al riquadro degli amici. Questa lista infatti ci farà vedere chi era nostro amico l’anno scorso. E se accanto a qualche nome appare il bottone ‘aggiungi agli amici‘ (Add friend) le cose possono essere solo due: o lo abbiamo cancellato noi o lui ha eliminato il nostro nome da Facebook. Facile no?
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 settembre 2011 in cancella da facebook, INTERNET, timeline

 

Lo spazio in diretta web con il progetto ‘Cieli d’Italia’

Rovereto, 22 set. – (Adnkronos) – L’importanza della ricerca scientifica italiana, la materia oscura, i pianeti extrasolari, lo studio del sole, ma anche le grandi industrie italiane che costruiscono gli strumenti per esplorare e osservare lo spazio. Per tutti quelli che subiscono il fascino della volta celeste, e anche per sfatare l’idea che si tratti di argomenti per soli addetti ai lavori, l’Agenzia Spaziale Italiana, il Museo Civico di Rovereto e l’Istituto Nazionale di Astrofisica hanno organizzato “Cieli d’Italia uniti dalla scienza“.

Si tratta di un grande progetto di divulgazione scientifica e culturale aperto a tutti, in diretta web domani 23 settembre dalle ore 10.30, sulla web tv di Asi (www.asitv.it) o su Sperimentarea.tv (canale tematico del Museo Civico di Rovereto). L’iniziativa sarà l’occasione per celebrare l’Unità d’Italia, ripercorrendo la storia di tre istituzioni scientifiche tra le più antiche del Paese: l’Osservatorio Astronomico di Torino, l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte e il Museo Civico di Rovereto con il suo Osservatorio di Monte Zugna.
Nato da un’idea del direttore scientifico dell’Asi, Enrico Flamini, il progetto racconta gli osservatori e la ricerca spaziale come filo conduttore per ripercorrere l’Unità d’Italia. “L’Italia era protagonista della scienza e della conoscenza dell’universo già nel 1800 con la scoperta dell’asteroide Cerere e lo è ancora oggi – spiega Flamini all’Adnkronos – si può dire che la ricerca e l’osservazione spaziale hanno fatto l’unità d’Italia ancora prima che l’Italia su unisse”.
Il Museo di Rovereto ospita questo evento speciale accogliendo nella sede di Palazzo Parolari lo studio con la conduzione di Piero Badaloni. Gli ospiti, tra cui Flamini, ripercorreranno la storia degli osservatori, racconteranno com’era il cielo 150 anni fa e cosa fanno gli astronauti, affrontando tutti gli aspetti del tema, dalle problematiche ingegneristiche ai fumetti, “in risposta a una crescente richiesta di conoscenza da parte di un pubblico che spero sia il più vasto possibile – dice Flamini – oltre alle classi scolastiche presenti in studio, mi auguro che saranno tante quelle che si collegheranno dalle scuole”.
Il grande pubblico potrà così conoscere la storia, le attrezzature, i progetti e le missioni delle tre realtà scientifiche partecipando a un vero e proprio viaggio nella storia del Paese, che parte da Torino, prima capitale d’Italia, il cui Osservatorio vanta 190 anni di storia; passa per Napoli, capitale del regno delle Due Sicilie fino al 1861, con l’Osservatorio di Capodimonte istituito nel 1812; per giungere poi in Trentino, ultima regione a diventare italiana, e Rovereto con il suo Museo Civico nato 160 anni fa.
Piero Badaloni gestirà i collegamenti con i tre Osservatori, dialogando con ospiti di rilievo nel campo dell’astrofisica, dell’astronomia e della ricerca scientifica. Saranno mostrati anche filmati inediti sugli astronauti italiani appena rientrati dallo spazio, Paolo Nespoli e Roberto Vittori, e sulle nuove leve che si stanno allenando per i prossimi viaggi spaziali: il siciliano Luca Parmitano e la trentina Samantha Cristoforetti.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 settembre 2011 in SCIENZA, TECNOLOGIA, vista del cielo

 

Ultima corrida a Barcellona. Sarà vietata dal 2012

Madrid, 23 sett. – (Adnkronos/Dpa) – Domenica prossima Barcellona dirà addio alla corrida. E finirà un’era quando il torero Serafin Marin materà il sesto e ultimo toro nello spettacolo al Monumental della capitale della Catalogna. La chiusura dell’arena quasi centenaria riflette il declino della corrida in Spagna, malgrado si contino ancora tanti appassionati. “Abbiamo perso una battaglia, non la guerra”, ha detto Marin al quotidiano ‘El Mundo’. Ma gli animalisti cantano vittoria e l’attivista Aida Gascon è determinata a farla finita con le corride in tutto il resto del paese. Già nel 2004 Barcellona si era dichiarata città “anti-corrida”; decine di altri comuni l’hanno poi imitata e nel luglio del 2010 il parlamento catalano ha votato per la fine delle corride dal primo gennaio 2012. Alle Canarie lo avevano già fatto nel 1991, ma la decisione era passata largamente sotto silenzio. L’opposizione agli spettacoli nell’arena si spiega con il crescente sentimento animalista che li considera alla stregua di una tortura, ma anche con il forte nazionalismo catalano contro la corrida, un simbolo tipicamente spagnolo. La Catalogna, secondo Marin, “vuole liberarsi di tutto quanto rappresenti la Spagna”.
Il giro d’affari delle corride, un’industria con 200 mila addetti, vale oltre 2,5 miliardi di euro all’anno, contribuendo per lo 0,25% al Pil nazionale. Ma negli anni lo spettacolo che ispirò artisti e scrittori del calibro di Pablo Picasso e Ernest Hemingway ha perso il suo appeal. Solo il 37% degli spagnoli è interessato alla corrida, mentre il 60% boccia lo spettacolo, stando a un sondaggio del 2010. Con diverse regioni che difendono la corrida come patrimonio culturale spagnolo, il governo del primo ministro Jose Luis Rodriguez Zapatero ne ha affidato la responsabilità del ministero della Cultura. I Popolari all’opposizione che dovrebbero vincere le elezioni del prossimo 20 novembre hanno preso posizione contro il bando della corrida in Catalogna e si sono rivolti alla Corte Costituzionale. Dal canto loro, gli appassionati catalani della corrida hanno raccolto 300 mila firme in difesa della ‘Fiesta’, ma l’iniziativa potrebbe non avere alcun effetto contro quello che per molti e’ un inevitabile sviluppo sociale. Così i toreri catalani stanno organizzando spettacolo altrove nel paese anche nel sud della Francia.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 settembre 2011 in CURIOSITA', fine della corrida, NATURA

 

Basta brutti ricordi, sara’ possibile cancellarli

(di Adele Lapertosa) (ANSA) – VENEZIA, 20 SET – La paura vissuta in guerra o in un incidente, il ricordo che ci lega alla dipendenza dalla droga, o non dimenticare quanto appreso nella vita: due facce della memoria di lunga durata, i cui meccanismi sono stati in parte svelati.
Un gruppo di neuroscienziati, guidato da Cristina Alberini, professore di Neuroscienze all’universita’ di New York, ha scoperto infatti il meccanismo per bloccare i brutti ricordi e non perdere le conoscenze, tramite il processo di consolidamento dei ricordi, alcuni ormoni, e dei farmaci.
I dettagli di questo studio, finora condotto sui topi, sono stati presentati a Venezia nel corso della VII conferenza ‘The future of science’ dedicata quest’anno alla mente.

”Perche’ una memoria diventi a lungo termine – spiega Alberini – serve un certo livello emotivo, di stress ed eccitazione. Piu’ e’ alto, maggiore sara’ la quantita’ e i dettagli del ricordo”. Tuttavia, se lo stress diventa troppo elevato e supera una certa soglia, ”si crea un deficit – continua – si interrompe il processo di apprendimento e il ricordo non si consolida.”. Alcune memorie, come quelle negative associate alla paura, sono ”legate al rilascio di ormoni, quali il cortisolo e l’adrenalina. Noi abbiamo visto – precisa – che si puo’ intervenire per ridurre una memoria negativa, ad esempio legata al disturbo post-traumatico da stress o alla dipendenza da droghe, o invece aumentarla, nel caso ci si trovi con il decadimento indotto da demenze”.

Ma c’e’ una particolare finestra temporale per farlo. Dopo che il ricordo si e’ formato, vi e’ un momento in cui la memoria si affievolisce e diventa labile, per poi consolidarsi nuovamente.

”Ed e’ proprio quando il ricordo e’ labile – aggiunge Alberini – che noi interveniamo con dei farmaci. Nel caso di ricordi negativi, blocchiamo i recettori del cortisolo, facendo cosi’ diminuire l’intensita’ del ricordo. Quando invece vogliamo rinforzarlo, aggiungiamo il fattore di crescita insuline grow factor 2 (IGF2), importante per lo sviluppo del cervello adulto e presente nell’ippocampo. Si e’ visto che dopo l’apprendimento, l’IGF2 aumenta. Quindi incrementandone la quantita’ e somministrandolo per via sistemica, cioe’ non direttamente nel cranio, abbiamo riscontrato un significativo aumento dell’ intensita’ e persistenza del ricordo”. Dopo questa sperimentazione sui topi i ricercatori verificheranno la tossicita’ di questi esperimenti e continueranno sui primati.

”E probabilmente la tecnica ipotizzata qualche anno fa dal film ‘Se mi lasci, ti cancello’ in cui si eliminava il ricordo di un amore finito, sara’ realta’ – conclude – anche se spero per scopi meno futili”. (ANSA).

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 settembre 2011 in cancellare i ricordi, CURIOSITA', SCIENZA