RSS

L’Onu sceglie il pipistrello come protagonista 2011/2012

27 Ago

Roma, 26 ago. – (Adnkronos) – Il pipistrello continua a non piacere all’uomo, nonostante gli sforzi dell’Onu che ha proclamato l’Anno del pipistrello sia per il 2011 che per il 2012. Tutta colpa di Dracula che, nella fantasia popolare (o almeno così si spera), sceglie proprio questa bestiolina per trasformarsi nel famoso succhiatore di sangue. Ma anche Batman, l’eroe dei fumetti, non è esente da colpe. Il supereroe, infatti, combatte i criminali incutendo terrore proprio attraverso l’immagine del pipistrello.
Certo è che vivere pressoché di notte, dormire a testa in giù ed emanare odori sgradevoli non aiutano a riabilitare l’immagine di questo animale. Per non parlare poi dell’aspetto estetico, non proprio grazioso.
Le dicerie, dunque, sono molto diffuse. La credenza popolare più famosa è sicuramente quella che reputa il pipistrello ‘ portatore sano ‘ di sventure ma ce ne sono altre molto più fantasiose. Ad esempio, mentre le feci del piccione in testa all’uomo pare portoni addirittura fortuna, le urine del pipistrello dovrebbero, invece, indurre alla calvizia.
L’idea forse nasce da un’altra famosa leggenda secondo la quale i pipistrelli non possano resistere alla tentazione di agganciarsi ai capelli. Ma la grande verità sui chirotteri è che non sono ciechi.
Insomma, il pipistrello è di fatto uno dei mammiferi più perseguitati del pianeta ed è per questo che il 2011 è stato indetto l’anno europeo del pipistrello mentre il 2012 sarà l’anno internazionale. L’obiettivo è aumentare la consapevolezza del prezioso ruolo che questi animali svolgono nell’ambiente naturale e parallelamente sensibilizzare il pubblico in merito alla necessità della loro tutela.
I pipistrelli infatti tengono sotto controllo gli insetti ma a causa dell’inquinamento, della mancanza di rifugi sicuri e di ambienti dove poter cacciare, sono diventati animali a rischio. Nell’ultimo anno, però, il pipistrello sta riscuotendo successo come anti zanzare: mangiandone 2000 a notte è più efficace degli zampironi.
E così sul web spopolano gli acquisti on line delle batbox, graziose casette per pipistrelli da posizionare sul balcone di casa propria. Per chi non fosse avvezzo alle nuove tecnologie può sempre andare alla Coop: in 300 punti vendita è, infatti, possibile acquistare la speciale casetta (22 euro).
Aspettando di portare a buon fine l’acquisto, è possibile omaggiare il chirottero domani sera alla notte europea del pipistrello. Una manifestazione organizzata da Eurobats che ogni anno si svolge in oltre trenta paesi. Convegni, giochi e passeggiate notturne per conoscere meglio questo mammifero.
Un esempio per tutti: nel parco Albanese di Mestre, gli esperti accompagneranno i partecipanti in una passeggiata alla ricerca dei pipistrelli utilizzando il bat detector (rilevatore di ultrasuoni). Le iniziative sono tante. Per conoscerle basta andare sul sito del ministero dell’ambiente o di Eurobats.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 agosto 2011 in CURIOSITA', NATURA

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: