RSS

Archivio mensile:agosto 2011

Dal corallo la pillola che protegge dai raggi UV

Milano,31 ago. (Adnkronos/Adnkronos Salute) – Liberi dalla schiavitù della cremasolare, da spalmare a più riprese, per una tintarella sicura. Il sogno di ogni’sun addicted’ potrebbe presto diventare una realtà. In formato pillola. Ungruppo di scienziati britannici ha infatti carpito il segreto del corallo e il modo in cui si protegge dai raggi ultravioletti. E queste informazioni potrebbero esserecruciali per inventare una ‘pillola schermo’ miracolosa: una compressagarantirebbe una protezione lunga settimane, mandando in soffitta non solo lacrema solare, ma anche gli occhiali da sole, perché a beneficiare dello scudosarebbero pelle e occhi. La pillola, ipotizzanogli scienziati del King’s College di Londra, impegnati su questo fronte,sarebbe in grado di tagliare il rischio di cancro e di tenere a bada le rughe. Nel giro di 5 anni potrebbe essere testatasull’uomo ed entro un decennio sbarcare sul mercato a prezzi anche economici.
Iricercatori si sono ispirati a campioni di corallo raccolti nella Grandebarriera corallina australiana. E’ infatti noto, spiegano gli esperti, che gliorganismi marini che vivono in acque poco profonde hanno dei meccanismi didifesa dai raggi solari e si ipotizza che questa protezione derivi da uncomposto di alghe che abita al loro interno.
Gliscienziati hanno raccolto corallo durante immersioni notturne e poi l’hannoesposto al sole e hanno osservato il meccanismo di costruzione della protezionesolare al lavoro, scoprendo che il corallo si crea il suo scudo, la propria’crema solare’ a base di alghe.
“Inpratica abbiamo visto che il composto di alghe viene trasportato al corallo, ilquale lo modifica trasformandolo in un filtro a beneficio sia del corallostesso che delle alghe”, spiega Paul Long, uno dei ricercatori che hacondotto lo studio. Gli scienziati hanno infine notato che il corallo non èl’unico a mettersi al riparo dai danni dei raggi ultravioletti. “Anche ipesci che si nutrono del corallo – assicura Long – beneficiano di questaprotezione solare”.Quando i pesci ‘banchettano’ con il corallo, l’amminoacidocon le proprietà di filtro solare entra nella struttura della pelle e degliocchi proteggendoli.
Ora iricercatori sono vicini a riprodurre questo amminoacido in laboratorio.”Ed è plausibile che assumendolo in versione pillola arrivi alla pelle eagli occhi esercitando la sua capacità protettiva”, ragiona Long.”Nulla di simile esiste in questo momento”.
Primache la compressa sbarchi sul mercato, si dovrà procedere con una lunga serie diesami tossicologici, ma 5 anni dovrebbero bastare. Poi potrebbe essere messa incommercio. Lo studio, finanziato attraverso il Biotechnology and BiologicalSciences Research Council, è stato condotto con ricercatori australiani estatunitensi e potrebbe avere anche altre applicazioni: potrebbe per esempioessere utile per creare grano e patate con ‘scudo anti-sole’ incorporato, ingrado di crescere anche in Paesi moto caldi.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 31 agosto 2011 in SALUTE, SCIENZA, VIAGGI E VACANZE

 

L”iPhone” cinese dal prezzo accessibile

Shangai – Il nuovo smartphone lanciato dalla cinese Xiaomi Technologysi prepara a fare concorrenza all’iPhone di Apple. La Xiaomi ha indetto una conferenza stampa riprendendo lo stile di Steve Job per la presentazione dei prodotti della Apple. La forma ed il design scelti dalla casa cinese assomigliano molto al famoso “melafonino” della Apple .
Il telefono costerà 2000 yuan (circa 200 euro) contro i 5000 yuan (circa 500 euro) dell’iPhone 4. Lo smartphone cinese ha come sistema operativo MIUI, versione modificata e personalizzata di Android 2.3 creato da Google. 
L’ultimo prodotto lanciato dalla Xiaomi è caratterizzato da un processore dual core da 1.5 ghz, un giga di ram, un display multitouch da quattro pollici, fotocamera da otto megapixel, batteria da 1930 mAh ed un peso di 150 grammi.
Gli unici due prodotti sul mercato che vantano caratteristiche simili sono il Samsung Galaxy S II e l’LG Optimus Dual, che però hanno un prezzo che si aggira intorno ai 500 euro.
La presentazione del cellulare della Xiaomi in stile Apple : 
Secondo alcuni dati resi noti dall’azienda di consulenza Analysis International, in Cina, solo nel secondo trimestre dell’anno, sono stati venduti oltre 16 milioni di smartphone, registrando un aumento del 7,5% rispetto ai tre mesi precedenti. Secondo le previsioni il numero degli smartphone venduti per la fine dell’anno potrebbe raggiungere i 95 milioni. 
Il video illustra le caratteristiche dello smatphone Xiaomi:

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 31 agosto 2011 in CURIOSITA', TECNOLOGIA

 

Voglia di bunker. Tra guerre e Maya verso la fine del mondo

Roma, 29 ago. (Adnkronos) – Mentre le foto dei bunker di Gheddafi stanno facendo il giro del mondo, in Italia c’è chi il suo bunker se lo sta costruendo, in gran segreto e pagandolo profumatamente. Certo che la situazione politica della Libia non è delle più tranquille e il raìs ha voluto correre ai ripari, ma anche gli italiani hanno le loro preoccupazioni tra cui, secondo gli addetti ai lavori, l’imminente fine del mondo fissata, secondo il calendario Maya, al 21 dicembre 2012.
Cosa accadrà allora, lo sapremo tra circa 480 giorni, ma nel frattempo la profezia si sta già traducendo in un affare colossale per i costruttori di bunker e rifugi di tutto il mondo. In barba alla crisi generalizzata. La Matex Security di Pontedera, azienda attiva nel settore da 20 anni, ha visto addirittura “triplicare le richieste rispetto al 2009, e la profezia Maya c’entra eccome”, dichiara all’Adnkronos il titolare, Leonardo Remorini. I suoi clienti “sono commercianti, industriali e anche parlamentari – aggiunge – al momento stiamo costruendo un rifugio sull’Appennino, uno in Toscana, uno nella zona delle colline di Asti e uno per un industriale romano che ha venduto casa al mare per farsi il bunker in montagna”.
Di più non è dato sapere, perché la collocazione dei bunker è top secret, ma normalmente vengono costruiti in collina o in montagna. La sicurezza, poi, non ha prezzo, nel vero senso della parola. “Noi lavoriamo come i sarti, su misura – aggiunge Remorini – Il prezzo finale dipende quindi esclusivamente dalle disponibilità e dalle richieste del cliente. Possiamo fornirgli qualsiasi tipo di comodità perché là dentro ci potrà stare anche 50 anni”.
Invece, secondo Nello Di Savio, consulente ed esperto in tecnologie investigative, non è la profezia dei Maya a far paura agli italiani, ma minacce più concrete. “Gli italiani – dice – vogliono costruirsi il bunker perché sono convinti che tanto prima o poi qualcosa succede”, spiega all’Adnkronos. Sarà, ma l’azienda per cui lavora ha il nome evocativo di Bunker2012, e sul sito campeggia il countdown di “quanto ci resta” che calcola puntualmente quanto manca alla fatidica data predetta dai Maya. Forse è anche per questo che ricevono dieci richieste a settimana.
Qualsiasi sia la motivazione a spingere i clienti, per un loro bunker si deve essere pronti a sborsare dai 300 ai 700.000 euro. Le dimensioni variano da 40 ad 80 metri quadrati, rigorosamente sottoterra e con due ingressi camuffati. E per non farsi cogliere impreparati dalla fine del mondo o dall’attacco batteriologico, c’è anche la più economica versione portatile: circa 18mila euro per un bunker-tenda che può ospitare fino a sei persone, comodamente impacchettato in una valigia da portarsi sempre dietro.
Insomma, il bunker sembra essere tornato auge, ma non solo in Italia. La californiana Vivos ha visto le proprie richieste di prenotazioni volare del 1.000% dopo lo tsunami in Giappone e sta lavorando alla realizzazione di un bunker nel Nebraska che, una volta terminato, ospiterà fino a 950 persone per un anno. Poi c’è la Northwest Shelter System nell’Idaho che ha registrato un aumento delle vendite del 70% da quando hanno avuto inizio le rivolte in Medio Oriente. La UndergroundBombShelter, specializzata nella vendita di rifugi portatili, antiaereo e bunker sotterranei, ha visto le richieste aumentare del 400% dall’11 marzo.
La moda del bunker in Italia, affonda forse le sue radici nella storia di un Paese il cui sottosuolo è letteralmente scavato da bunker e rifugi antiaerei. A costruire i primi furono gli eserciti e soprattutto i tedeschi, come nel caso dei bunker Recoaro, mentre la protezione antiaerea della popolazione venne stabilita in un documento del Ministero della Guerra del 1934 secondo il quale per la ”Protezione collettiva contro le bombe scoppianti ed i gas” dovevano essere approntati ricoveri pubblici. Gallerie, cantine, sotterranei e pozzi divennero rifugi antiaerei, indicati all’esterno da una R, ancora visibile sui muri di molte città.
Celebri quelli di Colleferro: 6 km di tunnel che dopo l’armistizio si trasformarono in una vera e propria “Colleferro sotterranea” in cui si svolsero 159 cresime, 14 matrimoni e anche 8 nascite. Tra i bunker più suggestivi e ben conservati, invece, quello antiaereo e antigas voluto da Benito Mussolini a Villa Torlonia, a Roma, sotto il Casino Nobile. Posto a 6,5 metri sotto terra, questo bunker di forma cilindrica è dotato di una muratura in cemento armato spessa quattro metri circa, e si compone di più bracci disposti a croce con due uscite di sicurezza, una delle quali conduce alla misteriosa sala ipogea, con tanto di finta tomba etrusca, fatta costruire dal principe di Torlonia per i suoi consessi massonici.
Tanti i bunker nel Moncenisio, costruiti tra il 1932 e il 1941 a difesa del tratto di confine Italia-Francia; molti in Alto Adige. Alcuni sono abbandonati, altri sono stati adibiti agli usi più diversi: c’e’ chi nel bunker ci stagiona il formaggi, chi ci ha aperto un’enoteca, alcuni invece sono stato trasformati in musei, come il Bunker Mooseum a Passo del Rombo o la Gampen Gallery a Passo Palade.
Mille e non più mille, si diceva temendo l’avvento del fatidico anno che avrebbe segnato la fine del mondo. E invece eccoci qui, con il 2000 già alle spalle da ben undici anni. Il pianeta Terra è uscito indenne dal 1260 e dal 1836, anni in cui si sarebbe compiuta l’Apocalisse rispettivamente secondo i calcoli del beato Giaocchino da Fiore e del reverendo John Wesley, mentre per Sun Myung Moon, capo della Chiesa dell’Unificazione, nel 1967 si sarebbe compiuta la “grande catastrofe mondiale”.
Secondo Nostradamus nel 1999 sarebbe arrivato dal cielo il “re del terrore”, mentre il Giudizio Universale predetto da Harold Camping per il mese di maggio 2011 non si è compiuto. Non c’è stato tempo per tirare un sospiro di sollievo che già la specie umana deve far fronte alla prossima temibile profezia, quella che fissa la fine del mondo al 21 dicembre 2012, in coincidenza con la fine di uno dei cicli del calendario Maya.
In questa data, secondo le varie interpretazioni, avrà luogo un evento di portata planetaria che produrrà una significativa discontinuità con il passato. In molti indicano le tempeste solari che dovrebbero verificarsi nel 2012 come la causa di tutto ciò.
Il Sole varia il suo campo magnetico ogni 11 anni e ogni tanto raggiunge un picco dei fenomeni che provocano una grande quantità di radiazioni ed energia. Secondo la Nasa e la National Academy of Sciences, tra il 2012 e il 2013 si avrà uno di questi picchi provocando tempeste solari come quella che nel 1921 mise fuori uso linee elettriche e telefoniche.
In un mondo fondato sull’energia questo significherebbe, secondo i catastrofisti, devastazione sociale ed economica. Tranne che per Bugarach, paesino sudorientale della Francia, che pare rimarrà indenne alla fine del mondo. A causa del magnetismo della montagna Pech, che forse conterrebbe l’Arca dell’Alleanza, il sepolcro della Maddalena o una città catara. Comunque, probabilmente grazie al suo legame col mistero di Rennes-le-Chateau, situato poco distante.
Fine del mondo a parte, la storia delle profezie è lunga e piena di sorprese. C’è la Monaca di Dresda che non solo predisse i nomi dei papi (come nella Profezia di Malachia), ma anche il futuro di Casa Savoia (compreso in che modo sarebbero morti tutti i re) in una lunga lettera a Vittorio Amedeo II, stando alla quale dopo questo periodo di pausa, tornerà a guidare il Paese un quinto re d’Italia, dodicesimo e ultimo di casa Savoia.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 agosto 2011 in CURIOSITA', SCIENZA

 

Ridere fa bene al cuore

Roma, 28-08-2011. Cardiologi: “Nuovi studi misurano l’efficacia preventiva della risata”
“Ora è ufficiale, ridere protegge il cuore il buonumore vale quanto l’esercizio fisico e i farmaci”. E’ quanto emerge da una ricerca dell’Università del Maryland presenta oggi al Congresso europeo di Cardiologia che si apre oggi a Parigi. La scarica positiva di una risata ha sulle arterie lo stesso effetto benefico dell’attività fisica o delle statine, i farmaci anti-colesterolo. Per la prima volta una ricerca dell’Università del Maryland, presentata al Congresso europeo di Cardiologia che si apre oggi a Parigi, è riuscita a misurare l’impatto del buonumore sulla salute.
I risultati sono sorprendenti ed hanno destato grande interesse fra i 30.000 medici presenti, tanto da inserire questo parametro fra i capisaldi di uno stile di vita corretto, al pari del movimento o della dieta. “Per star meglio basta un buon film comico – spiega il prof. Roberto Ferrari, past president della European Society of Cardiology (ESC) e presidente della “Fondazione Anna Maria Sechi per il Cuore” (FASC) -: lo studio ha messo a confronto l’espansione dell’endotelio, il rivestimento interno dei vasi sanguigni, nelle stesse persone in seguito alla visione di uno spettacolo divertente e di uno drammatico, dimostrando che la risata provoca la dilatazione dei vasi fino al 50% in più, aiutando così a prevenire aterosclerosi, infarti e ictus”.

La ridotta funzionalità vascolare è determinante per lo sviluppo di malattie cardiache, che rappresentano tuttora la prima causa di morte nel mondo, con 4,3 milioni di decessi ogni anno in Europa, il 48% del totale. In Italia sono circa 5 milioni le persone affette da cardiopatia ischemica, la più diffusa tra le malattie cardiovascolari, mentre l’infarto del miocardio ogni 12 mesi colpisce circa 200 mila persone. Perché gli effetti siano visibili l’ilarità deve essere frequente, l’ideale sono 15 minuti al giorno.

La rabbia aumenta il rischio d’infarto
Rabbia e negatività aumentano invece il rischio di infarti nei sani, fino a raddoppiarlo in chi è già malato, come dimostra un’altra ricerca dell’Università di Pisa presentata al Congresso. Gli oltre 30.000 esperti dedicano infatti grande attenzione al rapporto fra umore e salute, oggetto di un’intera sessione dei lavori, preoccupati per gli effetti della crisi economica globale che fa prevedere un aumento del 15% degli eventi cardiovascolari nel vecchio continente nei prossimi mesi, così come è accaduto in Irlanda in seguito al crac del 2010.
“Nel nostro Paese tradurremo in pratica i risultati di queste ricerche nel primo progetto di prevenzione basato sulla promozione del buonumore promosso dalla FASC – continua Ferrari -. Be happy, be healthy, che partirà in autunno, si basa sul valore protettivo e terapeutico della risata e utilizzerà la comicità in tv come strumento principale di prevenzione, come indicato dallo studio USA. Stiamo elaborando un nuovo programma ad hoc con attori e cabarettisti che ci vedrà impegnati direttamente, per garantire la massima scientificità. Ridere infatti è importante ma ovviamente da solo non basta e soprattutto non può sostituirsi all’esercizio fisico e a una dieta sana”. (RaiNews24)
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 agosto 2011 in SALUTE

 

Vacanze finite, sindrome da rientro per un italiano su tre.

Milano, 27 ago. (Adnkronos/Adnkronos Salute) – Hanno seguito dalle spiagge e dai luoghi di villeggiatura le Borse ballerine, i titoli sulle montagne russe, gli annunci del Governo sui drammatici tagli in arrivo. Ora che per i vacanzieri italiani si avvicina il momento del rientro in città e sul posto di lavoro, tutta l’ansia accumulata leggendo i giornali sotto l’ombrellone e seguendo a distanza l’ultimo atto della crisi rischia di mettere a dura prova i nervi, aggravando lo stress da rientro.
La sindrome nota come ‘post vacation blues’ è dietro l’angolo, avvertono gli esperti. Colpisce, come sottolinea lo psichiatra Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di neuroscienze dell’ospedale Fatebenefratelli di Milano, “ormai circa il 35% della popolazione, con maggior incidenza tra i 25 e i 45 anni”.
Più di un italiano su 3, dunque, rischia di soffrire il rientro a tal punto da ‘somatizzarlo’. I sintomi? Senso di stordimento, calo di attenzione, digestione difficile, mal di testa e dolori muscolari. Ma anche ansia, abbassamento dell’umore, senso di vuoto, atteggiamento distaccato e irritabilità”.
Si tratta di disagi legati alla cosiddetta sindrome d’adattamento che scaturisce ogni qualvolta avviene un cambiamento dello stile di vita, come succede in vacanza. Ma quest’anno c’è un ingrediente in più: “Il precipitare della crisi economica, le palpitazioni delle Borse e la paura del default complicheranno le cose – sottolinea Massimo Di Giannantonio, psichiatra dell’università ‘G. D’Annunzio’ di Chieti – e i più vulnerabili sono sicuramente gli italiani che appartengono alle categorie sociali meno protette: lavoratori part-time e a progetto. Chi si trova messo ai margini del mercato del lavoro”.
Al rientro i soggetti a rischio potranno andare incontro a due grandi categorie di disturbi: il disturbo distimico e quello dell’adattamento. “La prima categoria – spiega Di Giannantonio – è principalmente legata ad alterazioni della sfera somatica. Si tratta dunque di disturbi del sonno, disturbi di carattere endocrinologico, del sistema nervoso periferico (come difficoltà digestive o alterazione dei ritmi circadiani). Mentre invece l’area del disturbo dell’adattamento riguarda la sfera psichica-relazionale e comporta difficoltà e fatica nell’assunzione della responsabilità, difficoltà nella gestione dei rapporti lavorativi e intrafamiliari”.
Ma il rientro ‘a tinte fosche’ può avere effetti diversi a seconda delle caratteristiche interiori degli italiani. Ci sono due opposte reazioni possibili: “Reazioni che corrispondono a due diverse tipologie di persone. Quelle indipendenti, creative e costruttive che torneranno fiduciose e padrone di sé e utilizzeranno lo schema crisi come un ulteriore stimolo alle loro doti creative. In altre parole reagiranno come un cavallo che riceve una sferzata, cercando di mettere a disposizione degli altri la parte migliore della propria personalità. L’altro profilo – continua lo psichiatra – è quello in cui rientrano le persone ‘campo-dipendenti’, passive, con grave mancanza di creatività, che sentono la crisi come uno stimolo depressogeno, demotivatore e portatore di sofferenza. Una situazione che aggraverà il loro disagio, generando ulteriore stress e fatica”.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 agosto 2011 in SALUTE, VIAGGI E VACANZE

 

E’ allarme per psicofarmaci al posto di antidolorifici

Ritirato dal mercato farmaco Nurofen Plus

Londra, 27 ago. (TMNews) – E’ allarme in Gran Bretagna dopo il ritrovamento di alcune pastiglie di un potente psicofarmaco, il Seroquel XL, utilizzato contro la schizofrenia, all’interno di alcune confezioni di antidolorifico Nurofen Plus. L’azienda produttrice del farmaco, Reckitt Benckiser, è stata costretta a ritirare il medicinale dal mercato. “Nurofen è stato ritirato” si legge in un documento diffuso ieri sera. “I consumatori sono pregati di consegnare tutte le confezioni di Nurofen Plus nella farmacie più vicine”, sottolinea il comunicato. “Crediamo si tratti di un sabotaggio e collaboriamo con la polizia che sta indagando per trovare i responsabili”, aggiunge la nota. Secondo la Reckitt Benckiser, circa 250mila confezioni di Nurofen Plus circolano nelle case britanniche. Almeno due persone hanno assunto per errore gli psicofarmaci.

(Fonte Afp)

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 agosto 2011 in SALUTE

 

Dal ‘barefooting’ al ‘fish pedicure’; il benessere passa dai piedi

Londra, 25 ago (Adnkronos) – Dalla testa ai piedi il passo è breve e il benessere durevole. Camminare senza scarpe, finchè possibile, è meglio. Lo consigliano gli ortopedici, i ‘personal trainer’, i guru olistici. Specie se sulla sabbia o sull’erba, ma anche sul parquet e sulle mattonelle, l’effetto di massaggio naturale è benefico per corpo e mente, il risultato posturale migliora la colonna dorsale.
Una disposizione naturista che precede l’ecologia come la conosciamo oggi e tuttavia l’asseconda nel rispetto per l’ambiente e l’individuo, al di là delle convenzioni. La bella stagione, le vacanze e le alte temperature favoriscono in questo periodo lo stare scalzi il più a lungo possibile. “Sentire il contatto con la terra -precisa l’ortopedico Lorenzo Fonzone di Napoli- permette di attingere energia in grado di riattivare la circolazione e il flusso delle forze vitali all’interno dell’organismo”.
Ma camminare senza scarpe è divenuta anche una moda. Fan dei piedi nudi si scoprono diverse star hollywoodiane, che sia per abbandonare le calzature, sia per indossare con minor sforzo il famigerato tacco 12, passano prima dal chirurgo estetico. Tra i più noti a Beverly Hills, Ali Sadrieh è specializzato in “foot surgery”. Attori e attrici gli chiedono soprattutto di modificare alluci, limare mignoli o “riempire” la pianta del piede.
Oggi sfidano il mondo a piedi nudi Sienna Miller, Uma Thurman e Jody Foster, proprio come negli anni Sessanta girava per Saint Tropez la mitica BB o la giovanissima Jane Fonda di “A piedi nudi nel parco”, accompagna da Robert Redford sedotto dal suo fascino infantile e sbarazzino. Tutte, insomma, accese sostenitrici del “barefoot”, la seduzione del piede e il camminare scalzi, terapia alternativa per il benessere e l’equilibrio di tutto il corpo.
Un trend quello del ‘barefooting‘ che da Oltreoceano si sta diffondendo anche in Europa, a cominciare della Germania, dove si pratica frequentemente nei parchi: si veda ad esempio il sito dedicato www.barefusspark.info/it. In Italia, invece, i suoi seguaci appartengono al club dei “Nati Scalzi”, che segnala attività da svolgere in tutto il Paese, rigorosamente privi di scarpe (www.nati-scalzi.org).
Di pari passo, crescono, intanto, i trattamenti di bellezza per la salute e la bellezza delle estremità, sempre più sofisticati tanto da non avere niente da invidiare a quelli per il viso. Dopo la riflessologia, l’ayurvedica e i massaggi plantari rilassanti adesso è il momento del “fish-pedicure“.
Nato in Medioriente e adesso sdoganato anche in Europa, dopo non poche polemiche da parte degli ambientalisti, questo trattamento prevede, mentre si sta seduti su comodi divanetti, di affondare i piedi in una specie di acquario a temperatura controllata. Qui nuotano centinaia di piccoli pesci d’acqua dolce, i Garra Rufa, appartenenti alla famiglia Cyprinidae, che rimuovono con dolcezza le cellule morte della pelle, cibandosene.
L’effetto levigante è ottenuto in breve tempo, grazie a un lieve solletico, sotto l’occhio esperto di estetiste che controllano le diverse fasi del procedimento, dalle abluzioni iniziali al risultato finale, in un clima un po’ rituale e un po’ magico. I prezzi sono contenuti, a partire da 10-20 euro in su, secondo il tempo di immersione.
Da Mykonos a Londra, l’Europa più trendy si è fatta conquistare da questi singolari luoghi d’incontro affollati da curiosi, a metà tra un salone di bellezza ‘old style’ e un moderno bar per l’aperitivo, dove si chiacchiera piacevolmente tenendo i piedi a bagno, assediati da decine di pesci festosi. Un vero sollievo per i viandanti affaticati, naturisti e non, del terzo millennio.
 
1 Commento

Pubblicato da su 27 agosto 2011 in CURIOSITA', SALUTE